• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Renzo Riva

Statistiche

  • Primo articolo mercoledì 12 Dicembre 2009
  • Moderatore da martedì 12 Dicembre 2009
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 7 976 33
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 0 0 0
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0









Ultimi commenti

  • Di Renzo Riva (---.---.---.196) 17 marzo 2013 10:01
    Renzo Riva

    Coglioni si nasce.
    .
    Spesse volte, altri, lo diventano.
  • Di Renzo Riva (---.---.---.196) 17 marzo 2013 09:21
    Renzo Riva

    Per comunicazione intendo comunicazione commerciale.

  • Di Renzo Riva (---.---.---.196) 17 marzo 2013 09:20
    Renzo Riva

    Più sono pezzenti più sono boriosi.

    .
    Ricordiamo in ogni caso che la Corea del Nord è sotto l’ala della Cina.
    .
    Pertanto dipende fino a dove la Cina intende spingere il suo "gioco" per fronteggiare gli USA che stanno cercando di tagliarle le linee di comunicazione con l’Africa.
  • Di Renzo Riva (---.---.---.156) 16 marzo 2013 23:54
    Renzo Riva

    FUORI DA QUESTA EUROPA E DALL’EURO

    "il Giornale" Domenica 3 Marzo 2013 pagina 38 “La parola ai lettori”

    L’angolo di Granzotto (Paolo Granzotto)

    L’euro forte danneggia l’Italia debole

    Caro Granzotto, mi aiuti a capire ciò che per me è incomprensibile.
    Come mai con l’euro la Germania ci guadagna e noi ci perdiamo?
    Se è moneta unica perché queste differenze?
    Gualtiero Magnani (e-mail)

    Eh, caro Magnani, lei tocca un argomento che a un non addetto ai lavori mette i brividi.
    Facciamoci forza e vediamo se ne usciamo vivi: dunque, l’euro è una moneta «forte» rispetto al dollaro. Per dirla diversamente, un euro vale più di un dollaro. Ovviamente anche per la Germania, ma c’è un però. La sua struttura industriale (e i listini prezzi, per spiegarci, ma rimanga fra noi perché credo sia una semplificazione un po’ andante) si è sviluppata con un marco fortissimo. Molto più dell’euro al cambio che la Germania spuntò nell’annus horribilis (ma mirabilis per i crucchi) 1999.
    A noi invece è toccato (chiedere a Prodi per i dettagli) il contrario: ci beccammo un euro più forte della lira. Così stando le cose, la Morgan Stanley e la Deutsche Bank, due bancone, hanno calcolato che se per la Germania la «soglia di sofferenza» sull’euro è a circa 1,53 (oggi l’euro balla attorno all’l,30), per noi precipita a circa 1,19.
    In pratica, concludono gli esperti, l’euro è per i tedeschi sottovalutato del 13,2 per cento (ciò che consente loro di vendere «sottocosto») e sopravalutato per gl’italiani (più 12,1).
    Non è finita, caro Magnani: con una forte industria la Germania è altrettanto forte importatrice di materie prime, maggiormente di metalli e petrolio. Che paga in dollari.
    I tedeschi, dunque, acquistano in valuta «debole» e vendono in valuta «forte» che per loro, come abbiamo visto, tanto forte non è.
    Il massimo.
    I danni di una moneta unica che non «pesa» in modo uguale fra nazioni eppur socie e sorelle, unite in un solo ideale e tutte quelle balle là, potrebbe essere attutito svalutando un po’ l’euro.
    A chi con tremebonda fermezza glielo chiedeva, la Merkel ha sempre risposto: «Nein».
    E che è matta?
    Non si tira il collo alla gallina dalle uova d’oro.
    .
  • Di Renzo Riva (---.---.---.156) 16 marzo 2013 23:39
    Renzo Riva

    Articolo idiota

TEMATICHE DELL'AUTORE

Ambiente Politica Media Società

Pubblicità



Pubblicità



Palmares

Pubblicità