• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Licenziata per aver fatto il proprio dovere

Licenziata per aver fatto il proprio dovere

Questa è la lettera di Rosa Grazia Arcifa bisogna leggerla per comprendere il senso di solitudine di chi cerca di cambiare per migliorarli i servizi di questo stato che non sa distinguere il merito dalla furbizia e dalla disonestà.
 
Egregio direttore, stavolta è con gioia che scrivo perché finalmente un nodo (Varese) è venuto al pettine, e le assicuro che questo non è un caso isolato. E’ stato umiliante scrivere lettere pensate dopo lunghe notti insonni a politici, istituzioni, giornali perché si interessassero alla mia vicenda. Ma comprensione e commenti dispiaciuti vanno fatti solo per i ladri e i delinquenti. Ormai mi sono resa conto che in Italia si rende noto ciò che conviene.

Il sistema che ci circonda tenta di eliminare solo chi ha servito lo Stato, come me, con “onore e disciplina”, sbriciolando lentamente la sua dignità, le sue certezze, la sua famiglia, insomma tutta la sua vita.


Dopo aver svolto con amore e passione il mio lavoro, spesso imposto con violenza, un lavoro per il quale ho studiato, ho fatto degli esami, ho vinto dei concorsi, un lavoro per il quale ho speso per circa trentanni mille energie, cercando di non assentarmi mai, senza mai guardare lo stipendio, perché se vuoi arricchirti di certo non fai l’impiegato statale, a meno che non fai come alcuni colleghi, mazzette in cambio di verifiche e accertamenti falsificati oppure incentivi e promozioni in cambio di palpatine dai capi, mi sono ritrovata da ottobre privata dello stipendio e poi due giorni fa mi è stato notificato il licenziamento senza preavviso, alla stregua di chi ha commesso un grave e reiterato reato come quello perpetrato dai due funzionari di Varese .

Alla luce di quello che propina l’Agenzia con i suoi comunicati:” l’Amministrazione Finanziaria assicura che nei confronti dei funzionari infedeli saranno assunti, con la massima severità, tutti i provvedimenti contemplati dalla disciplina contrattuale che, in casi come questo, prevede il licenziamento del dipendente colto in flagranza di reato nel caso di convalida dell’arresto”. Quasi quasi mi commuovo, vigilare sulla correttezza ed onestà dei propri dipendenti è un tema di interesse cruciale per l’Agenzia!


Ma si è mai chiesto chi è, o meglio chi sono questi paladini onesti (?) e corretti (?) che vigilano nell’interesse dell’Agenzia delle Entrate della Lombardia? A Varese e a Milano ci sono stati degli arresti semplicemente perché le denunce sono partite da imprenditori e da commercialisti. Le denunce, invece, che partono dall’interno della stessa Agenzia, non solo non vengono verificate ma diventano motivo di ritorsioni seguite da licenziamento senza preavviso, come nel mio caso.


Chi sa tace impaurito perché ha paura di perdere il lavoro e visto quello che mi è successo come si può dargli torto?

“Tacere ed obbedire”.

Rosa Grazia Arcifa
Funzionario tributario di Pavia, licenziata per aver servito lo Stato con onore e disciplina.

Altre parole non servono, serve l’aiuto di tutti quelli che hanno potere di informare e divulgare queste buone pratiche per evitare che vi cada il silenzio e l’oblio

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox

Autore

bastiano

bastiano

insegnante di storia dell'arte, imprenditore dei beni culturali, libero pensatore disorientato a sinistra

Sito: facebook


Profilo personale

Scrivi su AgoraVox !


Ultimi articoli dell’autore

Tutti gli articoli dell’autore

Articoli correlati

Politica
Tutti gli articoli di questa rubrica



Palmares


Articoli più letti

  1. Anteprima inchieste di Report: la sicurezza sul lavoro, l’holding di Aci, l’acqua delle terme e l’acqua sprecata in Sicilia
  2. Report: la sicurezza sul lavoro, l’acqua delle terme e l’acqua sprecata in Sicilia
  3. Amiamoci ? No, Armiamoci
  4. Le Ong uniche testimoni della sanguinosa catastrofe nel Mediterraneo centrale
  5. Libia: eredità dell’egoismo dell’Occidente
  6. La Natura è meglio di noi. La nascita di molta tecnologia
  7. Case verdi e mutui in rosso
  8. Dangiuz e le luci della ribalta: gli NFT, l’arte digitale e le criptovalute
  9. Argentina: che cosa succede?
  10. Vantaggi di un’auto elettrica rispetto a benzina e diesel: il futuro della mobilità sostenibile