• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Pizza indiana a Kathmandu. L’Italia in ritardo nella vendita dei propri (...)

Pizza indiana a Kathmandu. L’Italia in ritardo nella vendita dei propri prodotti doc

Arriva anche la catena indiana di pizza, spaghetti e fusilli Little Italy. Un pizzaiolo di Pune che dal 1995 ha progressivamente ingrandito la sua attività, fino a diventare un colosso del food italiano in India e, fra poco, in Asia. In quegli anni in Italia si discuteva se mettere i dazi alle merci provenienti dai BRICs, la Cina e l'India erano visti come nemici, mentre il resto del mondo espandeva i suoi commerci.

Sistema Italia in ritardo e la pizza, il vino, l'espresso sono venduti da altri.

A Kathmandu si mangia discretamente bene, ci sono tanti piccoli ristorantini, quelli degli hotel dove si può mangiare una versione ricercata della cucina Nepalese o newari, qualche indiano vegetariano e non, un po' di cinesi. Funzionano anche le grandi catene, come l’ottima Roadhouse Cafè, hanno chiuso la Kentucky Fried Chicken (KFC) e Pizza Hut. Avevano resistito alle richieste di donazioni dei maoisti, ma non hanno retto alle attuali richieste salariali degli impiegati e alla concorrenza. Ha, invece, appena aperto un ristorante della catena Little Italy, a Durbar Marg. Malgrado il nome, è una catena indiana, che smercia pizza, fusilli, spaghetti e vino. Farà concorrenza ai piccoli ristoranti gestiti da italiani, come il Fire and Ice o quelli aperti (decenni fa) da italiani che hanno dovuto lasciare il paese come la Dolce Vita.

Little Italy è diventata una potenza nella distribuzione della cucina italiana in India (è presente in 20 città) e a Dubai e sta pianificando di espandersi in altri paesi dell’Asia. Fa solo cibo vegetariano, usa materiale riciclato ed è sempre presente nelle campagne dirette a preservare l’ambiente. Con qualche decina di migliaia di euro si può aprire un loro franchising. In Nepal è arrivata con un investimento di circa euro 400.000, sostenuto da due società finanziatrici Murarka Group and SHTC International anche loro d’origine indiana. Dovrebbe dare lavoro a circa 40 persone.

Assaggeremo gli spaghetti e la pizza, ma questa storia induce ad altre riflessioni sulla capacità del sistema Italia di muoversi nei paesi emergenti. Pizza, caffè, vino sono venduti da tutti, in Cina e in India, meno che dagli italiani. Le quote di penetrazione in questi mercati sono minime, nessun gruppo organizzato è presente. Quando in Italia si discuteva di dazi alle merci cinesi, i pizzaioli indiani di Little Italy, da Pune, iniziavano a costruirsi un impero alimentare. I tedeschi avevano voli costanti su Pechino, mentre l’Alitalia era affossata dalla corruzione, la BMW e l’Audi iniziavano a porre le basi per esportare in questi paesi, mentre la FIAT socializzava le perdite e privatizzava gli utili. Gli svedesi mettevano le catene di pizzerie, i francesi di caffè e di vino. Solo dopo la crisi economica che ha segato i consumi domestici, qualcosa si è mosso e le aziende italiane (con poco aiuto dallo stato) hanno cercato di salvarsi con l’export, ma la penetrazione sui mercati permane sempre bassa.

I dati indicano che dal 2003 le nostre esportazioni verso le aree extra UE sono raddoppiate, ciò significa che prima eravamo fermi (da euro 8.000 mio nel 2003 a oltre euro 16.000 mio nel maggio 2012). “Sulla base dei dati del Ministero del Commercio indiano, l’UE si e’ confermata, anche per il periodo aprile 2011 – gennaio 2012, il primo partner commerciale dell’India. Tuttavia la Cina ha ormai superato l’UE, quale primo paese fornitore del sub-continente indiano, con una quota del 12,04% (14,46% se si considera anche Hong Kong), sul totale delle importazioni indiane (contro l’11,9% della quota UE). Primo fornitore fra i paesi UE e’ la Germania, con una quota del 3,22%. L’Italia, quarta tra i Paesi UE (dopo Germania, Belgio e Gran Bretagna), e’ al 24˚posto nella classifica complessiva, con una quota dell’1,13% sul totale delle importazioni indiane” Questo scrivono i rapporti, tenendo conto che l’Italia ha aumentato, solo nell’ultimo biennio, le sue esportazioni con tassi di crescita del 20%. In Cina il vino francese vende per USD 751 mio, l’Italia per USD 94 mio (meno del Cile e dell’Australia), pensare che nel 2005 vendevamo meno di USD 4 mio.

La pizzeria di Kathmandu indica che l’Italia è poco competitiva come segnala il Growth Competitiveness Index, si trova dopo la Polonia, la Tunisia, la Thailandia il Cile e la Malesia,nella più bassa posizione fra i paesi occidentali. Un’altra responsabilità per la classe dirigente di quel paese.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares