• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Istruzione > Bologna: i precari della scuola caricati dalla polizia alla festa del (...)

Bologna: i precari della scuola caricati dalla polizia alla festa del PdL

Nella serata del 10 settembre 2010 era attesa a Bologna la Gelmini, Ministro dell’Istruzione alla festa regionale del PdL.

Ma come previsto ed annunciato non è venuta la sig.ra Gelmini: ha preferito evitare le contestazioni.

Ecco che in un manifesto volante si legge: "Gelmini assente... ditelo a Brunetta".

Ma i precari della scuola i centri sociali bolognesi il sindacalismo di base, semplici insegnanti erano presenti.

La cosa che impressiona maggiormente, ad un primo impatto per chi si recava per le vie centrali di Bologna, è l’imponente schieramento delle forze dell’ordine che "tutela" la festa del PdL in piazza XX settembre, all’inizio di via Indipendenza.
 
Avevano difficoltà a rincasare anche i residenti in quella zona.
 
Uno schieramento "esagerato" per proteggere la festa del PDL, il tutto con i soldi pubblici... Il tutto per reprimere il dissenso.

Un centinaio di manifestanti tra fischi e fischietti, cori e trombette provano ad oltrepassare la linea di confine tra il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero ed il divieto fascista di esprimere le proprie opinioni pacificamente in piazza.

Un gruppo di precari, situato innanzi al tendone del PdL mentre stava discutendo tranquillamente sulla situazione in essere, all’improvviso, senza nessun apparente motivo, viene spintonato dai carabinieri e polizia.

Ripeto il tutto così all’improvviso.

Il motivo reale è che non si poteva disturbare la festa del Pdl... Non si poteva contestare, non di doveva contestare.

Ma si contesta. Si protesta. Si manifesta.

Chiaramente è stata una vera e propria provocazione quella posta in essere da parte delle forze di polizia di stato del Pdl.

La tensione, inevitabilmente, sale, aumenta sempre di più. Ecco gli sguardi inferociti dei carabinieri che con i loro scudi spingono i precari lontano dalla festa del pdl. Si arretra di qualche metro, volano calci e spintoni da parte di chi dovrebbe tutelare il c.d. ordine pubblico il tutto gratuitamente.
 
Una ragazza dice "mi hanno dato un calcio ma non ho fatto nulla,nulla". Si sente dire da qualche manifestante all’indirizzo delle forze dell’ordine,anche voi avete stipendio da fame finitela di proteggerli: unitevi a noi.

Quindi, a Bologna, ancora una volta, è stato leso un diritto garantito dalla Costituzione, l’articolo 21. Ed ecco che gli insegnanti della scuola leggono più volte ad alta voce proprio l’articolo 21 della Costituzione.

Era una situazione surreale. Sembrava di vivere veramente il funerale dell’articolo 21 della Costituzione.

Quindi, tra gratuite provocazioni, città blindata, divieti di manifestare e protestare, lentamente si afferma ancora una volta lo stato presente delle cose, ovvero l’Italia è soggetta a grande repressione reazionaria ed autoritaria.

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares