Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Media > La morte del Papa e quel complotto che non c’è neppure sulla carta

La morte del Papa e quel complotto che non c’è neppure sulla carta

"Sicuro di sé, come se lo sapesse con precisione, il cardinale Romeo ha annunciato che il Santo Padre avrebbe solo altri dodici mesi da vivere. Durante i suoi colloqui in Cina ha profetizzato la morte di Papa Benedetto XVI. [...] Le dichiarazioni del cardinale sono state esposte da persona probabilmente informata di un serio complotto delittuoso, con tale sicurezza e fermezza, che i suoi interlocutori in Cina hanno pensato con spavento, che sia programmato un attentato contro il Santo Padre"

Il Fatto Quotidiano pubblica un documento esclusivo "strettamente confidenziale" per il Santo Padre. Il dispaccio riporta la data del 30 dicembre 2011, è scritto in tedesco e paventa un possibile complotto per assassinare il Papa.

Fermi tutti. Facciamo un po' di chiarezza. Il documento, scovato da Marco Lillo, è autentico (come diceva Travaglio ieri sera durante Servizio pubblico, porta anche i timbri originali della Santa Sede), ma il contenuto è interamente frutto di ipotesi ("farneticazioni", le chiama il portavoce dello Stato Vaticano); ipotesi formulate da alcuni uomini d'affari italiani di stanza a Pechino dopo un colloquio avuto con il cardinal Paolo Romeo, arcivescovo di Palermo, durante il suo viaggio in Cina nel novembre 2011.

"Entro 12 mesi il Papa morirà" (e non "verrà ucciso", Ndr), avrebbe detto con estrema sicurezza il cardinal Romeo ai suoi interlocutori, al punto da persuaderli del fatto che il Papa fosse in serio pericolo di vita. 

La notizia ha quindi fatto il giro del mondo (non sappiamo, attraverso quali e quanti canali) ed è arrivata nelle mani di monsignor Darío Castrillón Hoyos, cardinale colombiano, classe 1929, che l'ha consegnata alla Segreteria di Stato Vaticana. Il famigerato rapporto nel quale si paventava il "complotto di morte" è stato quindi, non senza qualche risata (come riporta il vaticanista Andrea Tornielli su La Stampa di oggi), consegnato al Papa, come da protocollo.

Allarmismi a parte, per rendersi conto di come questa storia sia meno torbida di quanto appaia a prima vista basta leggere il profilo della "fonte" della notizia, fornito dallo stesso Fatto Quotidiano.

L'articolo di Giuseppe Lo Bianco rivela come il cardinal Romeo (74 anni il prossimo 20 febbraio) sia "mal sopportato" dalla Segreteria di Bertone, dalla CEI, e persino dallo stesso Ratzinger, che non gli avrebbe mai perdonato una proposta di consultazione tra i vescovi per eleggere il presidente della Conferenza Episcopale (consultazione poi annullata dallo stesso pontefice, che preferì nominare Angelo Bagnasco). 

Ed è a causa di queste antipatie, secondo quanto si mormora, che Romeo ha dovuto attendere 4 anni prima di esser nominato cardinale. Un profilo di religioso alquanto "scollegato" dalle gerarchie ecclesiastiche dunque, e non certo, come affermato bellamente da Romeo durante quel suo viaggio in Cina, il membro di una troika direttiva formata da lui e dal cardinale di Milano Angelo Scola:
 
"Lui – Romeo – formerebbe assieme al Santo Padre – Papa Benedetto XVI – e al cardinale Scola una troika. Per le questioni più importanti, dunque, il Santo Padre si consulterebbe con lui – Romeo – e con Scola"
 
Una spacconata detta in tutta tranquillità (e sicurezza) dal cardinal Romeo, che non sembra avere il benché minimo fondamento. Come non sembra averne il fatto che Benedetto XVI "odi letteralmente" il segretario Bertone. Non si spiegherebbe allora la scelta, da parte di Ratzinger, di respingere le dimissioni presentate da quest'ultimo nel 2010 (il Santo Padre scrisse in quella occasione di non voler rinunciare alla sua "preziosa collaborazione", nonostante Bertone avesse raggiunto il limite di età stabilito per la sua carica). 
 
E - men che meno - sembra avere credibilità la "profezia" sulla morte del Pontefice, "esposta da persona probabilmente informata di un serio complotto delittuoso", che non ne dà notizia allo stesso Ratzinger (nonostante un rapporto tanto confidenziale) ma preferisce discuterne con dei non precisati “uomini d’affari italiani ed interlocutori cinesi” in quel di Pechino. Lontano, con tutta probabilità, da qualcuno che avrebbe potuto smentire facilmente le sue parole.
 
 

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.178) 10 febbraio 2012 19:48

    Credo che al Fatto abbiano controllato la notizia con attenzione prima di pubblicarla. Non penso che pubblichino la prima idiozia che viene raccontata da un qualsiasi cardinale. Avranno verificato le dichiarazioni di Romeo. 

    In ogni caso la notizia di questo documento non mi pare un granchè, anche se va lodata la capacità di Marco Lillo di scovare sempre questi scoop.
    In ogni caso, un consiglio: mai la virgola tra soggetto e verbo ("il Fatto Quotidiano, pubblica" è sbagliato).
    • Di (---.---.---.29) 12 febbraio 2012 21:16

      Certo che hanno controllato. E’ questo mezzo giornalista che ha scritto la sua sparata ad aver preso una cantonata. "Fermi tutti"? Ma fermo te, di meningi. Mentre tutta la stampa italiana stende tappeti rossi a Monti in USA (sui principali giornali americani invece ZERO), il Fatto becca uno scoop dietro l’altro. Sveglia amico.

  • Di Geri Steve (---.---.---.233) 12 febbraio 2012 19:08

    Gran brutto articolo, che fa gran confusione e butta tutto in caciara.

    La notizia e’ che Romeo avrebbe detto quelle cose e la fonte di questa notizia e’ ignota. 

    "il profilo della "fonte" della notizia" -secondo quanto scrive l’articolista- e’ invece il profilo del cardinale Romeo (presentato da Il Fatto Quotidiano), il quale Romeo non e’ la "fonte " di notizia, ma, con le sue riferite dichiarazioni, oggetto di notizia.

    Poi leggo: "Il famigerato rapporto... è stato quindi, non senza qualche risata... consegnato al Papa, come da protocollo" e questo mi sembra proprio un falso bello e buono : non risulta affatto che ci sia stato un normale "rapporto" informativo e che sia stato "normalmente" consegnato al papa.

    Come ricordato, e’ ignoto l’autore del rapporto (il che non e’ affatto normale) e inoltre il cardinale colombiano Hoyos (che non sappiamo da chi abbia ricevuto quel rapporto) si e’ fatto cosi’ poche risate che si e’ precipitato a Roma, ha chiesto e subito ottenuto da Ratzinger un colloquio per consegnargli e discutere con lui di quel rapporto, che quindi non gli e’ stato affatto "consegnato come da protocollo".

    Ovvio che Ratzinger non puo’ dire ufficialmente cio’ che sa sull’attendibilita’ o meno dell’attentato, ma la stessa fuga di notizia e’ un atto che -se l’attentato esiste- tende a contrastarlo, quindi e’ presumibilmente l’atto di qualcun’altro in vaticano che non ride affatto, ma che teme quel complotto.

    E certamente non si tratta di un usciere o di una guardia svizzera.

Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità