• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Media > Report: caso Arata, Tav e taser

Report: caso Arata, Tav e taser

In questa domenica sera, Report ci offre servizi sui soldi della Lega, i recenti sviluppi sull'inchiesta su Arata, un aggiornamento sul TAV, l'affare dei Canadair e la pistola elettrica in uso alle nostre forze dell'ordine.

 
Le nostre forze dell'ordine hanno fatto una sperimentazione del Taser dopo il decreto sicurezza, ma dobbiamo fidarci di quello che ci dicono e di quello che dice la Axxon, l'azienda produttrice.
Così Antonella Cignalare è andata a vedere come viene sperimentata in Olanda: il confine tra arma e tortura è labile.
Quest'arma può essere usata anche dalla polizia locale: a Verona il sindaco è favorevole mentre a Milano hanno chiesto maggiori dettagli sull'uso.
 
In Olanda hanno sperimentato l'arma per un anno: il taser è stato utile in un caso come dissuasione, ha raccontato il funzionario che ha condotto l'analisi.
Si deve stare attenti alla distanza da cui si spara e alla zona che viene colpita: non va colpito il cuore e nemmeno le zone genitali.
Non sappiamo oggi quanto sia letale il taser, servirebbe studiare la correlazione tra diversi fattori, come lo stress e l'uso di sostanze stupefacenti, con la pistola elettrica.
 
In America, dove si usa un'altra arma elettrica, sono registrati diversi casi di morte, sebbene sia stata registrata come arma non letale.
Amnesty International ha bocciato la sperimentazione fatta in Olanda, per tutti gli eccessi registrati: casi un cui l'arma è stata usata su gente ammanettata, casi in cui è stata usata più volte.
 
In Italia il taser è stata usata direttamente sul corpo una volta a Reggio Emilia: in questi casi il confine con la tortura è labile.
I sindacati di polizia italiani stanno ora chiedendo maggiori tutele nei confronti delle possibili richieste di risarcimento danni che arriveranno.
Chiedono maggiori prescrizioni da parte del Viminale, da parte del ministero della Salute: nessuno degli esperti che hanno compilato le prime prescrizioni ha accettato l'intervista da parte di Report, senza il si del ministero di Salvini i funzionari del ministero della salute non parlano.
Salvini comanda sempre.
L'ufficio stampa del Viminale non risponde se non risponde senza l'ok del ministero della salute.
 
Il ministro Grillo parla, dopo molte insistenze, di un documento finale che però dovrebbe arrivare prima dell'inizio dell'estate quando Salvini assicura che il taser entrerà in funzione.
 
Il caso Arata – Il socio occulto
 
Si riparte dall'inchiesta precedente di Report sulla rete dei commercialisti della Lega, dalle società tirate su tra amici e parenti, per scambiarsi i soldi usciti dalle casse della Lega (tra cui la cognata del commercialista Di Rubba).
 
Report aveva chiesto conto dei 49ml della Lega e il tesoriere Centemero ha querelato i giornalisti: la procura di Genova ha acquisito il filmato della trasmissione, però, dove si parla proprio della vicenda della Vadolive.
Tutto legale, perché la legge lo consente: ma devono essere soldi spesi per attività istituzionali, ma poi i soldi sono entrati dentro la disponibilità del ministro dell'Interno, e la propaganda non rientra tra i fini consentiti da questi fondi.
 
In questi giorni è stato arrestato Paolo Arata con l'accusa di corruzione intestazione fittizia di beni, avrebbe un socio occulto nell'imprenditore Nicastri, ritenuto prestanome di Matteo Messina Denaro.
I pm hanno chiesto per Nicastri 12 anni di carcere: nelle carte del processo si parla di un vigneto, appartenuto ai fratelli Salvo, comprato con un sovrapprezzo da una società riconducibile ad una famiglia mafiosa.
I soldi in sovrappiù sono finiti per la latitanza di Matteo Messina Denaro: Claudia di Pasquale è andata ad Alcamo, dove abitano i Nicastri ed ha intervistato la moglie.
 
Gli Arata erano amici di famiglia, risponde la moglie: il figlio di Nicastri era un dipendente di Arata.
Peccato che una delle società di Arata sia poi in una struttura intestata a Nicastri: le società di Arata hanno realizzato impianti di eolico nel territorio trapanese.
Secondo l'accusa dietro queste opere c'erano delle mazzette, pagate ad un funzionario comunale.
 
Arata ha scritto il programma della Lega in ambito energetico: nel convegno della Lega sponsorizzava il biometano, ma una sua società lavora proprio in questo settore.
Ma in realtà l'impianto realizzato da Arata era un inceneritore mascherato, senza nemmeno aver presentato la VIA.
 
Alla fine la candidatura di Arata senior all'authority è saltata, mentre il figlio lavora con Giorgetti: è stato Federico ad aver presentato Bannon a Salvini, è lui che accompagna Bannon al Viminale, come se fosse un dirigente del partito.
 
Vogliamo combattere la mafia, ma poi non si sta attenti alle persone che si fanno entrare nei partiti, come Arata: bastava controllare le visure camerali delle società dell'imprenditore.
Arata ha portato la sua influenza nei confronti della Lega e col senatore Siri, alle aziende di Nicastri: questo scrive il GIP di Palermo.
Sono le norme che la Lega voleva spingere per farle entrare in un emendamento, che avrebbero favorito Arata, norme poi respinte dal M5S.
 
Il presidente della commissione antimafia Morra ha convocato Salvini in una delle prossime audizioni: il Viminale non ha ancora risposto.
Morra vorrebbe approfondire la prossimità della Lega e del sottosegretario Giorgetti con un personaggio ritenuti vicino a Matteo Messina Denaro.
 
“Forse Matteo Salvini potrebbe ammettere di essere stato superficiale nelle sue frequentazioni..”
 
Morra ha commentato altre candidature inopportune della Lega al sud, come quella di Forgiuele.
Siamo certi che il vicepremier Salvini vorrà scacciare questi dubbi.
 
Le politiche antincendio – Chi gioca col fuoco?
 
Una multinazionale londinese, la Babcock, gestisce la manutenzione in monopolio dei nostri canadair: da documenti venuti in possesso di Report si scopre che questa manutenzione sia carente.
L'appalto vale 320ml, ed è esternalizzato perché non possiamo gestire internamente il servizio tramite i Vigili del Fuoco: mancano piloti e l'addestramento è in mano ai militari.
 
Tra Babcock e il ministero dell'interno è avvenuto un carteggio da cui emerge come il nostro servizio antincendio sia a rischio: il dirigente del servizio Rogolino assicura la giornalista.
 
Ma nelle carte il dirigente manifesta tutta la sua preoccupazione: poca manutenzione, pochi tecnici ai controlli. Stesse preoccupazione espressa da un tecnico di Babcock stessa, in forma anonima.
“Cosa dite ai piloti?”
“Di non accettare nulla” - ovvero se ci sarà un incendio c'è il rischio che nessun aereo si alzi in volo, tutto questo per aumentare i margini di guadagno.
C'è poi la storia di alcune radio (da installare sui canadair) comprate ad un prezzo maggiorato, vicenda di cui il ministero si sarebbe accorto.
 
C'è poi il capitolo degli elisoccorsi, in mano alle regioni: in questo terreno sono i privati che fanno affari con appalti con le regioni.
Babcock è finita nel mirino del procuratore di Catanzaro, Gratteri, per una storia di corruzione nei confronti di funzionari della regione Calabria, per un bando da fare su misura per Babcock.
 
Il direttore di Babcock, De Pompeis, non ha voluto commentare queste vicende, sugli appalti fatti su misura, sulle manutenzioni non fatte.
“Ci sono delle indagini in corso, non posso rispondere ..”
 
Oggi altre procure stanno aprendo fascicoli su questi appalti, come quella di Potenza.
 
I vigili del fuoco non hanno soldi per mezzi e uomini ma poi si spendono 300ml per un appalto dei canadair: la giornalista di Report ha messo la pulce all'orecchio del comandante dei vigili.
 
Potevamo usare, per l'antincendio, degli aerei polacchi, i Dromader: lo aveva scoperto un imprenditore italiano, Gaiero, che pensava di usarli per spegnere i primi focolai.
Ma l'allora ministro Giovanardi bocciò la proposta di Carlo Gaiero: lo Stato italiano aveva deciso di usare aerei più grandi.
 
La stagione privatistica sui canadair è cominciata a metà anni novanta con l'imprenditore Spadaccini: era un imprenditore che aveva buoni rapporti con la politica, come Lavitola (ex direttore de l'Avanti).
Stavo subendo un abuso, si è difeso Spadaccini, che aveva pagato l'Avanti per ringraziarlo dei suoi aiuti: quelli per le sue imprese?
Lavitola ha fatto lobbing per Spadaccini?
 
Spadaccini è stato risarcito con 50 milioni per un appalto revocato: dietro la revoca un favore alla Inaer di Bonomi, dietro cui c'è ancora la Babcock.
Alla fine anche Spadaccini ha dei dubbi sulla gara poi vinta da Babcock, per il servizio antincendio.
 
Oggi abbiamo 19 canadair gestiti da privati, dal 1997 fino al 2010 da Spadaccini, poi da Babcock.
Poi ci sono le regioni che affidano ai privati la gestione dell'antincendio, dopo che la riforma Madia aveva smembrato i forestali.
 
E così dal 1997 sono bruciati boschi per una quantità abnorme: sarebbe stato diverso se a pattugliare il territorio gli aerei di Gaiero?
O se nel cielo volassero gli aerei di Canadair (che poi sono aerei russi)?
 
E dopo queste spese per milioni a chi tagliano i fondi? Ai Vigili del Fuoco: quando si fanno male devono pagare il ticket all'ospedale.
Lo ha denunciato Costantino Saporito, che ha denunciato Salvini per aver indossato la sua divisa.
 
Quando muore un vigile del fuoco l'unica cosa che si fa è la colletta: manca una assicurazione obbligatoria, tutele anti-infortunistiche, una sorta di Inail, per tutelarli dai rischi.
 
A Roma c'è un cimitero degli elefanti degli automezzi che non possono essere usati: sono mezzi lasciati alle intemperie, i vigili sono costretti a lavorare in cattive condizioni ma non si possono lamentarsi, almeno in pubblico.
Tanto apprezzati dai politici, ma tanto bistrattati: prendono meno di un autista Atac, i vigili.
Che oggi si devono arrampicare sui balconi per togliere striscioni sgraditi al ministero dell'Interno.
 
Per equiparare i salari dei vigili a quelli dei poliziotti si stima che servano circa 200ml: ce li metterà il governo?
Gli altri servizi riguardavano la plastica, l'inquinamento dei mari e le nuove tecniche di riciclaggio: il 79% della plastica è ancora in discarica e noi dovremmo pretendere dalle randi aziende di togliere di mezzo gli imballaggi di plastica.
 
Il papiro di Artemidoro, comprato a caro prezzo da una fondazione bancaria, su cui da 15 anni tecnici stanno verificandone la sua autenticità.
 
E poi un aggiornamento sul servizio sulla TAVil mancato computo delle accise cambia a seconda della convenienza politica nel fare un'opera.
Per il Terzo Valico non si contano e l'opera si fa, per il TAV si contano e l'opera (forse) non si fa: è Toninelli che cambia il modo di misurare i costi di un'opera.
Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità