• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca > Caso Regeni: 30 mesi senza verità per Giulio

Caso Regeni: 30 mesi senza verità per Giulio

Trenta mesi. Sono trascorsi 30 mesi dalla scomparsa al Cairo di Giulio Regeni. Una scomparsa che fu un vero e proprio sequestro di persona, seguito da una sparizione di nove giorni nei quali il ricercatore italiano venne selvaggiamente torturato a morte.

 

Di ciò che successe a Giulio quando uscì dalla sua abitazione cairota, nel tardo pomeriggio del 25 gennaio 2016, non ci sono testimonianze né immagini (quelle delle telecamere di sorveglianza, consegnate dopo oltre due anni dalla magistratura egiziana, sono risultate incomplete e piene di “buchi” proprio nell’intervallo temporale fondamentale).

Ci sono, secondo la Procura di Roma, sospetti sulle responsabilità di funzionari dell’Agenzia per la sicurezza nazionale, i servizi civili alle dipendenze del Ministero dell’Interno, noti già ai tempi di Mubarak (ma con altro nome) per eseguire sparizioni, torture e omicidi.

Ci sono le ricerche dei coraggiosi difensori dei diritti umani egiziani e delle organizzazioni non governative internazionali sui Giulio e sulle Giulia d’Egitto che, prima e dopo l’assassinio del Giulio di Fiumicello, hanno conosciuto lo stesso destino: inghiottiti, gli uni e le altre, dal sistema repressivo delle agenzie di sicurezza egiziane.

C’è la tenacia con cui la magistratura egiziana ha depistato, ritardato, proposto scenari offensivi nei confronti di Giulio, inverosimili e cinici (come l’assassinio di cinque innocenti, componenti dell’inesistente banda dei sequestratori di stranieri inventata prima della Pasqua del 2016).

Questo atteggiamento dilatorio delle autorità egiziane non sarebbe stato possibile senza l’incoerente attenzione, usiamo questo eufemismo, delle autorità italiane.

Proprio in questo periodo, un anno fa, era in pieno vigore la campagna per far tornare l’ambasciatore italiano al Cairo. La decisione sarebbe stata poi presa il 14 agosto, sulla base di un’affermazione falsa e di una prospettiva tutta da verificare: la prima, che la collaborazione della Procura egiziana con quella italiana stesse dando frutti positivi; la seconda, che la piena ripresa dei rapporti diplomatici (dopo il ritiro temporaneo dell’ambasciatore, deciso nell’aprile 2016) avrebbe favorito il raggiungimento della verità.

E siamo arrivati a oggi, a 30 mesi dal 25 gennaio 2016. Il nome di Giulio viene fatto, come fosse un obbligo o un modo per sentirsi a posto con la coscienza, in ogni incontro tra le autorità italiane e quelle egiziane. Ma a me pare che l’unico a farlo sinceramente sia il Presidente della Camera, Roberto Fico.

 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità