• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Home page > Tempo Libero > Redazionali > Elezioni. Perché cresce l’astensionismo

Elezioni. Perché cresce l’astensionismo

Sulla scia delle recenti elezioni amministrative, anche alle politiche l’astensionismo è volato, toccando un nuovo record: un elettore su quattro ha rinunciato a votare!

 

Questo massiccio astensionismo elettorale esprime la profonda sfiducia del cittadino nei confronti di una classe politica alla quale non riconosce la volontà di risolvere i problemi del Paese.

Ad esempio, nella campagna elettorale appena conclusa la disoccupazione adulta – quale drammatico e dilagante fenomeno sociale da affrontare e contrastare con politiche mirate e qualificate - è stata misconosciuta e sottaciuta da partiti e movimenti, e l’assenza di proposte politiche in merito ne costituisce l’oggettivo riscontro. Moltissimi cittadini, milioni di persone e famiglie si sono sentiti abbandonati a loro stessi, orfani, privi di rappresentanza.

La politica ha rinunciato a confrontarsi e a misurarsi su fenomeni sociali - quali la disoccupazione adulta - che attanagliano ormai troppi cittadini, facendo scempio delle loro vite, giorno dopo giorno!

Drammatici problemi - che richiedono seria attenzione, immediati e specifici interventi - rimangono senza prospettiva di soluzione; intanto un numero crescente di italiani precipita in una spirale di povertà e di emarginazione sociale, a volte senza ritorno!

Con l’astensionismo elettorale i cittadini esprimono la propria disaffezione, l’insofferenza nei confronti di un certo modo di fare politica.

Attraverso l’astensionismo elettorale i cittadini denunciano, certificano anche l’inadeguatezza di una classe politica che dichiara di volersi adoperare per il lavoro dei giovani, mentre non ha saputo tutelare quello degli adulti!

E quando un cittadino non si sente rappresentato per l’inadeguatezza delle proposte politiche, l’astensionismo elettorale volontario è atto di protesta civile e democratico - risultato di una sofferta presa di coscienza individuale – ma anche possibile punto di partenza di nuove istanze sociali e politiche!

Luchino Galli

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares