• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tribuna Libera > Elezioni a Milano. Un voto disgiunto pragmatico

Elezioni a Milano. Un voto disgiunto pragmatico

Voto disgiunto. I grillini vengono accusati di rubare voti al Pd e non vogliono avere a che fare con coloro ritengono rappresentare "la vecchia politica".

Come può l'elettore fare una scelta pragmatica?

Dire che i grillini rubano i voti al Pd è sintomo di poca capacità di pensiero. Se vai al mercato e davanti a due bancarelle decidi di comprare le banane dalla bancarella che più ti aggrada non significa che stai facendo un torto a qualcuno. Stai semplicemente scegliendo ciò che ritieni migliore.

Ma la politica e l'amministrazione della città non sono un suk. Ci vuole pragmatismo.

E Pisapia non è la Moratti. L'attenzione per i più deboli, per l'ambiente e per la parte più popolare della città sono sicuramente un punto forte di Pisapia e di una grossa fetta della coalizione che lo sostiene.

All'interno del Movimento 5 Stelle vi è una presenza di giovani e di persone attualmente fuori dai giochi dalla politica che non deve andare sprecata.

Nuove idee, pulizia, capacità di poter controllare la cosa pubblica che non possono essere tenute fuori dal consiglio comunale di Milano anzi devono diventare un arma in più per migliorare Milano. E da Milano, simbolo del berlusconismo, può partire quel cambiamento nazionale.

Un successo di Pisapia qua, avrebbe immediatamente risonanza a livello nazionale fino a Roma.

Il voto disgiunto permetterebbe questo, di appoggiare Pisapia, simbolo di un cambiamento, e di votare Movimento 5 Stelle facendo entrare quanti più consiglieri del movimento stesso all'interno del comune di Milano.

Perché Milano e l'Italia non possono più permettersi di perder tempo.

Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.224) 3 maggio 2011 23:32

    "I grillini vengono accusati di rubare voti al Pd".

    Questa affermazione è matematicamente scorretta.
    In queste elezioni non vince chi prende la maggioranza relativa, ma chi prende la maggioranza assoluta, ovvero più del 50%.
    Per scongiurare la vittoria della Moratti bisogna fare in modo che lei prenda meno del 50%, ovvero che tutti gli altri, sommati, prendano più del 50%. Quel che conta è la somma. Non ha importanza se, per esempio, il PD prende 40% e i 5 Stelle 20%, oppure se il PD prende 35% e i 5 Stelle 25%: l’importante è che sommati superino il 50% per far perdere la Moratti!
    Quindi il problema del voto disgiunto non si pone: il vero voto pragmatico è votare 5 stelle e basta.

    Cristian

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares