• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Eros...senza i bottoni

Eros...senza i bottoni

Che il kimono sia un abito tradizionale e costume nazionale dei giapponesi è cosa nota. E si sa anche che il kimono non ha né bottoni né tasche in quanto è stretto intorno alla vita da una larga fascia trattenuta da un cordoncino.
Meno risaputo è invece il fatto che al posto dei bottoni era in uso un accessorio, il Netsuke, oggetto talmente raffinato e prezioso da richiedere una mostra altrettanto raffinata e preziosa come quella allestita in questi giorni fino a marzo 2009 dal Museo Poldi Pezzoli di Milano.

"Netsuke" significa "scultura in palmo di mano". Questa, usata a mo’ di bottone, serviva da contrappeso alla piccola borsa che si portava allacciata alla vita. La preziosità dell’oggetto, degno appunto di una mostra, sta nei materiali usati per scolpirlo, avorio, legno laccato, corno, pasta di vetro, ceramica, come pure nell’eccezionale fattura opera di artisti divenuti famosi nel tempo.
Ma non solo, cosa altrettanto preziosa è che il Netsuke testimonia meglio di qualsiasi altro oggetto le abitudini del popolo giapponese nei secoli passati. Realizzato in un periodo che va dal 1615 al 1868, questo minuscolo accessorio rappresenta tutta la sensualità erotica che attraverso le famose case da thé, il teatro, le feste nelle case dei ricchi, pervadeva nel secolo XVII tutta Tokio, l’antica capitale Kyoto e il porto commerciale di Osaka. In queste città, prima che in altre minori, si sviluppa una cultura che pone il piacere al centro dell’esistenza, di ogni attività della vita e sottolinea la transitorietà della vita stessa.


E’ la nuova classe ricca giapponese che nelle case di tolleranza, ma anche attraverso il teatro, la danza, la letteratura, ispira questa filosofia dominata dalla sensualità e dalla leggerezza del vivere. In quel periodo che va dagli inizi del 600 fino alla fine del 700, il Giappone è chiuso al mondo esterno e coltiva e sviluppa al proprio interno tutte le arti, dalla danza alle arti decorative, che sono tutt’oggi la più significativa bellezza di questo Paese.

Tutta questa grande fioritura ha tuttavia una fine con l’arrivo degli Occidentali, il kimono cade in disuso e di conseguenza anche il Netsuke perde il suo valore di accessorio d’uso, per diventare un vero e proprio oggetto d’arte, ambito dai collezionisti di tutto il mondo.

La raccolta che è in mostra al Museo Poldi Pezzoli viene sia dalla Collezione di Giacinto Lanfranchi, industriale bresciano, sia dal Linden Museum di Stoccarda e dalla collezione privata dello stesso Poldi Pezzoli.

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares