• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > La Merkel affossa l’Europa. E’ tempo che il popolo europeo si (...)

La Merkel affossa l’Europa. E’ tempo che il popolo europeo si muova

Basta leggere gli editoriali ed i commenti di autorevoli giornali finanziari fuori e dentro l’area Euro, per capire essenzialmente due cose: la prima è che l’Europa vive una crisi profonda mai sperimentata prima la seconda è che questo punto di svolta dovrebbe essere governato dalla leadership tedesca che purtroppo si limita alla salvaguardia esclusiva dei propri interessi nazionali, e alla volontà di esportare il proprio rigore ed il proprio modello di sviluppo anche agli altri partners europei. Una cosa è comunque chiara se alla moneta unica non seguirà un’integrazione politica più efficace capace di organizzare una risposta comune alla deriva in atto, e alle potenziali crisi future il rischio di una disgregazione del nostro continente sarà sempre più prossimo ed elevato.A quale prezzo e quando si giungerà ad una più incisiva governance europea, invocata ormai da tutti gli organi finanziari e politici nazionali e sovranazionali? Non è dato sapersi. Secondo il governo francese, italiano, inglese, spagnolo e greco i tempi sono maturi e parte delle riforme propedeutiche ad un’unione più solida e più attiva sono state portate a termine. Per il governo tedesco invece il traguardo ancora è molto lontano e continua a ripetere come un mantra solamente tre parole: austerity, rigore, risanamento. Per quanto tempo questa situazione potrà andare avanti? E’ giusto che il contribuente modello tedesco non paghi i debiti contratti dai governi poco virtuosi, ma cosa rimarrà dell’Europa se in questo gioco al massacro rimarrà in piedi solamente, la virtuosissima Merkel? E soprattutto cosa rimarrà della Germania, se venisse a mancare un’ingente quota del suo mercato, visto che il 60% delle esportazioni tedesche sono dirette verso quei paesi oggi in difficoltà? Non a caso ieri il Sole 24 ore, ha lanciato un inequivolcabile appello sotto il titolo

Schnell, frau Merkel” (“Presto, signora Merkel”). Il direttore del quotidiano il cui editore di riferimento è Confindustria, Roberto Napilitano, ha chiesto alla Cancelliera di “dare un messaggio forte ai mercati: l’Europa esiste, non salta, punto”, per poi continuare: 

Questo giornale pubblica dal 5 giugno editoriali dei padri fondatori sugli Stati Uniti d’Europa per ricordare a tutti che il prossimo vertice di fine giugno non può essere il venticinquesimo consecutivo in cui non si decide nulla. […] Signora Merkel, così non può andare avanti. Non farà molta strada se continuerà ad essere indifferente alla rabbia dei greci, distante dall’orgoglio ferito degli spagnoli, dalle paure italiane e dalle angosce francesi. Il tempo delle parole è finito, con dieci anni di ritardo, il disegno di integrazione politica va portato a compimento attraverso scelte concrete, immediatamente operative.” Napoletano ne elenca tre, già chieste dall’Economist: garanzia unica per i depositi bancari, accesso diretto delle banche al Fondo europeo di stabilità finanziaria e unificazione dei debiti pubblici europei, il tutto mantenendo distinti gli interessi tra paese e paese.Se vuole che lei e la sua Germania restiate protagonisti in Europa, non ha più tempo da perdere. Batta non uno, ma almeno due o tre colpi, e li batta subito, perché a tutti sia chiaro che gli Stati Uniti d’Europa sono una realtà e l’euro non è più attaccabile.

Lo dicono insigni commentatori, lo affermano autorevoli giornali, lo ha sussurrato Barack Obama, ne parla apertamente la maggior parte dei governi: ci vuole più Europa e bisogna mettere da parte gli egoismi nazionali. Se il governo tedesco continuerà nella sua politica folle e miope di affossamento di ogni vera politica di integrazione, rendendosi colpevole per la terza volta in meno di 100 anni di gettare il nostro continente nel caos è tempo che si muovano le masse popolari. Se migliaia di cittadini greci, portoghesi, spagnoli, italiani, francesi e (perché no?) tedeschi si trovassero a manifestare pacificamente di fronte al Reichstag di Berlino qualcosa forse la otterrebbero. Sarebbe un evento storico e segnerebbe plasticamente la nascita del popolo europeo che essendo presente non vuole più delegare ad altri il proprio futuro. 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.183) 13 giugno 2012 18:35

    a protestare ci sarei anch’io

  • Di (---.---.---.104) 13 giugno 2012 23:23

    Ma quando lo capirete che la destra tedesca, con il silenzio assenso della socialdemocrazia, mira a devastare l’intera Europa per poi affermare il suo dominio incontrastato???

    Italia e Spagna sconquassate, la Francia drasticamente ridimensionata, l’Inghilterra definitivamente emarginata, e la Germania dopo aver pagato un prezzo per lei accettabile con la sua corte già acquisita (olandesi, danesi, austrieci e dintorni) unica potenza in grado di dettare legge.

    L’antico sogno germanico di dominio sull’Europa - per il quale hanno scatenato due disastrose guerre mondiali - sta per realizzarsi con una guerra economica.

    Ma quando lo capirete che sono oltre 2000 anni che i tedeschi rompono le scatole a tutti i loro vicini e che dopo la seconda guerra mondiale non sono diventati - per illuminazione divina - BUONI ???!!! ma sono sempre gli stessi !!!

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares