Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Cesare Lazzini

Cesare Lazzini

L'autore non ha inserito, ancora, una sua descrizione.

Statistiche

  • Primo articolo giovedì 04 Aprile 2009
  • Moderatore da lunedì 05 Maggio 2009
Articoli Da Articoli pubblicati Commenti pubblicati Commenti ricevuti
La registrazione 21 8 51
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0
Moderazione Da Articoli moderati Positivamente Negativamente
La registrazione 1 1 0
1 mese 0 0 0
5 giorni 0 0 0












Ultimi commenti

  • Di Cesare Lazzini (---.---.---.188) 12 giugno 2011 18:23
    Cesare Lazzini

    Attenzione con questi articoli, se è vero bisogna mostrare documentazione il più possibile chiara ed incontrovertibile, non un’immagine in miniatura e impossibile da decifrare. Data così la notizia rischia solo di creare confusione e scatenare eventuali polemiche sul voto. Mi raccomando, perchè i link a questo articolo, non ripreso da alcuna importante testata o agenzia di stampa, si stanno diffondendo a macchia d’olio su facebook e twitter.

  • Di Cesare Lazzini (---.---.---.243) 5 giugno 2011 11:02
    Cesare Lazzini

    ma si dai hai ragione pensiero positivo topa ottimismo e dileggio grazie paolo mi hai cambiato la vita pensare che non c’era riuscito berlusconi in diciassette anni a convincermi e ci sei riuscito te in poche battute eh eh sei un grande ps l’ortografia è una branca della grammatica ma non importa pps sei fantastico ti dico che ti lascio solo al gioco al dileggio e a chi ce l’ha più lungo e ribadisci genietto aggiungi ignorante sottolinei di aver avuto di meglio da fare nella vita e mi consigli di farmi una ragazza...chiamala prevedibilità! eheh

    oh paolo ora davvero ti saluto che ogni tanto c’ho da fare anch’io
    ciao figura

  • Di Cesare Lazzini (---.---.---.243) 5 giugno 2011 02:39
    Cesare Lazzini

    Per sua conoscenza: avevo utilizzato il termine grande per non usare il termine anziano o vecchio che potevano risultare indelicati.

    Ma dati i toni volgari che continua ad utilizzare, le sentenze immaginarie che sputa ("talebans dell’ecoterrorismo"? "scattano come molle"????), l’interpretazione totalmente soggettiva delle mie parole ("non mi ero accorto che continuava" diventa nella sua mente l’equivalente di non mi sono disturbato a leggerlo tutto...), le fantasiose deduzioni ("Conferma quindi che non mi ha letto") che dimostrano più che altro che non ha colto la differenza che sottolineavo nel commento citato;

    tutto ciò dato, dicevo, metto da parte l’educazione e le offro in due parole la descrizione sintetica della persona che viene fuori da queste sue risposte meschine, utilizzando il termine che mi suggeriva: un vecchio ridicolo.

    Con questo chiudo da parte mia il simpatico siparietto e la lascio da solo a continuare, se lo ritiene utile, il suo gioco al dileggio e a chi ce l’ha più lungo.

    Mi stia bene

  • Di Cesare Lazzini (---.---.---.243) 4 giugno 2011 17:50
    Cesare Lazzini

    Vediamo...

    "A ma allora sei un maestrino dalla penna rossa !!  Chiedo scusa per avere equivocato il senso del commento ,pensavo si trattasse di una questione di sostanza.Su un’articolo hai trovato un apostrofo (vedi che ho imparato)"

    Gli apostrofi erano tre, più uno nel commento, più questo di cui sopra. Il tutto in una manciata di righe, non in un romanzo..

    Ad ogni modo non mi sarei permesso (né interessato) se l’articolo fosse stato sui Pokemon, ma visto che nell’articolo sostiene che ad un medico, uomo di scienza, si debba richiedere come minimo il rigore scientifico, il mio commento è stato che a chi intenda scrivere un articolo si richieda come minimo il rigore grammaticale.

    Posso solo dirle che probabilmente avrei usato un altro tono se avessi letto prima che lei è molto più grande di me, quantomeno per rispetto ed educazione. La reazione è stata tranciante perchè dettata dall’impressione di leggere l’articolo di una persona giovane, istintiva e poco attenta alla grammatica, a cui quindi potesse servire un commento sferzante. E che potesse accettare con meno risentimento e ricavandone maggior utilità l’appunto di un "maestrino".

    Un commento sull’articolo: si figuri, non l’avevo neanche finito, non mi ero accorto che continuava in seconda pagina, ho trovato un altro apostrofo sbagliato ("Celentano è un’artista"). Ok, commenti: gli articoli di critica al lavoro di altri giornalisti mi sono venuti a noia anche da parte di Travaglio, si figuri...e purtroppo, essendo piuttosto semplici da scrivere se trattati in modo generico, hanno trovato un notevole proselitismo nel web ed anche in questo stesso sito; lo spot degli scacchi cui fa riferimento voleva passare da equidistante mentre tale non era, mentre il montaggio di Celentano era una suggestione artistica evidentemente parziale e chiaramente etichettata come tale, addirittura con una premessa quasi pedante dello stesso Santoro, proprio ad evitare di scontentare qualcuno che vi cercasse il rigore scientifico che non intendeva e non poteva avere.

    Saluti
    Cesare

  • Di Cesare Lazzini (---.---.---.19) 4 giugno 2011 01:49
    Cesare Lazzini

    e infatti ha ribadito l’errore ("un’ottimo medico") anche nel commento al commento...

    "Particolare attenzione va prestata al modo in cui si scrive l’articolo indeterminativo UN / UNO, UNA / UN’ quando la parola che segue inizia con vocale.

    Ecco degli esempi:

    * un asino raglia, un elefante nella boscaglia, un orso marsicano, un intelligente progetto, un ulteriore rinvio.
    In questi casi l’ARTICOLO è MASCHILE e NON VIENE APOSTROFATO.

    * un’amica sincera, un’edera rampicante, un’orsa e i suoi orsacchiotti, un’ira improvvisa, un’uva molto matura.
    In questi casi, poiché l’ARTICOLO è FEMMINILE, VIENE APOSTROFATO."

    (fonte: http://www.raccontioltre.it/2674/ap...)







Palmares