• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Ambiente > Una grande insicurezza scuote il pianeta: paure dal mondo finanziario a (...)

Una grande insicurezza scuote il pianeta: paure dal mondo finanziario a braccetto con eventi naturali catastrofici

Terremoti disastrosi, tsunami di violenza inaudita, esplosioni di vulcani che mettono in crisi il movimento aereo di mezzo mondo, previsioni di ipotetica fine del mondo (2012) esorcizzata ma ricordata in continuo con uno spot pubblicitario in televisione, petrolio che zampilla ed inquina in maniera per ora inarrestabile i fondali oceanici ed infine una crisi economico-finanziaria europea e/o forse mondiale dai contorni preoccupanti.

Il futuro ci appare incerto, confuso. Cominciamo però a mettere ordine per lo meno nei contenuti scientifici più assodati e confermati nella nostra epoca.
Il moto di rotazione che la Terra compie attorno al proprio asse, da ovest verso est, ha la durata di 23h 56m 04s e viene definito giorno sidereo. Tale intervallo di tempo non deve essere confuso con quello che è il giorno solare, la cui durata media è di 24h.
 
Il giorno solare dura mediamente circa quattro minuti in più rispetto al giorno sidereo a causa del moto di rivoluzione della Terra intorno al Sole. Dopo aver compiuto una rotazione di 360° intorno al proprio asse (in 23h 56m 04s), la Terra deve ruotare di un altro piccolo angolo per ritornare nella stessa direzione rispetto al Sole, perché nel frattempo si è spostata lungo l’orbita che percorre intorno ad esso, e impiega circa quattro minuti per ruotare di tale piccolo angolo.
 
Le forze di marea esercitate su un pianeta dal Sole o dai suoi satelliti mutano la velocità di rotazione del pianeta (si tratta generalmente di un rallentamento), in particolare il periodo di rotazione siderale della terra aumenta a causa delle forze di marea del Sole e della Luna.
 
Anche il cambiamento di ripartizione della materia sul pianeta (sollevamento di massicci montuosi, scioglimento dei ghiacciai continentali), può modificare la velocità di rotazione.
 
La variazione del periodo di rotazione della Terra influisce sulla durata del giorno che attualmente supera le 24 ore medie di alcune frazioni di secondo. È così necessario aggiungere periodicamente un secondo, detto secondo intercalare, affinché il tempo universale resti sincronizzato col ciclo diurno.
 
Nel 2008 il Naval Observatory di Washington che controlla di fatto buona parte degli orologi atomici di riferimento nel mondo, ha deciso di aggiungere alle 24 ore un secondo.
 
L’intervento degli scienziati americani è stato necessario per tenere conto del progressivo rallentamento della rotazione della Terra causato da fatti naturali come l’azione di marea esercitata dalla forza gravitazionale della Luna, oppure dal Sole, ma anche da grandi eventi analoghi allo tsunami in Indonesia nel dicembre 2004. Del resto è un evento che è già avvenuto in epoche passate, infatti uno studio dei depositi mareali di circa novecento milioni di anni fa raccolti in varie parti del mondo, dallo Utah all’Indiana, dall’Alabama all’Australia, dimostra che allora il giorno era di circa 18 ore. 
 
Secondo il vicedirettore dell’Istituto di Fisica Terrestre a Mosca, il Prof. Aleksandr Ponomariov, invece, il rallentamento della rotazione della Terra avrebbe originato non solo il maremoto ma anche i “più recenti cataclismi tettonici”. Questa è un’ulteriore conferma alle teorie di Greg Braden, il quale da diversi anni parla del rallentamento costante della rotazione del nostro pianeta.
 
Greg Braden è una rara miscela di scienziato, visionario, studioso comunicatore e scrittore. Designer esperto di sistemi informatici (Martin Marietta Aerospace), geologo informatico (Phillips Petroleum) e supervisore operativo tecnico (Cisco Systems), Braden è oggi considerato un’autorità nel collegare le conoscenze del passato con la scienza, la medicina e le aspettative per il nostro futuro. Ha ipotizzato per il 21.12.2012 un momento supercritico per il pianeta Terra. I Maya fanno terminare addirittura il loro calendario nel 2012. In quell’anno, la Terra raggiungerà il suo punto "zero" e smetterà di ruotare, per poi ricominciare in senso opposto. Ciò porterebbe all’inversione dei poli magnetici. Questo sarebbe un fenomeno del tutto naturale e ciclico, ma rischioso per ogni forma di vita presente sulla superficie del pianeta. Le radiazioni cosmiche, dalle quali normalmente siamo schermati, durante questi rovesciamenti giungerebbero sulla superficie terrestre provocando l’estinzione di alcune specie.
 
Ho riportato volutamente informazioni scientifiche condivise da tutto il mondo scientifico e notizie che appartengono per ora solo al mondo delle ipotesi pseudo- scientifiche che debbono essere confermate o smentite dalla comunità scientifica mondiale sicuro che il lettore saprà individuare il confine tra le une e le altre. 
Dimenticavo! E la crisi finanziaria, il “ punto zero “ dell’economia? Scienza o fantascienza ?

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox

Autore

Mauro Guidi

Mauro Guidi

Biologo , web-writer di scienza e teatro. Freelance e vignettista

Sito: neretto


Profilo personale

Scrivi su AgoraVox !


Ultimi articoli dell’autore

Tutti gli articoli dell’autore

Articoli correlati

Ambiente
Tutti gli articoli di questa rubrica



Palmares


Articoli più letti

  1. Iran, donne, cani e altri disgraziati...
  2. #OpIran – Anonymous dichiara guerra all’Iran dopo la morte di Mahsa Amini
  3. 3 ottobre, Giornata della Memoria e dell’Accoglienza
  4. L’Iran in movimento e l’Iran bloccato
  5. Brasile. Sradicare il ‘bolsonarismo’ non sarà facile
  6. Anteprime Presadiretta – PNRR Lavori in corsa
  7. Iran, i vertici delle forze armate: “Stroncare senza pietà le proteste”
  8. “Colpevole” di adulterio: ventenne condannata a morte per lapidazione in Sudan
  9. Money talks: l’effetto di un aumento di stipendio sulla qualità dei politici locali
  10. Presadiretta – PNRR lavori in corsa