• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Se il Papa è più avanti della politica

Se il Papa è più avanti della politica

Una volta lo Stato Italiano era considerato una propagine del Vaticano, un avamposto contro il relativismo e l’avanzamento del malcostume del progesso, d’accordo con tutti i papati che si sono succeduti nel corso della storia millenaria della Chiesa. Ora con il papato di Francesco le cose stanno cambiando, anche il santo padre e la curia che gli orbita intorno, da sempre depositario dell’ortodossia cattolica, sembrano scavalcare in quanto ad apertura mentale e tolleranza la maggior parte dei bigotti politici italiani. I sacri palazzi ultimamente appaiono più progressisti e riformisti dei palazzi del potere romano, dominati da vecchi e nuovi politici democristiani che hanno usato fino ad ora il pensiero cattolico per ingessare la società italiana e garantirsi lo zoccolo duro dei voti di Santa Romana Chiesa.

Per questo motivo le parole di apertura rivolte da Papa Francesco nei confronti dei divorziati, delle donne che abortiscono o degli omosessuali, dovrebbero risuonare come un monito ai piccoli uomini politici italiani che a forza di azzuffarsi solamente sul decadimento ideale e reale di Silvio Berlusconi, si sono fatti sorpassare in quanto a modernità dall’altra sponda del Tevere. Un fatto che per la sua atipicità e gravità dovrebbe creare imbarazzo, a qualsiasi personalità pubblica italiana che fino ad oggi si è richiamata ai cosiddetti valori “non negoziabili”, i quali oggi si scoprono più negoziabili ed attualizzabili che mai, visto che lo stesso Francesco li mette in discussione, o per lo meno non li considera così dogmatici.

L’intervista rilasciata dal Papa alla rivista Civiltà Cattolica deve essere risuonata come una serie di bestemmie in chiesa alle orecchie dei vari “crociati” italiani che hanno difeso fino ad ora a colpi di sciabola qualsiasi precetto cattolico applicato indistintamente al grande calderone delle leggi eticamente sensibili, battendosi per esempio contro il riconoscimento e la tutela delle coppie di fatto, ostacolando in tutti i modi la legge 194 sull’aborto, osteggiando qualsiasi legge sul fine vita, e non facendo nulla per contrastare le discriminazioni di tipo sessuale.

Le parole di Francesco rivolte a Padre Antonio Spataro direttore di Civiltà Cattolica: “Questa Chiesa con la quale dobbiamo “sentire” è la casa di tutti, non una piccola cappella che può contenere solo un gruppetto di persone selezionate. Non dobbiamo ridurre il seno della Chiesa universale a un nido protettore della nostra mediocrità”, rimarranno scolpite nella storia. Quando il Papa parla di mediocrita’ del cattolico medio, sembra ritagliare le figure dei vari Pier Ferdinando Casini, Rocco Buttiglione ma anche dei noti Gaetano Quagliariello, Eugenia Roccella, e Maurizio Sacconi, ultras dell’oscurantismo moderno in salsa berlusconiana, che ha dominato la vita pubblica italiana fino a pochi anni fa. La mediocrità è anche quella dell’ateo devoto Giuliano Ferrara, esegeta di Papa Benedetto XVI ed ora spiazzato dal nuovo corso della Chiesa, o di Magdi Cristiano Allam, che quasi quotidianamente predica sul Giornale di Berlusconi un crisitanesimo che nessuno ha mai conosciuto e voluto.

Durante lo stesso dialogo, quando padre Spadaro domanda al Pontefice dei «cristiani che vivono in situazioni non regolari per la Chiesa o comunque in situazioni complesse» e si riferisce ai «divorziati risposati, coppie omosessuali, altre situazioni difficili», Francesco risponde:

«Dobbiamo annunciare il Vangelo su ogni strada, predicando la buona notizia del Regno e curando, anche con la nostra predicazione, ogni tipo di malattia e di ferita. A Buenos Aires ricevevo lettere di persone omosessuali, che sono “feriti sociali” perchémi dicono che sentono come la Chiesa li abbia sempre condannati. Ma la Chiesa non vuole fare questo».

Ed ancora:

«Durante il volo di ritorno da Rio de Janeiro ho detto che, se una persona omosessuale è di buona volontà ed è in cerca di Dio, io non sono nessuno per giudicarla. Dicendo questo io ho detto quel che dice il Catechismo. La religione ha il diritto di esprimere la propria opinione a servizio della gente, ma Dio nella creazione ci ha resi liberi: l’ingerenza spirituale nella vita personale non è possibile. Una volta una persona, in maniera provocatoria, mi chiese se approvavo l’omosessualità. Io allora le risposi con un’altra domanda: “Dimmi: Dio, quando guarda a una persona omosessuale, ne approva l’esistenza con affetto o la respinge condannandola?”. Bisogna sempre considerare la persona. Qui entriamo nel mistero dell’uomo. Nella vita Dio accompagna le persone, e noi dobbiamo accompagnarle a partire dalla loro condizione. Bisogna accompagnare con misericordia. Quando questo accade, lo Spirito Santo ispira il sacerdote a dire la cosa più giusta».

Queste parole si commentano da sole. Ormai è certo: la Chiesa si dimostra per la prima volta molto più avanti e tollerante della politica italiana, schiava del proprio moralismo, e dei retaggi di un passato che stenta a tramontare. Le considerazioni di Francesco sanciscono la mediocrità della maggior parte dei politici italiani, sempre pronta a non scontentare il cardinale di turno pur perdendo tutte le sfide con il proprio tempo e con la modernità, decretano inoltre la bassezza degli pseudo intellettuali cattolici, che mascherano i propri intenti politici con presunte prediche sugli insegnamenti e sui dettami cattolici.

Ci voleva un pastore venuto da Buenos Aires per stigmatizzare l’arretratezza del parlamento italiano, e per comprendere la bassa caratura morale di molti rappresentati ed interpreti del popolo italiano, sedicenti cattolici, fino ad oggi servi del dogmatismo e da domani sempre più disorientati in un mondo che non comprendono.

 

Foto: Wikimedia

 

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.53) 20 settembre 2013 15:06

    Non mi sembra che dalle parole del papa ci sia una condivisione alla pratica dell’aborto o l’accettazione di matrimoni omosessuali. Il papa ha semplicemente ribadito, ed è quello che la chiesa cattolica già da un pezzo asserisce è che,l’individuo, in quanto opera di Dio, merita tutto il rispetto e l’amore al di la della sensibilità sessuale e degli errori commessi. infatti tutti, e dico tutti, siamo uguali davanti a Dio che a fronte di un sincero ravvedimento e costrizione dei propri errori non può che mostrare e donare tutta la sua infinita misericordia. Quindi sdoganare la misericordia di Dio per accettazione comportamenti e pratiche da Lui aborrite, ce ne passa.... 

    P.S. se qualcuno l’avesse dimenticato può rinfrescarsi la memoria leggendo i Dieci Comandamenti.
  • Di (---.---.---.236) 20 settembre 2013 22:57

    La sola differenza fra Cristiani ed Ebrei in una parola e’ Uguaglianza.

    Celebrano entrambi nello stesso giorno Venerdi’ Santo e Passover ma nella memoria di eventi diversi. Per gli Ebrei questo e’ il giorno piu’ felice dell’anno poiche’ celebra la loro fuga dall’Egitto mentre per i Cristiani invece questo e’ il giorno in cui Gesu’ fu ammazzato.

    Gesu’ era un Ebreo che fu’ ucciso dai suoi propri solo perche’ era opposto al concetto di un "popolo scelto" ed invocava l’Uguaglianza.

    Oggi il concetto di Uguaglianza e’ largamente confuso fra i Cristiani degli Stati Uniti e Gran Bretagna. Quelle popolazioni sono come ipnotizzate dal concetto di Individualismo promulgato dalla cultura Ebraica che e’ cosi’ pervasiva in quei due due Paesi.

    Nei nostri giorni, i media Sionisti hanno confuso i valori e livellato il concetto di Uguaglianza con i matrimoni fra persone dello stesso sesso come se quello fosse il dibattito da discutere a proposito dell’Uguaglianza.

    Quei Cristiani che non credono nell’Uguaglianza non sono affatto diversi dagli Ebrei nel loro Credo.

    http://www.wavevolution.org/it/free...

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares