Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Politica > Le lacrime di Elsa Fornero e il sangue dei lavoratori [VIDEO]

Le lacrime di Elsa Fornero e il sangue dei lavoratori [VIDEO]

Il ministro del lavoro Elsa Fornero si commuove durante la conferenza stampa di presentazione della manovra.

Il ministro non termina la frase che si riferiva ai sacrifici chiesti sul versante della deindicizzazione delle pensione. Sulla parola “sacrifici” si blocca e si scioglie in lacrime.

Devo dire che questa scena mia ha toccato, non credo che l’abbia fatto per drammatizzare o l’abbia fatto in modo consapevole. L’ha fatto perché si è resa conto di averlo appoggiato dietro a milioni di uomini e donne che hanno lavorato tutta la vita e che sono sempre i primi e i soliti a pagare.

Milioni di uomini e donne che per anni hanno versato i contributi senza mai riuscire a scappare nemmeno con una lira. Milioni di uomini e donne che, a loro volta, adesso ci dovranno mettere il sangue, visto che le lacrime le ha già messe lei.

 

 

 


Ti potrebbero interessare anche

Gaza come Aleppo, Aleppo come Gaza
La Diaspora, dov'è oggi la sinistra italiana, di Alessandro Gilioli
Frozen istiga all'omosessualità? C'è chi pensa di sì
Le donne bucano i preservativi: la versione di “YoDecido” firmata Desigual
Il papa degli ultimi


I commenti più votati

  • Di (---.---.---.1) 5 dicembre 2011 20:13
    Quelle lacrime cariche di quell’ umanita’ del Ministro Formero alla presentazione del testo della manovra che non lascia spazio a commenti per la sua durezza rappresenta e rappresentera’ in quei libri di storia l’immagine simbolo di una Nazione,della nostra Italia.
     Una nazione che con quei sacrifici durissimi e indispensabili sta’ lottando con tutte le sue forze per evitare che quel termine tanto in voga da qualche mese- default la investa, default che avrebbe condotto inevitabilmente a quella caduta libera dell’ Euro in tutta L’eurozona con gravissime ripercussioni nell’ Europa intera ed a questo punto di tutta l’economia Mondiale.
    Non Commentiamo i contenuti di tale manovra pur se vorremo farlo con tutta quella nostra voce e rabbia unita a quella passione che ci e’ rimasta,lasciamo a commento pero’ di tale stato d’animo e tale ci basta quelle lacrime che son cadute a quella donna Ministro alla parola sacrifici.
    Siamo un popolo operoso di lunga tradizione e sempre ben visto e portato ad esempio in molteplici settori industriali,Da sempre quando si dice Italia v’e’ un orgoglio di ostentazione anche negli stranieri che da noi hanno imparato tanto,da sempre l’Italia e quel miraggio di quei migranti che abbiamo accolto.
    I sacrifici che il governo chiede ai pensionati e a chi stava per andare con quella gioia non da tutti di essere "arrivato" a quell’ eta’ pensionabile sono enormi ma tali sono quella risultanza di un inerzia negli anni per quelle misure di contenimento che non sono in tal senso prese nei tempi e nei modi dovuti con quella gradualita’ che ora non e’ stata piu’ possibile attuare.
    Quei sacrifici per quel nostro debito pubblico enorme se fossero stati chiesti anni fa’ prima che tale arrivasse a quella percentuale del 120% non avrebbero di certo provocato quelle lacrime di sofferenza e di tristezza per qualcosa che pur non ritenendo sociale giusto si deve fare.
    Un qualcosa indispensabilmente da attuare per quelle condizioni di sopravvivenza non solo della nostra Nazione ma dell’ intera Eurozona e di tale ne dovremo essere fieri per i nostri figli.
    Saremo ricordati nella storia come quel popolo che al cambiamento nonostante non sia stato chiesto il permesso e’ stato chiesto scusa.
    Antonello Laiso

    WebRep
    Valutazione generale
    Questo sito non è stato ancora valutato
    (non ci sono abbastanza voti)
  • Di (---.---.---.1) 5 dicembre 2011 20:15
    Quelle lacrime cariche di quell’ umanita’ del Ministro formero alla presentazione del testo della manovra che non lascia spazio a commenti per la sua durezza rappresenta e rappresentera’ in quei libri di storia l’immagine simbolo di una Nazione,della nostra Italia.
     Una nazione che con quei sacrifici durissimi e indispensabili sta’ lottando con tutte le sue forze per evitare che quel termine tanto in voga da qualche mese- default la investa, default che avrebbe condotto inevitabilmente a quella caduta libera dell’ Euro in tutta L’eurozona con gravissime ripercussioni nell’ Europa intera ed a questo punto di tutta l’economia Mondiale.
    Non Commentiamo i contenuti di tale manovra pur se vorremo farlo con tutta quella nostra voce e rabbia unita a quella passione che ci e’ rimasta,lasciamo a commento pero’ di tale stato d’animo e tale ci basta quelle lacrime che son cadute a quella donna Ministro alla parola sacrifici.
    Siamo un popolo operoso di lunga tradizione e sempre ben visto e portato ad esempio in molteplici settori industriali,Da sempre quando si dice Italia v’e’ un orgoglio di ostentazione anche negli stranieri che da noi hanno imparato tanto,da sempre l’Italia e quel miraggio di quei migranti che abbiamo accolto.
    I sacrifici che il governo chiede ai pensionati e a chi stava per andare con quella gioia non da tutti di essere "arrivato" a quell’ eta’ pensionabile sono enormi ma tali sono quella risultanza di un inerzia negli anni per quelle misure di contenimento che non sono in tal senso prese nei tempi e nei modi dovuti con quella gradualita’ che ora non e’ stata piu’ possibile attuare.
    Quei sacrifici per quel nostro debito pubblico enorme se fossero stati chiesti anni fa’ prima che tale arrivasse a quella percentuale del 120% non avrebbero di certo provocato quelle lacrime di sofferenza e di tristezza per qualcosa che pur non ritenendo sociale giusto si deve fare.
    Un qualcosa indispensabilmente da attuare per quelle condizioni di sopravvivenza non solo della nostra Nazione ma dell’ intera Eurozona e di tale ne dovremo essere fieri per i nostri figli.
    Saremo ricordati nella storia come quel popolo che al cambiamento nonostante non sia stato chiesto il permesso e’ stato chiesto scusa.
    Antonello Laiso

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.1) 5 dicembre 2011 20:13
    Quelle lacrime cariche di quell’ umanita’ del Ministro Formero alla presentazione del testo della manovra che non lascia spazio a commenti per la sua durezza rappresenta e rappresentera’ in quei libri di storia l’immagine simbolo di una Nazione,della nostra Italia.
     Una nazione che con quei sacrifici durissimi e indispensabili sta’ lottando con tutte le sue forze per evitare che quel termine tanto in voga da qualche mese- default la investa, default che avrebbe condotto inevitabilmente a quella caduta libera dell’ Euro in tutta L’eurozona con gravissime ripercussioni nell’ Europa intera ed a questo punto di tutta l’economia Mondiale.
    Non Commentiamo i contenuti di tale manovra pur se vorremo farlo con tutta quella nostra voce e rabbia unita a quella passione che ci e’ rimasta,lasciamo a commento pero’ di tale stato d’animo e tale ci basta quelle lacrime che son cadute a quella donna Ministro alla parola sacrifici.
    Siamo un popolo operoso di lunga tradizione e sempre ben visto e portato ad esempio in molteplici settori industriali,Da sempre quando si dice Italia v’e’ un orgoglio di ostentazione anche negli stranieri che da noi hanno imparato tanto,da sempre l’Italia e quel miraggio di quei migranti che abbiamo accolto.
    I sacrifici che il governo chiede ai pensionati e a chi stava per andare con quella gioia non da tutti di essere "arrivato" a quell’ eta’ pensionabile sono enormi ma tali sono quella risultanza di un inerzia negli anni per quelle misure di contenimento che non sono in tal senso prese nei tempi e nei modi dovuti con quella gradualita’ che ora non e’ stata piu’ possibile attuare.
    Quei sacrifici per quel nostro debito pubblico enorme se fossero stati chiesti anni fa’ prima che tale arrivasse a quella percentuale del 120% non avrebbero di certo provocato quelle lacrime di sofferenza e di tristezza per qualcosa che pur non ritenendo sociale giusto si deve fare.
    Un qualcosa indispensabilmente da attuare per quelle condizioni di sopravvivenza non solo della nostra Nazione ma dell’ intera Eurozona e di tale ne dovremo essere fieri per i nostri figli.
    Saremo ricordati nella storia come quel popolo che al cambiamento nonostante non sia stato chiesto il permesso e’ stato chiesto scusa.
    Antonello Laiso

    WebRep
    Valutazione generale
    Questo sito non è stato ancora valutato
    (non ci sono abbastanza voti)
  • Di (---.---.---.1) 5 dicembre 2011 20:15
    Quelle lacrime cariche di quell’ umanita’ del Ministro formero alla presentazione del testo della manovra che non lascia spazio a commenti per la sua durezza rappresenta e rappresentera’ in quei libri di storia l’immagine simbolo di una Nazione,della nostra Italia.
     Una nazione che con quei sacrifici durissimi e indispensabili sta’ lottando con tutte le sue forze per evitare che quel termine tanto in voga da qualche mese- default la investa, default che avrebbe condotto inevitabilmente a quella caduta libera dell’ Euro in tutta L’eurozona con gravissime ripercussioni nell’ Europa intera ed a questo punto di tutta l’economia Mondiale.
    Non Commentiamo i contenuti di tale manovra pur se vorremo farlo con tutta quella nostra voce e rabbia unita a quella passione che ci e’ rimasta,lasciamo a commento pero’ di tale stato d’animo e tale ci basta quelle lacrime che son cadute a quella donna Ministro alla parola sacrifici.
    Siamo un popolo operoso di lunga tradizione e sempre ben visto e portato ad esempio in molteplici settori industriali,Da sempre quando si dice Italia v’e’ un orgoglio di ostentazione anche negli stranieri che da noi hanno imparato tanto,da sempre l’Italia e quel miraggio di quei migranti che abbiamo accolto.
    I sacrifici che il governo chiede ai pensionati e a chi stava per andare con quella gioia non da tutti di essere "arrivato" a quell’ eta’ pensionabile sono enormi ma tali sono quella risultanza di un inerzia negli anni per quelle misure di contenimento che non sono in tal senso prese nei tempi e nei modi dovuti con quella gradualita’ che ora non e’ stata piu’ possibile attuare.
    Quei sacrifici per quel nostro debito pubblico enorme se fossero stati chiesti anni fa’ prima che tale arrivasse a quella percentuale del 120% non avrebbero di certo provocato quelle lacrime di sofferenza e di tristezza per qualcosa che pur non ritenendo sociale giusto si deve fare.
    Un qualcosa indispensabilmente da attuare per quelle condizioni di sopravvivenza non solo della nostra Nazione ma dell’ intera Eurozona e di tale ne dovremo essere fieri per i nostri figli.
    Saremo ricordati nella storia come quel popolo che al cambiamento nonostante non sia stato chiesto il permesso e’ stato chiesto scusa.
    Antonello Laiso

Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità