• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Terre perdute

Terre perdute

Il Land grabbing è diventato il nuovo business delle multinazionali agro-alimentari e minerarie. Terreni grandi quanto la metà dell'Europa Occidentale sono stati sottratti, spesso con la forza, ai contadini della Cambogia, del Congo, dell'Etiopia e di tanti altri paesi poveri.

Il business è colossale riguarda la produzione di alimenti e l'estrazione di materie prime, prodotti strategici nei prossimi anni. Per produrre servono risorse idriche, anche queste sottratte ai contadini e alle comunità: il water grabbing.

Il Land grabbing (requisizione\acquisizione di terra), con relativo allontanamento dei contadini, è diventato un elemento aggiuntivo nel già vasto panorama dei diritti perduti per i poveracci. Dal 2000 sono finiti a multinazionali dell’alimentare, minerarie, forestali tanta terra quanta la metà dell’Europa occidentale. Per seguire questo fenomeno, spesso di rapina, è nato un osservatorio che registra tutti questi movimenti.

I paesi in cui più s’è concentrata l’acquisto o espropriazione di terreni, sono quelli africani e quelli più sfortunati come il Congo, il Sudan, l’Etiopia, il Mozambico. In Asia abbiamo seguito le vicende dell’India e dei maoisti indiani che vivono grazie all’opposizione alle espropriazioni delle multinazionali minerarie. I grandi compratori, però, sono proprio gli ex-poveri come, appunto, le multinazionali e il governo indiano, i cinesi, gli indonesiani. Alla ricerca di terreni per coltivare prodotti alimentario, anche gli Emirati Arabi che fanno circolare un po’ di soldi petroliferi.

La terra s’acquisisce con la corruzione, facendo partecipi i governanti locali nello sfruttamento delle risorse, ottenendo concessione decennali. Lo scopo è, oltre che sfruttare le risorse naturali (legno, prodotti minerari o preziosi), quello di assicurarsi spazio per i business del futuro che saranno la produzione di alimenti e, con la palla ecologista, di biofuel (a seguito della decisione del’UE del 2008 di coprire il 10% del fabbisogno energetico con prodotti bio).

E’ infatti clamoroso che proprio l’ecologia sia una delle ragioni per sbattere fuori dal loro habitat i contadini, come è successo nella Polocich Valley in Guatemala dove oltre 3000 persone hanno visto perdere terra, acqua e lavoro. Lì sono arrivati con gli elicotteri e i militari. Storia simile a Kisaeawe, in Tanzania. A Gambella (Etiopia), uno dei posti più disgraziati del pianeta, lo sceicco Mohamed Hussein Ali (magnate degli Emirati), miliardario e finanziatore della Fondazione benefica Clinton s’è impippato 10.000 ettari di terreno, scacciato i contadini, piazzato guardie armate per coltivarci mais e girasoli. Abbiamo già scritto della Cambogia dove la terra e le case sono state sequestrate anche nella capitale per proseguire la speculazione edilizia.

Presa la terra, ai grandi coltivatori serve l’acqua e tanta per le colture intensive ed ecco il water grabbing, cioè l’espropriazione e il consumo delle risorse idriche, spesso comunitarie. Diritti di proprietà, consuetudini all’uso, documenti catastali sono, in questi paesi, spesso inesistenti. Si è mossa anche, 2010, l’African Commission on Human and Peoples’ Rights, che considerando il caso della popolazione Endoroi ( Kenya), ha proclamato di istituzionalizzare e proteggere il diritto tradizionale al possesso della terra. Si è mosso anche UN’s Food and Agriculture Organisation che ha lanciato una mobilitazione internazionale per “sviluppare linee guida per una gestione responsabile della terra e delle risorse naturali”. Chiaramente è restato tutto sulla carta e i contadini senza terra (in costante crescita), ringraziano i ben pasciuti burocrati internazionali.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares