• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Società > Quasi italiani: storie di immigrati in Italia

Quasi italiani: storie di immigrati in Italia

Quasi italiani. Storie di immigrati imprenditori, un libro di Romano Benini, pubblicato da Interventi Donzelli. 

 
Tutti e sempre mi hanno aiutato come potevano, dal regalarmi abiti al darmi un gettone del telefono. Sarò sempre grata agli italiani per questo. Voi italiani siete un popolo accogliente, ma spesso le vostre istituzioni non sembrano in grado di poter costruire una società davvero multietnica e di gestire i cambiamenti e le tensioni che possono derivare da questo. (Azeb, dall'Etiopia a Bologna)
 

 L'autonomia nella vita e nel lavoro è tutto, e quando un governo, uno Stato, un territorio ti toglie l'autonomia o non ti crea le condizioni per essere autonomo è come se ti togliesse la libertà e ti facesse schiavo. Per questo ci siamo ribellati al comunismo, che ti dava forse la sicurezza minima, ma ti toglieva tutto il resto. Anche i paesi europei, però, se non sostengono il lavoro, la capacità, la voglia di fare, è come se ti togliessero un po' di libertà. A volte penso che la crisi in Italia di questi anni abbia a che vedere anche con questo. (Daniela, dalla Romania a Rieti)

 
Dovremmo capirlo anche in Italia, non si migliora l'economia se non si interviene sulla società e se non si prova a dare a ogni sogno la possibilità di diventare realtà. (Aldemilda, dal Brasile a Parma)
 
Ognuno di noi cerca la sua America. Si cerca il sogno, e per molti il primo sogno è uscire dalla povertà. È capitato a tutti, nella storia. Anche agli italiani, che in cerca del loro sogno di dignità cercavano l'America. Per molti albanesi della mia generazione l'America si chiamava Italia. Non so se sia ancora così, in questi anni molta Italia ha iniziato a trasferirsi in Albania per fare affari, ma per noi con la caduta del comunismo il sogno aveva un'unica destinazione: l'Italia. (Sandri, dall'Albania a Pistoia)
 
Con i miei risparmi mi sono un giorno presentato in banca per ottenere un prestito e per provare ad avviare la mia officina. E ho scoperto due cose dell'Italia: che per mettersi in proprio non bastano soldi e un progetto d'impresa, ma ci vuole tanta pazienza, ma anche che ci sono organizzazioni che ti aiutano. La lotta contro la burocrazia italiana è stata vinta anche grazie all'aiuto di un'associazione di artigiani, a cui mi ero iscritto e che mi è stata vicina. Anche questo è importante (Daniel, dall'Argentina a Modena)
 
Per saperne di più clicca qui
 
Foto: Gianpiero Addis/Flickr

 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares