Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Società > YouPorn, PornoHub e RedTube lasciano l’industria del Porno in (...)

YouPorn, PornoHub e RedTube lasciano l’industria del Porno in “mutande”

La crisi economica non ha risparmiato nemmeno un settore che, secondo i dati di Confindustria, fatturava complessivamente, solo in Italia, 1,5 miliardi di euro l’anno. Fatturato che negli ultimi 12 mesi, a sentire chi ci lavora, sarebbe stato praticamente dimezzato. Non parliamo ovviamente solo di film a luci rosse – sono 1.500 quelli distribuiti ogni anno nel nostro Paese, con un 70% che arriva dall’estero – ma anche di 400 sexy shop sparsi per l’Italia e delle tv criptate che trasmettono programmi hard 24h su 24.

Colpa della crisi sì, ma anche di Internet e di quei siti che permettono di scaricare materiale a prezzi stracciati, se non addirittura gratis come Youporn, divenuto secondo Nielsen - la più autorevole società di rilevazione del traffico online - il leader assoluto nel mondo, Italia compresa, con 1,5 milioni di utenti al giorno. Per la società di ricerca la pornografia rappresenta infatti il 25% dell’audience di internet in tutto il mondo.

Il dvd porno, dunque, è in via d’estinzione. Per spiegare il motivo del crollo nelle vendite, basta fare un semplice confronto sui prezzi. Acquistare un dvd costa circa 25-30 euro. Più o meno quanto abbonarsi per un mese a un sito, con la differenza che in un mese è possibile scaricare dai 400 agli 800 Mb di materiale, ossia decine di migliaia di immagini e centinaia di film tutti in hd.

Brazzers, uno dei più famosi siti web porno, offre pacchetti da 24,94 euro al mese. Ma ci si può abbonare anche solo per 2 giorni al prezzo di 1 euro e scaricare molto più materiale di quello contenuto in un unico dvd.

Non nasconde il suo sconforto Silvio Bandinelli, ex pubblicitario “impegnato” fino agli anni 80 e oggi regista e proprietario di Showtime, una delle più grandi case di produzione di film hard in Europa. “Nel nostro settore c’è una doppia crisi: una crisi che viene prima della crisi economica mondiale e che è dipesa dal dilagare di tutti i contenuti gratuiti che ci sono su internet e dai nuovi modi che la gente ha di frequentare il sesso virtuale: web-cam, scambio di filmati amatoriali, chat erotiche…”. (Panorama)

Questo articolo è stato pubblicato qui


Ti potrebbero interessare anche

Una posizione scomoda, di Francesco Muzzopappa
Voglia di guardare - Il cinema di Joe D'Amato
Guardare porno fa diventare scemi?
PornHub: il marketing del porno senza porno
Il regista di Guardians of the Galaxy ha fatto un porno con Sasha Grey, più o meno


Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità