Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Politica > Partito Democratico, Fassina risponde a Veltroni: "Sbagli tutto, (...)

Partito Democratico, Fassina risponde a Veltroni: "Sbagli tutto, Walter!"

Appena una settimana fa il segretario del Partito Democratico Pierluigi Bersani, in una lettera aperta indirizzata a Eugenio Scalfari, sosteneva che "Dopo quattro anni siamo usciti dal problema identitario. Non abbiamo certo finito il nostro lavoro di costruzione né abbiamo corretto tutti i nostri difetti, ma non siamo più una ipotesi o un esperimento o un partito in cerca di Dna". Cioè: la linea politica è ormai definita e condivisa da tutti.

Bene, a smentire Bersani ci ha pensato l'ex leader dei democratici, Walter Veltroni. In un'intervista rilasciata al quotidiano La Repubblica ha dichiarato: 

CURZIO MALTESE: "Veltroni, non è un po' eccessivo definire riformismo la stagione di Mario Monti?"

VELTRONI: "No. Sono bastati tre mesi per capire che non si tornerà indietro. Circola nel Pd, ancor più nel Pdl, l'idea che questo sia solo un governo d'emergenza, una parentesi dopo la quale si tornerà ai riti e ai giochi della seconda repubblica o peggio della prima. Qualcuno dà giudizi tali da rischiare il paradosso di consegnare al centro o al nuovo centro destra il lavoro del governo. È un errore grave. Questo governo tecnico ha fatto in tre mesi più di quanto governi politici abbiano fatto in anni. Ha dimostrato non solo di voler risanare i conti, ma di voler cambiare molto del paese e vi sta riuscendo, con il consenso dei cittadini e dell'opinione pubblica internazionale. La copertina di Time o l'ovazione al Parlamento europeo sono un tributo ad un paese che solo qualche mese fa era guidato da Berlusconi e deriso". 


CURZIO MALTESE: "È d'accordo con il governo anche sull'articolo 18?"

VELTRONI: "Sono d'accordo col non fermarsi di fronte ai santuari del no che hanno paralizzato l'Italia per decenni. Il nostro è un paese rissoso e immobile e perciò a rischio. Credo che finora il governo Monti stia realizzando una sintesi fra il rigore dei governi Ciampi e Amato e il riformismo del primo governo Prodi". 

Oggi, sulle pagine de l'Unità, non si è fatta attendere la risposta di Stefano FassinaIl responsabile "Economia e Lavoro" del Partito Democratico ha smentito categoricamente le affermazioni di Veltroni, e non ha risparmiato a Walter una vigorosa... tirata di orecchie.

"A proposito, di riforma della politica, caro Walter, obiettivo che da sempre ti sta a cuore come a tanti di noi, la prima regola per un dirigente nazionale sarebbe quella di affermare la posizione del partito di cui è parte. La posizione del Pd sul mercato del lavoro e sull'art.18 è diversa dalla tua, ovviamente legittima, ma minoritaria nel partito e più vicina, invece, alla linea del "pensiero unico" e alle proposte del centrodestra (è una constatazione, un fatto, non un'inaccettabile accusa di intelligenza con il nemico). In un partito serio, in un passaggio di fase così delicato, prima di dire la propria posizione, si dovrebbe ricordare la posizione del partito, sopratutto quando essa è stata votata dagli organismi dirigenti e confermata più volte, da ultimo nel Forum Lavoro del 12 gennaio scorso.

Infine, permettimi di notare una singolare conseguenza della tua valutazione del Governo Monti. Senza nulla togliere alla funzione positiva finora svolta dal Governo Monti, gli esempi da te ricordati soltanto in Italia sono considerati “riformisti”. In qualunque altro Paese civile, la lotta all’evasione, la ricostruzione di un decente servizio pubblico radiotelevisivo, l’applicazione senza distorsioni dell’Imu sugli immobili ad uso commerciale delle chiese, sono denominatore comune dell’arco costituzionale. Se il programma del Governo Monti è l'orizzonte di una forza progressista come il Pd, allora delle due l'una: o il PdL, che insieme a noi sostiene il governo Monti, è diventato un partito progressista, oppure la tua valutazione è sbagliata. Se fosse giusta, dovremmo essere conseguenti. Alle prossime elezioni il Pd dovrebbe presentarsi insieme al PdL, oltre che al Terzo Polo: una sorta di partito unico del pensiero unico. La fine della politica, non solo della democrazia dell’alternanza".

A questo punto chiediamo a Bersani: è ancora convinto, segretario, che l'identità del Pd, il suo dna, la sua linea politica siano solidi come afferma?


Ti potrebbero interessare anche

La Diaspora, dov'è oggi la sinistra italiana, di Alessandro Gilioli
Servizio pubblico - #stai villa serena
Perché Renzi ha vinto (e Grillo ha perso)
Renzi: chimera o gattopardo?
Perché sono convinto che Renzi è destinato a non durare


Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.164) 20 febbraio 2012 19:02

    Ci vuole un bel coraggio a dire che il Paese è rimasto decenni paralizzato.
    Un uomo che è stato sempre attaccato alla poltrona della politica. L’uomo delle  "consulenze esterne" nel Comune di Roma.

    Sono convinto che certi politici vogliano crearsi un serbatoio di voti con posti di lavoro avventizi.

    Ora spieghi che c’entra il licenziamento senza una causa giusta con il progresso?
    Quest’uomo sarebbe un "progressista"? Oppure un "moderato, cattolico, di sinistra, con lo sguardo al centro, pacatamente di destra"?
     
    Dopo essere stato iscritto per anni al PDS, ora faccio parte del maggior partito, quello del non voto.

    Fabiano.

  • Di (---.---.---.28) 20 febbraio 2012 21:07

    CaroVeltroni vedo che ormai tI Sei iscritto al nuovo corso del Berlusconismo che vuole 

    i licenziamenti facili senza che i lavoratori possano tutelarsi se gli stessi sono discriminatori
    per motivi politici o sindacali. Devo dire che alle primarie ti avevo votato con entusiasmo
    Ora mi devo ricredere, penso invece il diritto di licenziare sia giusto per quei Parlamentari
    che sono in Parlamento da decenni che percepiscono stipendi scandalosi riguardo ha
    quelli che percepiscono gli operai.
    Quello che percepite Voi in un mese un operaio non lo prende in un anno di duro lavoro
    in fonderia od in acciaieria oppuire alla catena di montaggio. Evolete pure la liberta di
    di licenziarli quando sono usurati e malati per il duro lavoro che hanno svolto.
    Avevi detto dopo le elezioni perse Saresti andato in Africa come mai sei ancora qui
    forse per continuare ha percepire ancora lo stipendio di Parlamentare.

Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità