• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Ambiente > #GlobalStrikeforFuture | Il mondo è sceso in piazza per salvare se (...)

#GlobalStrikeforFuture | Il mondo è sceso in piazza per salvare se stesso

Venerdì 15/03/2019 gli adolescenti di tutto il mondo sono scesi in piazza per il #Global Strike for Future sotto un unico slogan "Non c'è un pianeta B" e sull'onda degli scioperi della giovane attivista Greta Thunberg. Ma chi è Greta e quali sono le richieste partite dalle piazze? Penso che sappiate chi sia Greta e che conosciate la sua battaglia, ma in questo articolo (procedendo per gradi) vi racconterò tutto nei minimi particolari anche per chi non dovesse essere a conoscenza; quindi non mi resta che augurarvi buona lettura.

Chi è Greta Thunberg?

Greta Thunberg è una giovane (16 anni compiuti) svedese attivista per lo sviluppo sostenibile e contro il cambiamento climatico. Il suo attivismo è diventato noto per il suo regolare svolgimento tenuto ogni venerdì mattina.

Tutto ha avuto inizio il 20 agosto 2018 quando Greta, a fronte delle eccezionali ondate di calore e degli incendi boschivi senza precedenti che hanno colpito la Svezia, ha deciso di non andare a scuola fino alle elezioni legislative del 9 settembre 2018 rimanendo seduta davanti al parlamento svedese ogni giorno durante l'orario scolastico, con lo slogan "sciopero della scuola per il clima" e chiedendo al Governo svedese la riduzione delle emissioni di anidride carbonica, come tra l'altro era previsto dall'accordo di Parigi sul cambiamento climatico. A seguito delle elezioni, ha continuato a manifestare ogni venerdì, lanciando così il movimento studentesco internazionale "Fridays for Future".

Oltre alle manifestazioni del venerdì ha iniziato a fare delle manifestazioni in giro per le città del mondo ed ha tenuto discorsi in importanti conferenze organizzate da associazioni che lottano contro il cambiamento climatico e inspirando i giovani coetanei a manifestare in tutto il mondo.

Il 4 dicembre 2018 Greta ha parlato alla COP24, vertice delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici tenutosi a Katowice, in Polonia. Greta ha spiegato così la gravità del problema:

«Ciò che speriamo di ottenere da questa conferenza è di comprendere che siamo di fronte a una minaccia esistenziale. Questa è la crisi più grave che l'umanità abbia mai subito. Noi dobbiamo anzitutto prenderne coscienza e fare qualcosa il più in fretta possibile per fermare le emissioni e cercare di salvare quello che possiamo.»

In occasione dell'ultima giornata ufficiale di lavori, il 14 dicembre, ha dichiarato dalla tribuna della COP24, parlando ai leader mondiali riuniti, lasciandoli senza parole:

«Voi parlate soltanto di un'eterna crescita economica verde poiché avete troppa paura di essere impopolari. Voi parlate soltanto di proseguire con le stesse cattive idee che ci hanno condotto a questo casino, anche quando l'unica cosa sensata da fare sarebbe tirare il freno d'emergenza. Non siete abbastanza maturi da dire le cose come stanno. Lasciate persino questo fardello a noi bambini. [...] La biosfera è sacrificata perché alcuni possano vivere in maniera lussuosa. La sofferenza di molte persone paga il lusso di pochi. Se è impossibile trovare soluzioni all'interno di questo sistema, allora dobbiamo cambiare sistema.»

Inoltre Greta è stata proposta da tre parlamentari norvegesi per il premio Nobel per la pace.

Le manifestazioni di ieri in Italia e nel mondo

Venerdì 15/03/2010 giovani e non, ispirati dalle azioni di Greta, di oltre 2.000 città di tutto il mondo, hanno invaso le strade e le piazze aderendo al "Global Strike for Future" con l'unica richiesta: interventi concreti, subito, per bloccare il riscaldamento globale e garantire un futuro alle donne e agli uomini di domani.

Anche in Italia, dove si sono svolti più di 235 cortei, i manifestanti in piazza nelle principali città erano più di 20.000 e in tutto più di un milione.

Ma quali sono le richieste di chi è sceso in piazza?

Le richieste dei manifestanti di tutto il mondo sono le stesse perché il problema è globale e sono rivolte a tutti i leader dei vari paesi, vi elenco la principali: forte rilancio delle politiche energetico ambientali, rigenerazione urbana ed energetica degli edifici, riduzione progressiva di incentivi ai combustibili fossili e sussidi per attività non sostenibili economicamente e ambientalmente; promozione di riuso, ripristino e messa in sicurezza delle infrastrutture e dei territori, riduzione dei consumi di benzina e gasolio attraverso soluzioni alternative di trasporto pubblico e privato.

Ieri è stata una giornata storica, forse è ancora presto e non basterà quella di ieri a far capire ai politici di tutto il mondo che bisogna operare in fretta e farlo subito, ma se saranno davvero loro, i ragazzi scesi in piazza, a salvare il mondo allora ben vengano manifestazioni globali come quelle di ieri, e a noi adulti toccherà ascoltare e sostenere questi ragazzi per dare a loro un futuro nell'unico pianeta che abbiamo.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità