• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Il Governo toglie le tariffe agevolate per la spedizione di libri e (...)

Il Governo toglie le tariffe agevolate per la spedizione di libri e giornali


Strano che il ministro Bondi non abbia manifestato la sua opposizione a simile decreto. Lui che si presenta come paladino della diffusione della cultura e della conoscenza.

di seguito il comunicato dell’USPI

Il Governo toglie le tariffe agevolate per la spedizione di libri e giornali
In una lettera ai Sottosegretari Gianni Letta e Paolo Bonaiuti, il Segretario Generale dell’USPI, Francesco Saverio Vetere, esprime tutto il disappunto dell’USPI per il decreto del Ministro dello Sviluppo Economico del 30 marzo 2010 che sospende le agevolazioni postali per l’editoria.

“Il decreto con cui il Ministero dello Sviluppo Economico dispone la sospensione fino al 31 dicembre 2010 delle agevolazioni postali per l’editoria rappresenta un fatto di inaudita gravità e potenzialmente idoneo a decimare concretamente un settore già in grave crisi come quello dell’editoria medio – piccola.

Le agevolazioni postali sono previste da decenni da leggi che ne fissano i criteri di applicazione e demandano ai decreti ministeriali esclusivamente la misura delle tariffe e delle conseguenti agevolazioni. I decreti, quindi non hanno altra funzione che quella di eseguire concretamente la volontà del Parlamento.

Disporre con decreto la sospensione delle agevolazioni significa ottenere un risultato che solo la volontà espressa dal Parlamento avrebbe potuto ottenere: la fine di questa forma di sostegno all’editoria.

A nulla vale la considerazione secondo la quale la sospensione delle agevolazioni sarebbe dovuta al venir meno del Fondo presso gli appositi capitoli dal bilancio della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

A partire dalla Legge 46 del 2004 è stato previsto, e sempre ribadito, che il rimborso a Poste Italiane per le agevolazioni postali viene effettuato nei limiti dello stanziamento previsto nei capitoli.

Infatti, la norma fondamentale dell’art. 3, 1° comma della Legge 46/2004 prevede che:

“Il Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri provvede al rimborso in favore della Società Poste Italiane SpA della somma corrispondente all’ammontare delle riduzioni complessivamente applicate, nei limiti dei fondi stanziati sugli appositi capitoli del bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei Ministri”.

La norma, quindi, prevede che siano i rimborsi a Poste Italiane a dipendere dall’ammontare dello stanziamento, non le tariffe agevolate.

Questo vuol dire che, venendo meno i fondi, mai dovranno cessare le agevolazioni postali, anche perché il pretesto del venir meno dei fondi determinerebbe la possibilità per qualunque Governo di abrogare di fatto le agevolazioni postali aggirando la volontà del Parlamento (cosa che, per l’appunto, si sta verificando in questo caso)”.

L’USPI si augura che in tempi brevissimi venga abrogato questo decreto e si torni alle agevolazioni postali. Non è possibile che gli editori che hanno già venduto gli abbonamenti annuali da mesi si trovino da un giorno all’altro, e senza preavviso, nella condizione di dover fronteggiare un aumento del 120% delle tariffe.

Al di la di tutte le considerazioni si tratta indubbiamente di un episodio imbarazzante.

Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito in alto a destra di questa pagina

Se non sei registrato puoi farlo qui


Sostieni la Fondazione AgoraVox

Autore

bastiano

bastiano

insegnante di storia dell'arte, imprenditore dei beni culturali, libero pensatore disorientato a sinistra

Sito: facebook


Profilo personale

Scrivi su AgoraVox !


Ultimi articoli dell’autore

Tutti gli articoli dell’autore

Articoli correlati

Politica
Tutti gli articoli di questa rubrica



Palmares


Articoli più letti

  1. Anteprima inchieste di Report: la sicurezza sul lavoro, l’holding di Aci, l’acqua delle terme e l’acqua sprecata in Sicilia
  2. Report: la sicurezza sul lavoro, l’acqua delle terme e l’acqua sprecata in Sicilia
  3. Amiamoci ? No, Armiamoci
  4. Le Ong uniche testimoni della sanguinosa catastrofe nel Mediterraneo centrale
  5. Libia: eredità dell’egoismo dell’Occidente
  6. La Natura è meglio di noi. La nascita di molta tecnologia
  7. Case verdi e mutui in rosso
  8. Dangiuz e le luci della ribalta: gli NFT, l’arte digitale e le criptovalute
  9. Argentina: che cosa succede?
  10. Vantaggi di un’auto elettrica rispetto a benzina e diesel: il futuro della mobilità sostenibile