• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Home page > Tempo Libero > Gossip > Il tramonto di Lele Mora, Belen Rodriguez, Corona (e soci...)

Il tramonto di Lele Mora, Belen Rodriguez, Corona (e soci...)

L’estate del 2012 sarà ricordata essenzialmente per la caduta degli (anti) idoli italiani, che avevano dominato l’immaginario nazional popolare per tutta la prima decade degli anni 2000. Un po’ la crisi economica, un po’ l’austerità del governo Monti, un po’ il declino del Berlusconismo spinto sul viale del tramonto hanno sferrato un colpo mortale al circo "vippettaro" nostrano, che aveva fatto della Sardegna il suo habitat naturale.

Le transumanze di Vip che come i fenicotteri rosa si spostavano in massa da Roma e Milano sulle coste sarde sono sospese, fino a data ancora non meglio precisata.

Tutti i simboli di quella stagione di vacche grasse e con la frangetta, esaltatrice del pacchiano, degli eccessi mondani, e dell’ostentazione del denaro stanno via via venendo meno. Villa Certosa dimora estiva di Silvio Berlusconi, scenario fino allo scoppio del Ruby-gate di feste epiche pari ai Lupercali e alle baccanali, ha chiuso i battenti. Quella che un tempo era la residenza privilegiata di capi di stato, veline, e politicanti sembra sospesa in undestino a metà strada tra la Casa del Nespolo dei Malavoglia e la residenza “Tara”degli O’Hara di Via con Vento. Berlusconi, dall'inizio della stagione ci avra' messo piede si e no cinque volte per lassi di tempo brevissimi. 

Daniela Santanche e Flavio Briatore, hanno annunciato l'addio al Billionaire, fino all’anno scorso tempio indiscusso della movida, caciarona e cafonal della costa Smeralda. Emilio Fede e le sue "meteorine" sono scomparsi dai radar. Lele Mora già gran ciambellano delle allegre serate, ha scontano più di un anno di carcere, per bancarotta. Appena fuori oltre ad avere assunto l’aspetto di un naufrago uscito dalla penna di Daniel Defoe e non dall’ “isola dei famosi” di Simona Ventura, si è ridotto stando alle cronache degli ultimi giorni, a fare delle bischerate a Courmayeur. Sembra aver assunto la parte di uno dei decadenti personaggi del film “Amici miei” di Monicelli, altro che agente dei Vip.

 Fabrizio Corona, che in passato con le foto ed i ricatti dei vip aveva iniziato una promettente start up, a Porto Rotondo non ci ha messo piede. Mancava la materia prima. A Ferragosto non gli è stato permesso nemmeno di sbarcare a Capri. La sua presenza e quella dei suoi tatuaggi non era gradita nell’isola regina della “dolce vita” sin dai tempi dell’imperatore Tiberio. La sua ex fidanzata Belen Rodriguez famosa soprattutto per un fortunato tatuaggio sull’inguine è emigrata a Formentera , mentre la sua presunta nuova fiamma Nicole Minetti, insigne consigliere della regione Lombardia è dovuta scappare a Miami per trovare un po’ di tranquillita' a seguito degli "straordinari" a cui la costringe l'attivita' politica. Roberto Formigoni, sponsor insieme a Don Verzè e Silvio Berlusconi, della focosa Minetti ha promesso che dopo gli scandali sulla sanità lombarda non metterà piede su uno yacht sino al 2050, mentre Roberto Maroni visto la brutta aria che tira al nord ha deciso di tenere un comizio il 18 agosto al Porto dell'Isola Rossa, a Trinita' d'Agultu, Provincia di Olbia-Tempio. Altro che Ponte di Legno come faceva Bossi. L’ex ministro dell’interno è uno dei pochi politici insieme all’attuale ministra del lavoro Elsa Fornero a viaggiare contro corrente. La maggior parte torna nel continente, loro invece subiscono ancora il fascino imperituro dell’isola.

Nonostante le eccezioni però qualcosa sta veramente cambiando. L’ideale della maggior parte dei giovani maschi italiani non è più Costantino Vitagliano, mentre l'uomo maturo non spera più di diventare Flavio Briatore. I modelli di riferimento sono più terra terra. Chi riesce a pagarsi un mutuo o a destreggiarsi tra le aliquote è già un eroe. Chi si puo' garantire uno stipendio fisso tutti i mesi, puo' ritenere di avercela fatta. E come cantava Morandi uno su mille ce l’ha fa. Quelli che lasciano la città per farsi tre giorni ad Ostia, o ad Ansedonia come il presidente della Camera possono sentirsi fortunati. Con o senza scorta. Non c’è più bisogno di quel mondo patinato in cui la politica, lo show e la tv erano diventati così vicini e promiscui da sembrare (quasi) la stessa cosa. Se una volta tutti parlavano del fumo del vulcano artificiale di Berlusconi che eruttava a Villa certosa, mentre oggi tutti dibattono del fumo delle ciminiere dell’Ilva di Taranto che rischia di non uscire più, vuol dire che siamo un po’ diversi rispetto a prima. Forse non tutte le crisi vengono per nuocere.

Questo articolo è stato pubblicato qui

I commenti più votati

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.168) 20 agosto 2012 10:40

    Restano solo da polverizzare a vita i programmi "frantuma brain giovanile" della De Filippi, Marcuzzi e Costanzo, poi siamo "abbastanza" a posto.

  • Di (---.---.---.50) 20 agosto 2012 14:54

    Eliminare i programmi televisivi da deficienti è un programma molto ambizioso! Parafrasando, naturalmente.

  • Di (---.---.---.223) 21 agosto 2012 00:37

    Completamente d’accordo con l’articolo, siamo stufi e da chi si occupa dell’intrattenimento vogliamo solo esempi positivi di persone reali, educate ed assolutamente non colluse. Si accenna all’Isola dei Famosi, penosa l’edizione di quest’anno ma l’Ultima targata Ventura ha avuto il coraggio di imporre all’attenzione mediatica persone che non riusciremo mai a scordare. Parlo di gente come Walter Garibaldi che con un cognome del genere poteva avere tutt’altro atteggiamento ed invece è stato speciale in ogni suo gesto emozionandoci come non accadeva da anni, simpaticissimo. Parlo di Francesca Fogar brava giornalista sempre pronta a dare una mano al prossimo. Parlo del figlio della Nilsen, un ragazzo giovane e garbato. Parlo della sorella di Balottelli, un pulcino indimenticabile. La televisione non è solo spazzatura. A noi dispiace molto che ragazzi del genere siano scomparsi ma la gente li ricorderà per sempre, hanno dato una grande lezione di civiltà ed infatti mica li vediamo svilirsi in servizietti fotografici di quinto ordine pur di rimanere. A nostro parere hanno colpito, volontariamente od involontariamente nel segno e la capitana Ventura ha presentato la vera svolta epocale del reality che non avendo più lei al timone è ripiombato nel trashume più becero e qualunquista.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares