• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > La riforma elettorale al vaglio dell’aritmetica di base

La riforma elettorale al vaglio dell’aritmetica di base

Le schede valide nelle elezioni politiche del 2008 sono state 36.457.254 (Archivio Elezioni Min. Interno). Immaginiamo che alle prossime elezioni (siano esse nell'autunno o nel 2013) questo numero salga a 37 milioni (e già tale ipotesi è molto generosa, data la presente situazione di estrema sfiducia verso i partiti, vd.Diamanti) e che il partito "Sinceri Democratici" (SD) raccolga sul territorio nazionale il 4,9%, per complessivi 1.813.000 voti (ma non raccolga in alcuna regione più dell'8% dei consensi, vd. subito sotto). In Molise, nel 2008, vi sono stati 197.355 voti validi. Immaginiamo che nelle prossime elezioni rimangano invariati e che il partito "Uniti per il Molise" (UpM) conquisti l'8,1% dei consensi nella regione (15.595 voti) e nessun volto nelle altre regioni.

Negli attuali progetti di riforma elettorale vi è uno "sbarramento per liste che dovrebbe essere del 5% a livello nazionale e dell'8% su scala regionale" (Reuters, leggi anche Boeri, Galasso, Nannicini su LaVoce), quindi Sinceri Democratici con più di 1,8 milioni di voti rimarrebbe fuori dal Parlamento e Uniti per il Molise con meno di 16 mila vi entrerebbe. Il rapporto tra i voti di UpM e SD è di 1 a 113

Lasciando stare il caso a parte della Valle d'Aosta, se ripetiamo l'esperimento mentale con altre regioni (voti validi nel 2013 simili a quelli del 2008, partito a vocazione regionale con l'8,1% dei consensi) otteniamo l'entrata in Parlamento con (arrotondo i valori) 27.000 voti in Basilicata, 46.000 in Umbria, 50.000 in Trentino, 62.000 in Friuli Venezia Giulia, 67.000 in Abruzzo, 80.000 (più o meno qualche centinaio di consensi) in Liguria, Sardegna, Marche e Calabria. Nel caso "più ottimista" delle quattro regioni appena nominate il rapporto tra partito regionale e SD è di 1 a 22,6. Se la riforma elettorale prevedesse, come ho sentito in vari resoconti giornalistici, uno sbarramento dell'8% in tre regioni questo non impedirebbe di entrare in Parlamento con meno di 90.000 voti (somma di Molise, Basilicata e Umbria), con un rapporto tra partito triregionale e SD di 1 a 20.14.

La norma salva Lega o salva potenziale partito del Sud (Micciché ecc.) nella versione estrema dell'otto per cento in una singola regione è un abominio sia per la "logica" che la motiva sia per le clamorose violazioni della volontà popolare (e della logica senza virgolette) che tecnicamente consente, e quindi invita a mettere in atto. Inoltre pure lo sbarramento a tre regioni si presta ad abusi. Se si vogliono a tutti i costi favorire forze regionali di basso impatto nazionale, si dovrebbe comunque prevedere uno sbarramento riguardo al numero di voti in percentuale sul totale. Un partito con l'8% in una regione o tre regioni non può entrare in Parlamento se, su scala nazionale, rappresenta lo 0,04% (caso Molise) o lo 0,24% (caso Molise + Basilicata + Umbria) dei voti e se, nel contempo, la riforma prevede che possa essere escluso un partito che rappresenta il 4,9% dei voti (Sinceri Democratici).

Velocemente sul "correttivo maggioritario", cioè il superpremio del 15% di seggi al primo partito o alla coalizione, tanto caro al Pd. Qui il discorso è tecnicamente complicato e non conosco tutti i dettagli, però non è difficile immaginare una situazione con tre aree politiche principali e una quarta comunque di peso (oggi in Italia: "centro-sinistra", "centro-destra", "grillini", "centro-Grande Centro") che insieme ottengano la quasi totalità dei consensi, e siano molto ravvicinate nelle prime tre posizioni. In percentuale sul numero dei voti potremmo avere: 29%, 28%, 25%, 14%. 

Non credo di dover andare avanti con l'analisi... Come ha scritto LaVoce, la riforma elettorale, trattata qui in due soli punti, pare voler riuscire l'ennesima misura "usa e getta". "Contando sull'incomprensione e sul disinteresse dei cittadini" (Diamanti) viola nella maniera più clamorosa il suo fine ideale, cioè essere uno strumento che favorisca tecnicamente la migliore espressione e rappresentazione della volontà popolare, e viene umiliata a stratagemma per garantire interessi particolaristici (salva la Lega) e a mezzo di indebita pressione per la formazione di alleanze e isolamenti elettorali nel contingente più degradato (superpremio maggioritario).

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares