• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Asia: il business del Karaoke

Asia: il business del Karaoke

Diventato uno dei simboli dell'Asia, il Karaoke è presente in ogni aspetto di quei paesi, s'estende sulla Via della Seta, è un grande business (legale ed illegale) che inizia a creare qualche dubbio sui valori che trasmette.

Mai entrato in un locale di karaoke ma è impressionante vedere quanto è diffuso e popolare in Asia, alcuni lo considerano uno degli elementi di maggior influsso culturale proveniente da lì. In effetti l’invenzione delle prime macchinette se la spartiscono un filippino e un giapponese, Roberto de Rosario e Daisuke Inoue, entrambi nei primi anni settanta. In Birmania, Tibet, Cina, e in tutto il Sud-est Asiatico il karaoke è diventato parte della cultura dei diversi paesi, soppiantando quelle tradizionali. Anche nei matrimoni, in Asia, spettacolari e costosi, qualche ora di karaoke è obbligatoria.

Un grande business che spazia dalla produzione di film e canzoni, pirateria, prostituzione. Nell’evoluzione dei locali, oltre alle grandi bevute e giochi d’azzardo, sono state aggiunte hostess e service girls: il pornaoke. In tanti film, ambientati in Asia si vedono banditi, malavitosi, boss della mala nei “room salon” a fare affari, giocare d’azzardo, bere come spugne, circondati dalle showgirls, provocando imitazioni nei giovani. Business enorme, per esempio nella sola Hong Kong girano 160 mil USD annui; qui c’è il Red MR che raccoglie centinaia di canterini tutte le sere, stanno insieme, si divertono, fanno casino.

Lo stesso avviene in aree più distanti, come sulla Via della Seta, a Bishkek (Kirghizistan) dove sta esplodendo, pur lontano da cinesi e filippini che sono i più affezionati, la moda con una decina di locali aperti nell’ultimo biennio. In Cina, nella loro ansia di controllo, sembra abbiano piazzato delle scatole nere nei locali per controllare e allertare, da remoto, la polizia se è suonata musica illegale o video porno. In genere si suonano musiche locali ma si arriva a sentire coreani o cambogiani che cantano Modugno e Sinatra. Le comunità del sud-est asiatico e cinesi in giro per il mondo si ritrovano nei karaoke e qualcuno ha scritto che è un modo di difendere la loro identità. In India stanno provando ad usarlo come strumento per insegnare a leggere.

In questa grande varietà qualcuno segnala come il fenomeno stia un po’ degenerando con immagini e storie sempre più violente, con conseguenze sull’educazione dei più giovani e impallati. In Cambogia è di gran moda fra gli adolescenti il video karaoke Min Arch Merl Bong Chir ("Non posso sopportare che tu soffra") che, come altri, con sangue, botte, uccisioni e sesso, sta soppiantando quelli sdolcinati. E’ dovuto intervenire il Ministro della Cultura per cercare di regolarizzare il settore, far registrare i produttori e vietare i film più violenti.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares