• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tempo Libero > Sport > Sciopero dei calciatori, la rabbia del tifoso lavoratore

Sciopero dei calciatori, la rabbia del tifoso lavoratore

Il 27 e il 28 agosto i giocatori non scenderanno in campo. Sui social network la rabbia dei tifosi nei confronti di Damiano Tommasi e dei calciatori, visti come una casta che vuole difendere i propri diritti. Da cui però, forse il tifoso-lavoratore dovrebbe imparare.

Giorgio Bocca l'ha spiegato molto chiaramente su Repubblica. Non è proprio uno sciopero. La partita (più di una se non si troverà l'accordo) verrà recuperata.

Sui motivi di questa sospensione si può essere d'accordo o meno, ma il comportamento del tifoso medio che si sta palesando su Facebook è assolutamente deprecabile. Il profilo Facebook di Damiano Tommasi si sta riempiendo di insulti di ogni genere. 

La colpa? Essere calciatori; quindi "guadagnare miliardi" (ma i miliardi li guadagnano solo in serie A), dovrebbe obbligare il calciatore a non doversi lamentare mai del suo trattamento contrattuale. Un tifoso scrive nel profilo di Tommasi:

C'è gente che studia anni per vedersi offrire stage a 200 euro al mese e voi nababbi miliardari vi permettete di scioperare per cavilli sul contratto collettivo.

Il tifoso-lavoratore dovrebbe invece imparare da Damiano Tommasi e il suo sindacato che, organizzandosi e trovando una totale unanimità tra tutti i componenti delle squadre, è riuscito a portare le ragioni dei calciatori all'attenzione dell'opinione pubblica creando un "disagio" notevole ai presindenti delle squadre e ai tifosi.

E invece in occasioni di scioperi che siano dei calciatori, dei tramvieri, dei macchinisti, il tifoso-lavoratore si scaglia contro colui che protesta, non contro colui che ha obbligato il protestatore a protestare. Una completa inversione del colpevole. 

Manca la solidarietà tra lavoratori, manca la capacità di protestare e di unirsi per affrontare le situazioni. Ci verrebbe da dire al caro tifoso-lavoratore che parla dei giovani obbligati ad affrontare gli stage a 200 euro che la colpa non è del calciatore che cerca di far valere i propri diritti (a torto o ragione son fatti suoi, è il calciatore che scioperando si prende la sua responsabilità).

Non si deve sfogare la propria rabbia verbale su di lui, ma su chi negli anni tra politica, sindacato e media addomesticati, ha permesso un progressivo svuotamento delle coscienze, permettendo alla classe imprenditoriale di ridurre via via i diritti contrattuali dei lavoratori.

Anche ll tifoso-lavoratore dovrebbe arrabbiarsi vedendo allontanarsi il giorno in cui andrà in pensione, o la rata dell'asilo nido dei figlio che aumenta a dismisura a causa dei continui tagli agli enti locali. E organizzarsi. Ma un Damiano Tommasi dei lavoratori non si vede. Anche se, forse, Maurizio Landini ci assomiglia molto.

Commenti all'articolo

  • Di Claudio Paudice (---.---.---.190) 27 agosto 2011 14:25

    Questo è indice del basso moralismo dell’italiano medio. Dato che i calciatori sono miliardari, devono fare quello che devono fare, cioè giocare. Se c’è uno sciopero, un problema, un disaccordo, l’italiano medio non va ad informarsi per capirne i motivi. Ci si limita alla polemica da bar: "Ma con tutti i soldi che prendono scioperano pure?". E questo fa capire molto bene in quale ottica lo sciopero viene visto in Italia. Come uno strumento legato, non tanto ai diritti, quanto ai soldi. Il problema è che tutti ma proprio tutti pensano che i giocatori non abbiano diritto a scioperare o protestare. Devono giocare perchè noi, lavoratori, sudiamo tutta la settimana e la domenica vogliamo goderci la partita. Come se fosse un diritto inviolabile del cittadino, quello della partita. Non capiscono che quello che ha ucciso il calcio è proprio l’italiano medio, che da sport lo ha fatto diventare un’ossessione.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares