• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Disoccupazione adulta: la congiura del silenzio

Disoccupazione adulta: la congiura del silenzio

di Luchino Galli, blogger e mediattivista

La disoccupazione adulta in Italia è una disoccupazione di massa, da paura, un fenomeno sociale in continua crescita che anno dopo anno coinvolge sempre più persone, sradicando vite, devastando famiglie, dissolvendo percorsi esistenziali.

Nel quadriennio 2010-2013, con l’intensificarsi della crisi economica, la disoccupazione adulta¹ è esplosa; il numero dei disoccupati adulti (tra i 35 e i 64 anni) censiti dall’Istat² è aumentato vertiginosamente: 939.000 nel 2010 (il 44.67% del totale dei disoccupati), 976.000 nel 2011 (il 46.30%), 1'311'000 nel 2012 (il 47,92%), 1.521.000 nel 2013 (il 49%). In particolare nel 2013 i disoccupati adulti, a livello nazionale, non solo avevano quasi eguagliato in termini numerici i giovani disoccupati³, ma costituivano la maggioranza dei disoccupati nel nord e nel centro Italia.

Un fatto nuovo, eclatante, che dà l’idea dell’enormità della disoccupazione adulta e della gravità delle sue ricadute sociali, perché dietro a questi numeri impressionati ci sono persone, famiglie, con le loro storie di disagio, sofferenza, emarginazione.

Nonostante la dura realtà fotografata dai dati Istat, nel nostro paese si continua a identificare la disoccupazione con quella giovanile, sulla quale si accentrano le attenzioni e le “preoccupazioni” di istituzioni, politica e mass media, mentre la disoccupazione adulta rimane una tragedia sottaciuta, condannata a un’impietosa marginalizzazione!

Ma l’enfatizzazione della disoccupazione giovanile e il conseguente misconoscimento della disoccupazione adulta non sono casuali, sono frutto di una precisa costruzione culturale, rispondono a un disegno preordinato: orientare l’opinione pubblica e convincerla che la vera emergenza sul fronte occupazionale sia l'alto tasso di disoccupazione giovanile, e che la gravità della situazione richieda tempestivi interventi legislativi.

Quale miglior opportunità per guadagnare il consenso dell’opinione pubblica e per riformare il mercato del lavoro in nome dell’emergenza occupazionale giovanile? Quale migliore occasione per liberalizzare e deregolamentare ulteriormente il mercato del lavoro, all’insegna di una sempre maggiore flessibilità e precarietà, in modo che le imprese possano disporre di personale a basso costo, ancor meno retribuito e tutelato?

D'altronde, i soldati ideali di questo esercito di utili precari, con “stipendi-paghetta”, non sono forse quei giovani che possono ancora contare sul sostegno economico dei genitori?

 
 

Foto: Clementine Gallot/Flickr

 

 

¹ La disoccupazione adulta coinvolge i disoccupati dai 35 anni in su, come si evince dal Rapporto annuale sulla situazione del Paese nel 2008 dell’Istat: “Sotto il profilo demografico, le classi d’età […] fino a 34 anni, (sono) oramai da identificare come la componente giovanile della disoccupazione”.

² L’Istat rileva il tasso ufficiale di disoccupazione.

³ L’Istat nel 2013 ha censito complessivamente 3'105'000 disoccupati, di cui 1'584'000 tra i 15 e i 34 anni e 1'521'000 tra i 35 e i 64 anni.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità