• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Sex toys: non solo per le giovani

Sex toys: non solo per le giovani

Con il passare degli anni diventa sempre più complicato avere una vita sessuale soddisfacente, ma il fatto che sia più difficile non significa che sia impossibile, bisogna solo avere degli accorgimenti in più e imparare ad ascoltare meglio il proprio corpo.

La sessualità dopo i 60 anni può rappresentare un problema per entrambi i sessi, in particolare per le donne, a causa di una serie di cambiamenti fisiologici. Per la donna l’inizio di una nuova fase della vita è segnato dalla menopausa, in quanto porta alla cessata produzione di ormoni sessuali con le relative conseguenze: perdita di depositi adiposi e dell’elasticità del tessuto nelle grandi labbra, riduzione della reazione vasocongestizia in quelle piccole, minore attività secretoria e assottigliamento e atrofizzazione delle pareti vaginali. Gli ultimi due fenomeni, nel dettaglio, possono causare dispareunia e disuria acquisite: dopo la menopausa, infatti, le pareti vaginali non sono più nella condizione di poter proteggere sufficientemente le strutture sottostanti, per cui molte donne dopo i rapporti sessuali soffrono di irritazione meccanica dell’uretra e della vescica urinaria per gli sfregamenti del pene e l’irritazione diventa frequentissima se la lubrificazione vaginale è inadeguata.

È proprio per le donne che hanno queste difficoltà che in Italia è stato brevettato dal dott. Paolo Mezzana, chirurgo estetico e specialista di ringiovanimento vaginale, il primo vibratore anti age. Si chiama Stimfem, ed è stato ideato a tutti gli effetti come un presidio medico, progettato per aiutare le donne a riattivare i tessuti vaginali.

Per la sperimentazione è stato molto utile il contributo di 5 donne, che lo hanno provato insieme ad un gel a base di centella asiatica e acido ialuronico. A quanto riferisce l’ideatore di questo sofisticato strumento, i benefici che ne derivano sono dovuti ad una particolare frequenza che stimola la replicazione cellulare e la vascolarizzazione e al tempo stesso produce piacere (che si è scoperto essere di notevole giovamento per il benessere fisico e mentale della donna di tutte le età). Inoltre la stimolazione del rinnovamento dei tessuti è aiutata da una luce a bassa intensità di colore rosso e dal tipo di corrente utilizzata, che è in grado di aumentare la permeabilità dei tessuti al gel anti-age a base di acido ialuronico e centella asiatica.

Una terapia simile (perché si tratta di vere e proprie sedute gestite dallo specialista) potrebbe essere accompagnata da esercizi ad hoc per rinforzare il pavimento pelvico con o senza le kegel balls, per una ginnastica anti-aging vaginale.

Ora proviamo anche solo per un momento ad immaginare una società priva di stereotipi e pregiudizi: osserviamo una donna over60 che entra con nonchalance in un sexy shop; quali articoli potrebbe mettere nel suo carrello? Sicuramente le kegel balls (anche dette Ben Wa Balls o palline cinesi), uno dei sex toys più importanti sia per il benessere sessuale che per la salute fisica. Ne esistono di vari tipi, di diverso colore, dimensione e forma, ideali per soddisfare le esigenze di una clientela eterogenea.

Un altro articolo che potrebbe interessarle, abbinato o no al precedente, potrebbe essere un gel lubrificante: come sappiamo con l’avanzare dell’età diminuisce la lubrificazione e un aiutino non può che far bene, specialmente per diminuire il fastidio o il dolore da penetrazione dovuto ad una grave secchezza vaginale. O ancora potrebbe uscire dal negozio con un olio profumato per massaggi nella borsetta, con l’idea di creare un’atmosfera ancora più eccitante; perché sì, l’eccitazione non è solo una cosa da adolescenti!

Ben vengano allora le persone che la pensano come Nonna Williams, una blogger che descrive la vita dopo gli 80 anni e che spinge le sue coetanee a rivedere gli stereotipi culturali sulle persone anziane e a ricordare che il piacere che può dare una sana sessualità è una cosa a cui non si deve rinunciare solo per un numero sulla carta d’identità. Secondo Nonna Williams uno dei lati positivi di una sessualità nella terza età è il tempo: non c’è fretta di arrivare subito al punto e si può apprezzare meglio anche la sensualità di una carezza.
Negli ultimi anni ci troviamo di fronte all’aumento dell’aspettativa di vita e facciamo di tutto per migliorarne la qualità.

Sappiamo che vivere una sana sessualità è un ingrediente fondamentare per il benessere fisico e mentale, ma allora perché nel ventunesimo secolo trascuriamo ancora questo aspetto? Perché parlare di sesso dopo i 60 anni è ancora un tabù?

 

Tirocinante: Chiara Calcagni
Tutor: Fabiana Salucci

 

Bibliografia:
Consolo I. (2017) “Il piacere femminile” Giunti Editore
Masters WH, Johnson VE (1967) “L’atto sessuale nell’uomo e nella donna” Feltrinelli

Sitografia:

https://www.tpi.it/salute/vibratore...

Foto:Pixabay

 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità