• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > La partita a scacchi. Fini verso il matto?

La partita a scacchi. Fini verso il matto?

Fini rinuncia al Lodo Alfano.Le assenze della Pdl durante le votazioni sullo scudo fiscale.

Non può lasciare indifferenti la mossa del Presidente della Camera Fini, di rinunciare ad avvalersi del Lodo Alfano e di, quindi, decidere di equipararsi a qualunque altro cittadino della Repubblica Italiana e farsi processare.

Il processo comunque non si svolgerà, visto che il pm Woodcock ha deciso di ritirare querela, ma il gesto di Fini ha grande valenza politica.

Come noto il Presidente del Consiglio Berlusconi, nella medesima situazione ha invece usato il lodo stesso per schermarsi dal processo Mills e non farsi processare.

L’ennesima mossa di smarcamento di Fini, dopo la proposta di dare la cittadinanza italiana agli immigrati dopo 5 anni. Il presidente della Camera sta giorno per giorno erodendo il consenso di Berlusconi anche all’interno della stessa Pdl.



Non può lasciare senza stupore il fatto che durante le recenti votazioni sullo scudo fiscale la maggioranza si sia raggiunta quasi sul filo di lana, nonostante i numeri siano totalmente dalla parte della maggioranza e che l’opposizione faccia di tutto per farsi harakiri.

A cosa punta Fini? Politico, fine e raffinato che nel corso degli anni ha saputo ravvedere le sue posizioni. C’è chi lo taccia di "voltagabbanismo", ma le recenti dichiarazione sugli immigrati e le proposta di legge bipartisan fatta dal deputato Pdl Granata, suo avamposto alla Camera, non possono lasciare indifferenti.
E’ un progetto a lungo termine quello di Fini o possiamo aspettarci a breve qualche capovolgimento? La mossa di rinunciare al Lodo Alfano presumibilmente obbligherà Berlusconi a rinunciare al lodo Alfano. Se non lo farà avrà sicuramente un impatto mediatico e interno al Partito non di poca entità.

Non dimentichiamoci le dichiarazioni di Fini fatte a Gubbio un mese fa riguardanti la necessaria ricerca della verità sulle stragi di mafia del 92-93, che si contrappongono alle parole di Berlusconi, che prefigura un "disegno eversivo delle procure di Milano e Palermo" a proposito delle indagini di mafia che le stesse procure stanno conducendo.

Per questo la puntata di Annozero di Giovedì prossimo potrebbe far paura al premier e al suo entourage, ancora di più di quella dedicata alle escort. Santoro porterà in studi Massimo Ciancimino, figlio di Vito, il sindaco democristiano del «sacco di Palermo» condannato per mafia e morto nel 2002. Si parlerà della presunta trattativa mafia-stato negli anni delle stragi e del noto e incredibile "papello", contenente gli accordi tra le due parti.

Commenti all'articolo

  • Di sganapino (---.---.---.179) 6 ottobre 2009 17:03

    A livello umano sono convinto che Fini abbia fatto un percorso che l’abbia portato ad assumere posizioni molto diverse di quelle del passato. A livello però politico ritengo che il ruolo di arbitro sia il massimo cui possa ambire.
    Anche in caso di caduta di Berlusconi , il probabile prossimo Presidente del Consiglio sarà un tecnico che tenti di mettere insieme sui contenuti le due parti d’Italia ora in contrapposizione.

  • Di Renzo Riva (---.---.---.102) 6 ottobre 2009 22:59

     

    di Renzo Riva	, 5 ottobre 14:02 Fini rinuncia al Lodo. E’ lo "sdoganamento" finale?

    Riporto per comodità

    http://www.agoravox.it/Fini-rinuncia-al-Lodo-Alfano-Bravo.html

    • di Renzo Riva , 3 ottobre 17:04 Fini rinuncia al Lodo Alfano. Bravo Presidente!

      Pare che l’autore della querela ora voglia rimetterla quale segno della sua magnanimità nei confronti del reo-ad-ogni-costo e d’approvazione del "bel gesto" finiano.
      Finiamo di prendere in giro la gente.
      Ora Fini deve andare fino in fondo e chiedere ad ogni costo il giudizio altrimenti il tutto si trasforma in pantomina: forse concordata?.
      Prima di ciò altrimenti ognuno può essere ostaggio del pre-giudizio dei "sinistri-sinistrati" che poi si trasformano in magnanimi perdonatori della vittima prescelta che potrebbe sviluppare la "sindrome di Stoccolma".

      Mandi,
      Renzo Riva
      Via Avilla, 12
      33030 Buja - UD

      renzoriva@libero.it
      349.3464656

      Rispondere al messaggio

      • di virginia , 4 ottobre 09:57 Fini rinuncia al Lodo Alfano. Bravo Presidente!

        Pantomima concordata insinua il commentatore e non è da escludere che sia proprio così. "Io rinuncio al Lodo" dice Fini e Woodcock annulla la querela.
        Ma perché proprio adesso? La prossima settimana ci sarà la sentenza della Corte Costituzionale proprio sul Lodo Alfano e qualcuno mette già le mani avanti. Per smarcarsene e.... fare bella figura con poco.

  • Di Filippo (---.---.---.9) 7 ottobre 2009 16:11

    Senza dubbio le nuove posizioni di Fini evidenziano la sua crescita politica ed intellettuale, vuole solo avvicinare il PDL al PP europero, finora distante anni luce dal personal-partito di Mr. B.
    Ciò che non riesco però a mandare giù è il fatto che Fini non può arrivare oggi e fare il liberal-progressista dopo aver venduto l’anima al diavolo per 15 anni. APPREZZABILE GESTO QUELLO DI FINI, MA ARRIVA TARDI.

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox







Palmares