• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Home page > Attualità > Carola è libera, il Gip non convalida l’arresto: Salvare vite non è (...)

Carola è libera, il Gip non convalida l’arresto: Salvare vite non è reato

“Nella giornata del lungo e appassionato corteo di solidarietà a Palermo, Carola Rackete, la comandante della Sea-Watch 3 sbarcata a Lampedusa con 42 immigrati in fuga da guerre e povertà, torna libera dopo quattro giorni trascorsi agli arresti domiciliari” si legge in un lungo post del Forum Antirazzista Palermo.

(Foto di https://www.facebook.com/groups/112...

“Il Giudice delle Indagini Preliminari di Agrigento, Alessandra Vella, non soltanto non convalida l’arresto né il divieto di dimora in provincia di Agrigento, ma esclude anche il reato di “resistenza e violenza a nave da guerra” e, nello stesso tempo, sostiene che il reato di resistenza a pubblico ufficiale sia stato giustificato da una fondamentale “causa scriminante” legata all’avere agito “nell’adempimento del dovere” di salvare vite umane in mare. Secondo il Gip, “il decreto sicurezza bis non si applica alle azioni di salvataggio”.

La notizia ha scatenato la gioia degli oltre 5mila partecipanti al corteo antirazzista di Palermo, organizzato da Legambiente SiciliaForum Antirazzista Palermo e Arci Sicilia per testimoniare la solidarietà dei palermitani nei confronti della “Capitana” e della Sea Watch, salvatori di molti migranti.

Almeno un centinaio le sigle aderenti all’appello dei promotori: Istituzioni (dal Comune di Palermo al rettore dell’Università); sindacati (dalla Cgil Sicilia ai Cobas Scuola Palermo, dalla Cisl Palermo Trapani all’ USB Unione Sindacale Di Base pag. nazionale, dalla Uil Sicilia alla Cgil Palermo, fino allo SlaiCobas Per il sindacatodiclasse ); organizzazioni politiche (da Rifondazione Comunista Palermo a Sinistra Italiana, da Potere al Popolo a Sinistra Comune, da Diem25 Italia alle principali sigle anarchiche); associazioni (dall’ ANPI Palermo “Comandante BARBATO” ad Amnesty International – Italia, da Gruppo Emergency Palermo a Medici Senza Frontiere – Gruppo di Palermo, dall’Istituto Gramsci Sicilia all’Unione Donne Italiane); realtà dell’antimafia sociale (dal Centro Impastato a Libera Palermo contro le mafie, dal Centro Pio La Torre a Casa Memoria Impastato); ecologisti (da Greenpeace Gruppo Locale di Palermo al Forum per l’Acqua Bene Comune); cattolici (dall’Agesci ai Missionari Comboniani di Palermo, dai Focolari all’Istituto Arrupe, dal Centro Santa Chiara al Gruppo Emmaus); laici (dal Palermo pride al Circolo UAAR di Palermo); ong (da Mediterranea Saving Humans a Laboratorio Zen Insieme); associazioni studentesche e tante altre importanti realtà” continua il post.

Applausi in occasione dell’annuncio di Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo sul conferimento della cittadinanza onoraria all’equipaggio della Sea-Watch. “Adesso aspettiamo Carola qui a Palermo” ha aggiunto il sindaco.

Scomposta e minacciosa la reazione di Salvini in diretta Facebook alla notizia della scarcerazione della capitana. “E’ finito il lucro, è finita la pacchia sull’immigrazione clandestina, li rimanderemo indietro uno ad uno. Questi sono potenziali assassini, sono criminali e i criminali in un paese normale vanno in galera. Confido che quel giudice che dirà basta arrivi presto”.

Per la magistratura italiana ignorare le leggi e speronare una motovedetta della Guardia di Finanza non sono motivi sufficienti per andare in galera. Nessun problema: per la comandante criminale Carola Rackete è pronto un provvedimento per rispedirla nel suo paese perché pericolosa per la sicurezza nazionale.”

L’espulsione di Carola Rackete però non è scontata: il prefetto di Agrigento Dario Caputo ha firmato il provvedimento di allontanamento dall’Italia, ma questa misura dovrà essere convalidata dall’autorità giudiziaria.

“È nostro interesse che attraverso le indagini si faccia luce su ogni singolo punto di questa vicenda e sull’attacco all’azione umanitaria in mare”. Giorgia Linardi, portavoce di Sea Watch, ha commentato così su twitter la notizia della scarcerazione di Carola Rackete.

Foto di Mediterranea Saving Humans

 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di Sandro pasculli (---.---.---.253) 4 luglio 16:05

    Non demordete, non è ancora detta l’ultima parola. Questi cialtroni anti italiani non l’avranno vinta.

    Il caso Rackete non è chiuso: un atto incastra la capitana I pm non si arrendono: "L’indagine andrà avanti a lungo". Pronta la strategia per incriminare l’Ong e la comandante

    Mauro Indelicato - Gio, 04/07/2019 - 10:12

    Sul caso riguardante Carola Rackete la parola più diffusa, a commento della decisione del Gip Alessandra Vella, è quella di “sentenza”: su molte testate, così come sui social, si parla di sentenza che scarcera la giovane capitana della Sea Watch 3.

    Ma in realtà, quella emessa nella giornata di martedì, altro non è che la decisione relativa al provvedimento di custodia cautelare. Dovrebbe essere superfluo sottolineare tutto ciò, ma invece sembra essenziale per capire meglio i termini della vicenda. All’interno soprattutto dell’opinione pubblica si diffonde la sensazione che il via libera alla scarcerazione da parte del Gip, metta la parola “fine” alla vicenda di Carola Rackete.

    Ma così non è ed a dimostrarlo è un atto proveniente dal tribunale che, apparentemente, sembra un altro punto a vantaggio della capitana, ossia il no all’immediata esecuzione dell’espulsione decisa dal prefetto di Agrigento.

    Le indagini vanno avanti, all’interno degli uffici del palazzo di giustizia della città dei templi nessuno vuol sentir parlare di caso finito. Martedì prossimo Carola Rackete deve nuovamente presentarsi in tribunale per un altro interrogatorio e dunque non è conveniente mandarla via adesso dall’Italia.

    E se per adesso l’attenzione dei media è tutta sullo speronamento della motovedetta della Guardia di Finanza, negli uffici della procura la concentrazione è massima sull’altro filone dell’inchiesta, quello cioè sul presunto favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

    È proprio su questo binario dell’indagine che gli inquirenti vogliono sentire la versione dei fatti di Carola Rackete. All’interno del tribunale la sensazione è che l’inchiesta sia solo all’inizio e che buona parte del lavoro in merito viene svolta proprio in queste delicate ore, in cui il caso della scarcerazione della capitana della Sea Watch è tra i più caldi a livello nazionale sotto il profilo politico.

    Lo si intuisce già lunedì per la verità, quando subito dopo l’interrogatorio alla ragazza tedesca il procuratore Luigi Patronaggio convoca repentinamente una conferenza stampa per illustrare i punti più salienti relativi all’inchiesta ed alla posizione della procura di Agrigento. Al suo fianco, i due pm titolari dell’inchiesta: Salvatore Vella e Gloria Andreoli. È proprio in quell’incontro con i giornalisti che Patronaggio fa riferimento a diversi elementi coperti da segreto istruttorio che, specialmente in questi giorni, vengono presi sotto esame e costituiscono parte integrante dell’inchiesta sul favoreggiamento: “Andremo a verificare le concrete modalità del salvataggio – dichiara in quell’occasione Patronaggio – cioè a dire se vi sono stati contatti tra i trafficanti di esseri umani e la Sea Watch, se il contatto è avvenuto in modo fortuito o ricercato”.

    A distanza di 48 ore dalla fase più calda del caso di Carola Rackete, costituito per l’appunto dalla sua scarcerazione, non mancano le fatidiche voci di corridoio all’interno del palazzo di giustizia. Voci che parlano dell’intenzione di Salvatore Vella, curiosamente omonimo ma non parente del Gip Alessandra Vella, di voler andare fino in fondo nell’inchiesta: “Lui – afferma una fonte sentita da IlGiornale.it in tribunale – è un tipo molto tosto, che non lascia mai nulla al caso. Sicuramente anche in questa vicenda premerà per chiarire ogni singolo aspetto dell’indagine”.

    Ecco quindi il perché del nuovo interrogatorio e della volontà da parte dei titolari dell’inchiesta di ascoltare nuovamente Carola Rackete. Si vuole far luce proprio su quegli elementi a cui fa riferimento Patronaggio in conferenza stampa, i quali attualmente risultano coperti dal segreto istruttorio.

    E se c’è chi in via Mazzini, dove ha sede il tribunale di Agrigento, fa notare che proprio Patronaggio nella giornata di martedì in audizione alla commissione affari costituzionali della Camera dichiara la non esistenza attuale di prove certe, a livello complessivo, di contatti tra trafficanti ed Ong, c’è però anche chi sottolinea un altro passaggio del discorso del procuratore: “Anche se finora non abbiamo avuto una prova di collusione– sono le parole di Patronaggio – Questo non significa tra trafficanti ed Ong non si siano registrati contatti o che si registreranno in futuro”.

    Martedì prossimo, quando Carola Rackete comparirà nuovamente davanti ai magistrati, questo caso forse non avrà più lo stesso risalto mediatico degli ultimi giorni e forse la vicenda della Sea Watch sarà repentinamente scavalcata da altri fatti come accaduto in passato per la nave Diciotti o la Mare Jonio. Ma questo non vuol dire che tutto sarà finito: al contrario, le indagini potrebbero essere molto lunghe e delicate e riservare, alla distanza, non pochi colpi di scena. In poche parole, quella emessa martedì dal Gip non è affatto la parola fine all’inchiesta.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità