• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > A Stefano Tassinari: Ste non ti dimenticherò

A Stefano Tassinari: Ste non ti dimenticherò

Un messaggio.

Poche righe.
Stefano è andato via.
Silenzio.
Vorresti piangere.
Vorresti sentirti umano.
Vorresti ma il sentimento della rabbia prevale.
Perché.
Perché.
 
Tutti quelli che hanno conosciuto Stefano, chiamato il Tas, nella Bologna che non hai mai smesso di sognare e lottare, nonostante tutto, per un mondo più equo, libero e solidale, ricorderanno, come sempre accade, quando un amico, un compagno, va via, via da questo mondo, a qualche momento di emozione condiviso, vissuto, in qualche attimo che pensavi perso, ma che l'atrocità dell'evento ha riportato innanzi ai tuoi occhi.
Non pensi.
Chiudi gli occhi.
 
Ricordo quella sera del 31 marzo 2011.
Arrivai prima del previsto.
Piazza Verdi di Bologna, quella Piazza che ha vissuto repressioni e conquiste, dolori ed emozioni, nel vicino locale la Scuderia, ospitava la presentazione dell'ultimo libro di Stefano. D'altri tempi.
Incontri alcuni compagni, saluti di vita ed abbracci di lotta.
Arriva Pino Cacucci, vestito come sempre con la maglietta nera, nero anarchico e ribelle, fai due chiacchiere, aspettando Stefano e la sua immancabile compagna di vita Stefania.
Eleganza proletaria unica, capelli bianchi figli di una saggezza da scoprire, ma anche di quella sofferenza che non lo ha mai piegato.
La malattia che ha affrontato e combattuto per anni.
Stefano era consapevole del male.
Era consapevole.
E tutti ci chiedevamo ma dove trova la forza, dove, dove?
 
La scrittura, l'amore per e della sua compagna, il credere in quell'ideale, oggi giorno sempre più sacrificato nel nome della più becera politica esistente, era la sua forza di andare contro, contro ogni male, contro il male.
 
Sì, nonostante tutto andava avanti, con fatica, ma andava avanti.
Lo aiuto a sollevare i libri, a preparare il banchetto, discutiamo su come sistemarli sul tavolino nell'attesa che la serata abbia il suo canonico inizio.
Arriva Dandy bestia, che con la sua musica accompagnerà l'emozione delle parole di Stefano.
 
Pino presenterà il libro, Stefano accompagnerà le sue parole come scritte e stilizzate in quelle pagine nella mente e nel cuore di tutti noi.
Parlerà di quanto è difficile pubblicare racconti, che in Italia i racconti non vanno, ma parlerà anche della triste sorte dei desaparecidos, della disumanità reale che è stata storia sconosciuta ma vissuta in un tempo da non dimenticare.
E come tutti, aspetti il momento della dedica. La dedica su quel libro, che condividerò con la persona più importante della mia vita.
 
Penso a quel caffè condiviso con Stefano al ritrovo storico di Bologna, la Linea, ai suoi ricordi di Monfalcone, ai luoghi che mi suggeriva di vedere ed osservare, sentire ed ascoltare, e gli dissi, 
Ste, quando verrai su batti un colpo.
Oggi il colpo non è stato battuto.
No.
Chissà, forse non ci saresti mai finito su quel fondo, se solo un attimo prima di scendere le scale avessi avuto il dubbio di non poterle risalire, né quel giorno di marzo né mai più, eppure le voci dei compagni e i suoni spenti degli spari sono stati un richiamo più forte di ogni legame istintivo con la vita, per quanto fosse ancor più forte delle parole adatte al sacrificio, tuo e di tutti quelli che hanno anteposto il credere in qualcosa al non credere in niente.
Queste parole, tratte da un brano "D'altri tempi", spiegano chi era Stefano, il Tas, come veniva chiamato dagli amici e compagni di Bologna, Ste, come lo chiamavo io.
 
Vorresti dire e scrivere tanto.
Tutti quelli che hanno conosciuto Stefano, condivideranno un ricordo vissuto e mai morto, uno sguardo, una parola, una critica, perché non sempre si conveniva sulla scelta di campo e di politica, ma specialmente la forza, quella forza di andare contro, che ha insegnato tanto e molto a tutte quelle persone che spesso smarriscono l'ideale dietro quella burocrazia che annienta ogni voglia di cambiamento.
 
Dirò e scriverò semplicemente,

Ciao Ste.

 

Marco Barone

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità