Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Tribuna Libera > Obama l’europeista: nuova politica o vecchi tatticismi?

Obama l’europeista: nuova politica o vecchi tatticismi?

Le recenti dichiarazioni del presidente statunitense, oltre ad accusare l'Euorpa di essere all'origine dell'attuale rallentamento dell'economia mondiale, sembrano auspicare una maggiore integrazione del nostro continente.

Questo mondo, che pur con tutti i suoi problemi è il più felice di sempre, è figlio dell’Europa e dei suoi figli. La gente vive più a lungo, è meglio nutrita e più istruita che mai, non solo nei paesi più sviluppati, grazie alle tecnologie scaturite dalle scoperte della curiosità europea; ha più diritti che mai (o perlomeno ha dei diritti) grazie all’affermazione di principi e valori affatto europei. La democrazia stessa, è figlia dell’inquietudine europea. Anche la nostra propensione all’autocritica, il nostro costante chiederci se abbiamo fatto e stiamo facendo bene, è solo europea, prodotto di un relativismo culturale, di un rispetto dell’altro, che è solo nostro; di noi occidentali, che abitiamo nel vecchio continente o nella Magna Europa, oltre Atlantico e in Oceania.

Chi tra noi gioisce all’idea di un tramonto dell’occidente, non è, di solito, mai vissuto fuori dallo spazio europeo e non si è mai fermato a riflettere su come sarebbe un mondo retto dall’autoritarismo asiatico, da una teocrazia islamica o, per quanto si possa amare l’India, dal fatalismo della tradizione indù.

Non v’è dubbio, peraltro, che il nostro dominio planetario, dal punto di vista economico e, soprattutto, militare, abbia i decenni contati: una bomba atomica è ormai alla portata di qualunque stato sovrano voglia davvero impossessarsene; la stessa tecnologia missilistica sta diventando sempre più banale.

La nostra invasione dell’Afghanistan potrebbe essere il canto del cigno di una politica delle cannoniere ormai diventata troppo costosa e rischiosa; dobbiamo trovare metodi diversi da quelli militari per far valere i nostri interessi, se non vogliamo che uno dei conflitti locali scatenati dal nostro interventismo, (ed è una lezione di cui già abbiamo avuto ripetizioni) ci scappi di mano, prima o poi, per farsi tragedia mondiale. Dobbiamo, come occidentali, ripensare per questo la nostra strategia globale.

Da bel oltre un secolo almeno la politica estera aglosassone, britannica prima e statunitense poi, è stata volta al controllo dell’“Heartland”; il centro di massa dell'Eurasia, tra il Volga e lo Yangtze, considerato chiave di volta del mondo.

Si tratta di una visione da potenza continentale, che sottostima il fattore navale, la cui validità è negata dalla stessa storia del '900, che ha visto l’Unione Sovietica dominare lungamente quell’area senza arrivare, per questo, al predominio mondiale.

Una visione, ed è il suo difetto più grave, che dà per scontato il dominio dell’Atlantico, l’oceano “stretto” attraverso cui scambiano i propri prodotti quattro continenti: il “Mediterraneo” della koinè occidentale; di questa nostra cultura comune che certo ha dei difetti, ma ha pure al suo interno gli strumenti per correggerli.

L’occidente, con i suoi valori, continuerà a pesare sui destini del mondo solo se riuscirà a mantenere l’egemonia su quell’oceano. Non si tratta di riaffermare il ruolo della Nato, ma di andare oltre a questa; diventato secondario il suo aspetto militare, l’Alleanza Atlantica non può continuare ad essere costituita da una superpotenza che domina un gruppo di satelliti: è un gioco ormai scoperto, privo di credibilità, e sempre più pericoloso.

Un impasse da cui si può uscire solo se l’Unione Europea smetterà di essere solo una vaga associazione di carattere economico per trasformarsi in una realtà politica; se diventerà l’altra faccia di un occidente che, declinando in modo diverso gli stessi valori sulle due sponde dell’oceano, potrà offrire, e non imporre, al mondo una pluralità di modelli di sviluppo e di soluzioni.

Dovrebbe esserci questo, e non la mera considerazione di quel che convenga ai mercati oggi o domani, dietro l’attivismo europeista del Presidente Obama; dovrebbe esserci il pensiero di come, con l’aiuto dell’Europa, frenare la penetrazione cinese in Africa o di come, grazie al, certo del tutto relativo, “filoarabismo” europeo, sia possibile influire sull’evoluzione politica del vicino oriente.

Proprio il modo irrituale in cui sono avvenute le sue esternazioni, mi fanno pensare non sia così: i Capi di Stato parlano ai loro alleati attraverso i propri ambasciatori e non davanti alle telecamere; a quel modo, senza entrare nel merito di quanto ha detto, si comportano solo i politicanti in cerca di consenso o desiderosi di scaricare le proprie responsabilità.

Spero di sbagliarmi; di nani politici ne abbiamo già fin troppi sul nostro continente. Si può solo sperare che, almeno dall’altra parte dell’occidente, ci sia qualcuno in grado di guardare, prima che ai sondaggi pre - elettorali, alla Storia.

Commenti all'articolo

Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità




Ultimi commenti