• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Europa > Potere al Popolo, Viola Carofalo: “Bene le dichiarazioni contro la Legge (...)

Potere al Popolo, Viola Carofalo: “Bene le dichiarazioni contro la Legge Sicurezza di Salvini, ma servono i fatti”

“In queste ore molti sindaci si stanno pronunciando contro la legge di Salvini, votata a testa bassa anche dai 5 Stelle, dicendo che nelle loro città non sarà applicato, alludendo a forme di disobbedienza civile. 

Avendo contrastato questo provvedimento per mesi, scendendo in piazza fino al 15 dicembre a Roma con migliaia di migranti, non possiamo che essere contenti. Le conseguenze della Legge di Salvini le vivremo sulla nostra pelle, visto che non solo penalizza i nostri amici, fratelli, compagni di lavoro, ma è un regalo alle mafie, prevede pene severe per chi osa protestare etc. Daremo quindi tutto il nostro appoggio a chi vuole far trionfare l’umanità e la solidarietà contro le leggi ingiuste.
 
Allo stesso tempo non vogliamo però che queste dichiarazioni siano pura propaganda politica. Alle dichiarazioni bisogna far seguire i fatti. La legge di Salvini può già da subito essere contrastata. Ecco pochi, semplici, provvedimenti che possono essere presi immediatamente: vogliamo che i comuni riprendano ad assegnare le residenze anagrafiche ai richiedenti asilo; vogliamo che i sindaci mettano subito a disposizione il patrimonio immobiliare dei comuni, per istituire dormitori pubblici e fronteggiare l’emergenza sociale del decreto; vogliamo una politica di accoglienza capillare e non gestita dai privati.
In questi anni ci siamo battuti contro la povertà e l’emarginazione in tutte le città d’Italia.
 
Anzi, in diverse città, da mesi, ben prima dell’entrata in vigore del DL Salvini, stiamo lottando per il ripristino del diritto alla residenza, che ad oggi risulta essere sospeso per la maggior parte dei senza fissa dimora, italiani o stranieri che siano, con conseguente esclusione dalla possibilità di ottenere diritti minimi e fondamentali come quello alla salute, attraverso l’impossibilità di accedere alle cure mediche di base, e come quello al welfare attraverso l’impossibilità di effettuare domanda per il REI.
 
I sindaci vengano a parlare con chi, sui territori, ha portato avanti pratiche di integrazione e di solidarietà: scopriranno una lista di proposte concrete, fattibili a costo zero, che da subito possono cambiare la vita di migliaia di persone”.
Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità