• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

Home page > Attualità > Taranto: Lacrimogeni contro il corteo per la chiusura dell’Ilva

Taranto: Lacrimogeni contro il corteo per la chiusura dell’Ilva

L’antico acquedotto romano ricoperto di fuliggine rossa. È lo stesso velenoso pulviscolo che da decenni invade i polmoni e corrode le ossa dei tarantini. 

A pochi metri, palizzate in acciaio alte una trentina di metri, sovrastano cespugli di polverosi finocchi selvatici e alberi carichi di fichi che mai nessuno raccoglierà. Grande due volte e mezza la città di Taranto, l’Ilva annienta il paesaggio, un tempo tratteggiato d’ulivi.

La più grande acciaieria d’Europa s’impone tra fumi, ciminiere, hangar e ferraglie. Non ci sono i profumi di maggio. La pioggia non spegne la rabbia dell’agguerrito corteo partito dal quartiere Tamburi, ridotto a un lager di finestre sbarrate, scuole chiuse e divieti di vita sociale.

Allora ci prova la polizia a placare l’ira dei manifestanti, sparando lacrimogeni davanti ai cancelli d’ingresso, dove le mamme del quartiere, inferocite, premono sulle inferriate.

Ma i tremila non ripiegano e sotto un diluvio aprono i microfoni alla pubblica assemblea. In piazza sono scese delegazioni provenienti da tutti i territori, soprattutto quelli ricoperti dalle stimmate provocate dal capitalismo italiano del secondo dopoguerra e dalle multinazionali dei veleni neoliberisti. Nutrita la delegazione calabrese. Sventolano bandiere NoTav, NoTap, NoTriv.

Compatto lo spezzone degli ultras locali: “Prima ancora che del Taranto, siamo ultras della città di Taranto”. Gli slogan contro il governo giallo-verde si concentrano sul tradimento pentastellato: qui come altrove, l’iniziale ambientalismo grillino ha ceduto il campo all’utilitarismo. La fabbrica rimane lì, non si discute la sua chiusura ai piani alti della politica. E i morti non si contano più.

L’ultima vittima l’hanno tumulata una settimana fa. Si chiamava Gabriella, aveva 60 anni, lavorava all’Ilva. Ai funerali c’erano 40 suoi colleghi: pugni chiusi e il solito lacerante quesito dettato dall’impotenza: “Morire di fame o di tumore”? Il sabato tarantino è carico d’indignazione almeno quanto il “Friday for future” di Greta Thunberg. Ma il futuro è già qui, sordo e assassino. Se confrontati con questa città brutalizzata dall’Ilva, gli scenari da film come “Blade Runner” sembrano cartoni animati Disney.

Claudio Dionesalvi

foto Wilma Carlini

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità