• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cronaca > Alluvione Genova: cosa, come e perché in un minuto

Alluvione Genova: cosa, come e perché in un minuto

1977, Pubblicità Progresso. Se volete sapere cosa, come e perché è successo a Genova e in Liguria, ve lo spiega in un minuto questo spot del 1977. Poi contate gli anni passati invano da allora. 

Credits to Jacopo


Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.249) 5 novembre 2011 09:55
    Damiano Mazzotti

    Mah... Mi sembra roba generica e fumosa... A parte l’incuria lungo i greti dei torrenti la causa fondamentale è l’eccesso di cementificazione che impedisce all’acqua di penetrare diffusamente nei terreni, che farebbero da spugna... dopodichè noi non siamo i padroni della terra e la natura fa quello che vuole quando vuole.... solo che 200 anni fa c’erano molti meno uomini e zero auto a rompere le scatole ai torrenti che voglione defluire a mare...

    Gli eventi ciclici e fuori dal normale della natura ci ricordano giustamente che noi uomini siamo solo uno dei "congegni" dell’opera della Natura e forse nemmeno il più importante...

    Quando gli uomini religiosi capiranno questo e ci faranno capire questo, ci saranno anche meno fondamentalisti assassini, meno uomini d’affari antisociali e più felicità sulla terra.

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.249) 5 novembre 2011 12:09
    Damiano Mazzotti

    E dopo quello che era successo alle 5 terre le scuole si potevano chiudere, e le persone dovevano trasferirsi ai piani alti per tutta la durata del temporale e per almeno le due ore successive... le persone la devono smettere di dare retta ai nostri politici e devono iniziare a pensare con la loro testa invece di andare in giro in auto come in un giorno qualsiasi...

    In Liguria d’ora in poi avranno Tsunami che vengono dall’alto, e possono solo evitare le conseguenze più catastrofiche: le morti. Le previsioni del tempo sono oramai precisissime per un arco di 24 ore.

  • Di (---.---.---.49) 5 novembre 2011 12:27

    Un articolo del tutto banale. Non avresti dovuto inserire nel titolo il nome di Genova sfruttando l’occasione per scrivere poi 4 righe.

  • Di pv21 (---.---.---.120) 5 novembre 2011 19:56

    Coerenza >

    Certi sedicenti climatologi giurano che sono le attività umane all’origine delle attuali precipitazioni catastrofiche.
    I difensori dell’ambiente si scagliano contro la cementificazione che ha ridotto l’alveo dei corsi d’acqua.
    Nessuno fa notare che l’originaria ampiezza dell’alveo tracciato da molti corsi d’acqua sta a testimoniare che certi eventi metereologici si sono più volte ripetuti anche quando non esisteva la rivoluzione industriale.
    Usare la scala planetaria porta solo ai Peccati di presunzione ...

  • Di Mazzetta (---.---.---.16) 5 novembre 2011 22:53
    Mazzetta

    Genova è un luogo paradigmatico dove s’addensano tutti i problemi riassunti nel video, che è 1977 a dimostrazione del fatto che sono problemi conosciutissimi nel loro insieme e ancora irrisolti.

    Andate a cercare i piani delle acque e capirete quanta strada è stata fatta 34 anni dopo e in che direzione

    Non esistono i sedicenti climatologi, esiste la comunità scientifica che non ha dubbi sul riscaldamento in corso e sulla sua origine antropica

    Poi c’è una banda di gente pagata dai petrolieri, improbabili (questi sì) autodidatti e investigatori del piffero che fanno guerra a questa ipotesi, per motivi ideologici, economici o caratteriali, il circo è bene assortito e si esibisce anche sui giornali del nostro presidente del consiglio. Dell’unico governo che è riuscito a nominare un campione come Mattei alla direzione di un ente come il CNR

    • Di (---.---.---.82) 6 novembre 2011 23:25
      Caro Mazzetta,
      hai dimenticato di citare, insieme a De Mattei l’altro campione che è il (cosidetto) professore Franco Battaglia (che questo eterno mal-governo finirà per mettere a capo di qualche altro ente) ... pagato per pubblicizzare fumo (nucleare).

      PS: Ma non facciamoci sentire dall’altro saputello che è Renzo Riva (Battaglia è uno dei suoi mentori), altrimenti comincia con le solite filastrocche e i vari copia-incolla.

      Comunque complimenti per i tuoi articoli!
  • Di Mazzetta (---.---.---.16) 5 novembre 2011 22:56
    Mazzetta

    p.s.
    e comunque nel titolo che ho scritto io Genova non c’è :P

  • Di Damiano Mazzotti (---.---.---.242) 6 novembre 2011 00:53
    Damiano Mazzotti

    A me risulta che nessun parte del calo della temperatura invernale in Danimarca, Norvegia e Russia, fuori dai centri abitati... è chiaro che se misuri le temperature delle città e delle perifieria queste siano più calde della media.... le persone, il riscaldamento delle case, le auto e le attività industriali si concentrano lì... e il business del riscaldamento climatico fa molto comodo anche a tutte le multinazionali che gesticono le attuali centrali nucleari e che impediscono alle centrali al Torio di Rubbia di nascere... oppure ai macchinari a funzionamento piezonucleare.... oppure all’energia solare termodinamica di Rubbia di diffondersi... La verità è che le università formano personale adatto a fare cose vecchie e neanche gli scienziati hanno molto interesse a parlare di certe cose per non perdere il posto...

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares