• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Primo comandamento della Rete: non nominare il nome di Grillo (...)

Primo comandamento della Rete: non nominare il nome di Grillo invano

L’opinione su internet si forma immergendosi in flussi di notizie, sciami di commenti e conversazioni che formano opinioni, fanno nascere un’epica creando personaggi, nuovi ruoli, mostri ed anche comparse che possono durare il giro di poche settimane o anni. Così succede in tutte le parti del mondo dove la comunicazione su internet è diventata parte integrante ed irrinunciabile di ogni attività sociale, commerciale o politica. Qualsiasi persona abile nel cogliere i contenuti del dibattito pubblico, individuando il momento giusto e lanciando un messaggio forte può raggiungere milioni di utenti, elettori o consumatori. Così è successo a Beppe Grillo che riuscendo a sfruttare il malcontento di molti italiani contro la classe dirigente degli ultimi 20 anni, ha ritagliato per se stesso e per il suo movimento (M5S) un ruolo di primissimo piano.

La sferzata di aria nuova che ha portato il grillismo nei palazzi romani non può che essere salutata con favore. Se oggi nel Parlamento si discute di legge anticorruzione (che potrebbe arenarsi a causa dei tentennamenti del PDL), di riforma della legge elettorale, di riduzione dei privilegi alla “casta” è anche merito della pressione che Beppe Grillo è riuscito ad imporre ai partiti tradizionali. Se nel maggio dell’anno scorso milioni di italiani hanno cassato la il nucleare, il berlusconissimo “legittimo impedimento”, ed hanno detto no alla privatizzazione della rete idrica è soprattutto grazie alla discussione libera scaturita nei blog, nelle piattaforme di discussione e nella propaganda di internet. Fino a qui niente di male. Anzi ben venga tutto quello che è digitale e fuori dall’ortodossia. L’avvento del grillismo potrebbe rappresenta l’unica leva su cui riformare il sistema politico italiano. I problemi iniziano però da quando Grillo ha strutturato il suo movimento come un monolite inattaccabile, impermeabile alle critiche, sui giornali tradizionali come sulla rete. Provate a scrivere un post, un articolo in una piattaforma indipendente lievemente contrario all’ultima sparata del comico genovese. Verrete sbranati dal suo “popolo” come una carcassa viene sbranata da un banco di piranha. Alle critiche si viene accolti con insulti, improperi, accuse nel perfetto stile di Beppe Grillo che ha creato le sue fortune politiche sulle potenzialità del Vaffanculo.

Guardate i commenti all’editoriale del Prof. Sartori uscito ieri sul Corriere della Sera, nell’edizione on line del giornale, una serie continua di critiche, insulti ed argomentazioni che non entrano nel merito della questione, ma accusano il politologo che per primo ha stigmatizzato gli effetti nefasti dell’attuale legge elettorale definendola “il porcellum”.

In Italia tutti possono essere criticati, a volte anche pesantemente, Berlusconi, i berlusconiani, il Pd, il suo segretario, la classe dirigente nel suo insieme viene ricoperta quotidianamente di commenti che rasentano la calunnia. Le istituzioni laiche come il presidente del Consiglio o della Camera o della Repubblica, o quelle religiose sono spesso oggetto di attacchi anche pesanti dalla stampa “nemica”. Tutto avviene nel normale gioco della libertà di opinione o di critica, commisurata con gli eccessi tipici della cultura italiana. Ma provate a scrivere in internet che Beppe Grillo ha preso un abbaglio quando ha affermato che l’attentato di Brindisi è da ricondurre ad apparati dello Stato, o che i suoi metodi nel scegliere la classe dirigente non sono pienamente democratici, verrette tacciati di “intelligenza col nemico”, o di essere dei passatisti e di non comprendere il nuovo che avanza.

Ma di quale nuovo stiamo parlando? A tanti sembra che il M5S, per la sua mancata predisposizione a recepire le critiche, stia trasportando sulla rete i limiti ed i difetti che la classe politica italiana ha avuto fino ad adesso nella vita reale.

Più che ad un comico Grillo assomiglia sempre di più al personaggio Napoleon del romanzo Animal Farm di George Orwel. Predicava speranza ma divenne peggio di coloro che un tempo combatteva. Se ne accorgerà un giorno?

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.141) 16 giugno 2012 12:35

    Legittimo questo articolo, come legittimo è anche il proprio modo di proporre un’ opinione!

    Il problema, nasce quando si cerca di enfatizzare dei fenomeni come quelli sulla rete. Il cittadino, in rete, si sente ovviamente più libero di esprimere con vivacità, la propria opinione. Non dimentichiamo che gli stessi meccanismi, si scatenano anche quando si parla di altri partiti. Anzi in quel caso l’aggressività, viene manifestata in maniera anche più pratica!!! Ci sono sempre stati i "tifosi" in politica ma, non mi sembra si sia mai scatenato il fenomeno orwelliano!!!
    Per favore, siamo seri!!!
  • Di (---.---.---.22) 16 giugno 2012 19:41

    Argomento trito e ritrito, vogliamo qualcosa di più, grillo ci fa sognare e questi articoli ci stimolano ad andare avanti. Voi sarete liberi di criticare noi di non leggere porcherie.

  • Di (---.---.---.174) 16 giugno 2012 20:23

    Fatte le dovute proporzioni, caro D’Antrassi stai paragonando il ruolo di grillo a quello supposto avuto da Givanni Paolo II nella caduta del comunismo nell’est europeo. Entrambi non sono altro che mosche cocchiere di fenomeni molto più grandi di loro che comunque sarebbero avvenuti indipendentemente dal loro agitarsi. L’URSS sarebbe crollata anche senza il papa polacco e la casta (il termine è di Stella non di Grillo) aveva stancato anche senza i vaff. di Grillo.

    In ogni caso sopravvaluti gli effetti del grillismo che resteranno assai modesti. L’unico risultato che avranno sarà (se l’euro non scompare) quello di impedire che ad un governo di destra autoritaria (berlusconi) possa subentrare (immeritatamente) un governo di sinistra moderata.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares