• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tempo Libero > Incredibile ma vero! > Anche i gatti soffrono il caldo, ecco come aiutarli a stare (...)

Anche i gatti soffrono il caldo, ecco come aiutarli a stare meglio

I gatti, questi simpatici e deliziosi felini, amici adorati da milioni di persone, come tutti gli esseri viventi sono soggetti ai cambiamenti climatici e soffrono moltissimo le elevate temperature. Ecco alcuni accorgimenti per aiutarli a non morire di caldo. 

È arrivata l’estate anche per i nostri piccoli amici a quattro zampe. I gatti soffrono il caldo e l’afa? La risposta è sì ed anche molto. Se il micio è vecchio o in sovrappeso allora è più soggetto a colpi di calore. Anche i gatti soffrono il caldo e hanno bisogno di qualcuno che si occupi del loro benessere e della loro igiene. I felini hanno di loro un sangue molto caldo e una temperatura corporea di 40 gradi. La razza de gatti persiani ad esempio per il loro muso eccessivamente schiacciato soffre maggiormente, perché faticano a respirare quando fuori si superano i 30 gradi. 

I sintomi di un colpo di calore

Tra i sintomi evidenti che nascondono una loro sofferenza al caldo c’è l’ansimo a bocca aperta, il vomito e l’apatia, in tal caso il gattino va subito portato dal veterinario e se non ha sete bisogna comunque utilizzare uno spruzzino di acqua fresca (mai fredda) e idratargli la lingua. Il cibo va preferito secco e per lo più diviso in piccoli e frequenti spuntini. I gatti scelgono il proprio padrone e si aspettano di essere amati e coccolati da questi. Ci sono dei modi per prevenire la sofferenza dei nostri amici a quattro zampe, uno di questi è dare loro una scodella di acqua fresca in cui bere e sciacquarsi di tanto in tanto, ma sarebbe utile anche non sovraccaricare l’apparato digerente del felino con una pappa troppo abbondante.

L'igiene del gatto

Altro modo per aiutare il gatto a non sentire caldo è sopraelevare la lettiera in un luogo ventilato e ben areati. Il gatto non ama molto lavarsi, questo è risaputo, ma se gli lasciamo un panno bagnato o una bacinella di acqua fresca in prossimità della sua cuccia, almeno avrà modo di trovare frescura, quando le temperature salgono troppo. E se lasciate il micio da solo in casa per un weekend allora non dimenticate di abbassare le tapparelle e di lasciare aperte le finestre, perché il piccolo felino potrebbe arrostire da solo in una casa senza spifferi d’aria. Con l’aumento delle temperature inoltre proliferano parassiti e pulci che sanno il tormento al nostro amico a quattro zampe. Acquistare un buon antiparassitario potrebbe essere la soluzione giusta per chi vuole stare tranquillo sulla salute del proprio gatto. Se ne trovano di varie marche in commercio. Prevenire è meglio che curare e soprattutto con l’aumento delle temperature bisogna muoversi in tempo per evitare che i mici siano vittime di zecche e pulci fastidiose, che fanno male anche a noi esseri umani, provocando fastidiose allergie e problemi respiratori anche molto seri. Una recente ricerca ha dimostrato come i gatti proteggano da ictus e da allergie gli esseri umani. Insomma, dobbiamo molto ai nostri piccoli amici.

Cosa usare contro i parassiti?

I parassiti possono essere trasmessi anche da noi padroni ai nostri animali. In commercio esistono tante soluzioni antiparassitarie per garantire benessere ai gatti, tra queste ci sono le soluzioni in fialetta che possono essere applicate direttamente sulla nuca del micio e agiscono in modo totale prevenendo anche future minacce. Molto utili sono i collari antipulci, anche se non tutti i gatti li tollerano, e vanno applicati in modo lento per evitare che i piccoli amici si strozzino da soli o si facciano male durante il loro scorrazzare all’esterno. Mantenere l’igiene del gatto senza urtare la sua sensibilità può essere fatto anche attraverso l’uso di spray antipulci che richiedono maggiore attenzione nel dosaggio e nella erogazione evitando di colpire i mici negli occhi.

C’è anche un modo naturale per tenere lontano pulci e zecche dai nostri gatti: una scorza di limone cotta in acqua bollente, se ne fa un infuso con il quale lavare il gatto. Oppure rami di rosmarino, eucalipto, lavanda e finocchio hanno un’azione deterrente contro i parassiti. I gatti, per natura dispettosi, hanno una salute molto delicata e se esposti frequentemente al sole potrebbero sviluppare un tumore della pelle. Un bel gesto di sollievo verso i gatti potrebbe essere anche quello di spazzolare spesso il loro pelo per farli rilassare, meglio dedicare questo rituale di relax alla sera durante le ore più fresche. Attenzione se,nonostante queste coccole, il vostro gatto manifesta comportamento di iperestesia, correndo senza una meta e con gli occhi fissi, potrebbe avere dei disturbi neurologici seri. La causa è ancora sconosciuta, anche se molti etologi lo associano allo stress. Si può curare, lasciandolo tranquillo e somministrandogli un farmaco apposito per terapia comportamentale.

Foto: Pixabay

 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità