• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Hanno ucciso Vittorio Arrigoni: restiamo umani?

Hanno ucciso Vittorio Arrigoni: restiamo umani?

Per tutte le persone che hanno a cuore la causa palestinese era diventato un grande punto di riferimento. Ricordo che scoprii per caso il suo blog e lessi che stava raccogliendo fondi per andare a Gaza. Era proprio il 2008 che, come rappresentate dell'International Solidarity Movement, riuscì a violare con successo il criminale blocco navale israeliano; e da allora si creò numerose inimicizie da parte dei rappresentanti del Governo Israeliano e non solo.

Specialmente quando, esattamente il 27 dicembre del 2008, raccontò l'inizio dei bombardamenti israeliani di "Piombo fuso"su Gaza: una guerra che provocò più di 1400 palestinesi uccisi!

A pensare che in un convegno sulla situazione cubana e palestinese di qualche settimana fa, ho avuto il piacere di ascoltare la sua voce tramite un collegamento telefonico. Stava raccontando la protesta dei palestinesi, chiamata la giornata della collera e ovviamente poco raccontata dai nostri mass media e "grandi" giornali. Ma si sa, alcune morti o proteste, sono meno importanti delle altre. E guai a raccontare tutta la verità fino in fondo.

Gaza è un territorio con troppi attori, numerosi corpuscoli nati dal nulla e che creano appositamente disordini. Un vecchio sistema cerato dal più grande servizio segreto del mondo: il Mossad. Certi meccanismi si conoscono, ma vengono poco raccontati. Ad esempio la formazione Hamas è stata a suo tempo finanziata proprio dal servizio segreto israeliano per contrastare, all'epoca, l'unica formazione in grado di realizzare lo Stato Palestinese: quello dell'OLP di Arafat.

Ora che c'è Hamas, e che può piacere o no è stato eletto democraticamente a Gaza, ovviamente c'era bisogno che ci fossero altre formazioni ancor più estremiste. E tra questi ci sono i salafidi della "Brigata Mohammed Bin Moslama", organizzazione di Al Qaeda e che della causa palestinese non gliene importa nulla.


Sono stati questi burattini assassini che hanno rapito Vittorio Arrigoni e stanotte lo hanno ucciso senza pietà. A pensare che quando appresi la notizia del suo rapimento, avevo immaginato e augurato che Israele ci avrebbe sorpreso, anche se durante la guerra aveva arrestato Arrigoni perché considerato fiancheggiatore dei terroristi, e lo avrebbe liberato con grande senso di umanità.

Ma non è andata così.

Ora dovremo subirci tutti quei sepolcri imbiancati dei politici di "sinistra" o dei nuovi pseudo intellettuali che faranno i dispiaciuti.

Ma l'Italia intera oramai è diventata così da parecchio tempo, e se muoiono le poche vere voci critiche come questo ragazzo coraggiosissimo, è un bene per questo Potere schifoso e infimo.

Ma si può rimanere, nonostante tutto, umani? Vittorio ci ha insegnato di sì. D'altronde l'unica ideologia vera nella quale dobbiamo confidare per sperare in un mondo migliore è la ricerca dell'umanità.

Ma senza di lui, la ricerca si farà sempre più difficile e lo dico senza ipocrisia perché è sentita: mi sento ancor più solo e smarrito.

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares




    Ultimi commenti