• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Ilaria Alpi e Miran Hrovatin: 25 anni di verità e giustizia negata

Ilaria Alpi e Miran Hrovatin: 25 anni di verità e giustizia negata

Gli anni passano.
E passano in fretta. E' chiaramente impossibile mantenere alta l'attenzione per 25 anni, continuamente, su un determinato evento, fatto, per quanto drammatico, tragico e violento. 

Perché il mondo corre, è difficile stargli dietro, altri eventi ti travolgono, altri fatti emergono con prepotenza, in un mondo dove giustizia e verità, rischiano spesso di diventare principi, per quanto fondamentali e imprescindibili, sacrificati per la menzogna di stato.
 
Questo è il caso di Ilaria Alpi e Miran Hrovartin. Son passati 25 anni da quell'agguato, spacciato per rapina, ci sono state sentenze, c'è chi ha scontato 17 anni di galera per poi essere assolto, condannato da innocente, ci sono state commissioni d'inchiesta che non hanno portato da nessuna parte, se non all'assoluzione del sistema, si è parlato di Gladio, e di interessi plurimi coinvolti, di tutto e di più.
 
Intanto, sono sorti premi, fondazioni, la società civile non si è rassegnata all'ingiustizia, perchè alla fine, tutti, almeno una parte di verità la conoscono, Ilaria e Miran sono stati uccisi per il loro lavoro, per quella fogna a cielo aperto di malaffare che stavano portando sotto i fari dell'attenzione mediatica, un lavoro d'inchiesta considerato scomodo, da un sistema corrotto, e criminale, che ha coinvolto diversi interessi e affari di stato.
 
Anche in questo caso la verità e giustizia non è stata trattata come affare di Stato, con la conseguenza che son passati 25 anni di calunnie, menzogne, depistaggi. Il tempo della verità e giustizia per Ilaria e Miran, forse un giorno arriverà, ma non perché caduta dal cielo, perché conquistata, o forse anche no, quello che è certo, è che ancora una volta l'Italia si trova a dover fare i conti con un caso che speravano alcuni di archiviare nella storia degli eventi, così non è stato, perché quando pensi a Ilaria e Miran, sai che in quel momento stai pensando ad un profondo caso di ingiustizia, quella che non potrà mai renderci partecipi di un Paese degno di essere libero, autonomo, indipendente e democratico.
 
Non riuscire a conseguire queste verità, significa tradire, prima di tutto, lo spirito profondo che ha caratterizzato la nascita della nostra Costituzione. Nata da un processo di guerra, di dissoluzione del Paese, non solo una nuova pagina, ma un nuovo libro, con ideali profondi e principi, immensi, e anche nel caso di Ilaria e Miran si è in presenza di una Repubblica che non ha riconosciuto i diritti inviolabili dell'uomo, a partire da quello della giustizia.
mb

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità