• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Media > Facebook lancia il tasto empatia, non il dislike

Facebook lancia il tasto empatia, non il dislike

E’ bastata la sola parola “dislike” contenuta in un domanda fatta a Mark Zuckerberg nel “Q&A with Mark” per scatenare tutti con il lancio del tasto “non mi piace”. Ma le cose non stanno così. Zuckerber nel rispondere alla domanda di un utente ha dichiarato che si sta lavorando su un tasto “empatia”, per dare più alternative al classico “like”.

Che tutti fossero lì pronti a parlare di tasto “non mi piace“, “dislike“, è cosa arcinota. Di un possibile tasto per esprimere un parere negativo al classico tasto “like” se ne parla ormai da anni, anche se in effetti Facebook non avrebbe alcun interesse a lanciare una simile iniziativa.

E durante il “Q&A with Mark“, un momento, che sta diventando ormai una tradizione a Menlo Park (la sede di Facebook), di domande e risposta con il CEO e fondatore del socialnetwork più usato al mondo, un utente ha formulato una domanda in cui chiedeva a Zuckerberg se Facebook stesse studiando un tasto alternativo al “like”, quindi una sorta di “dislike”. E’ bastato solo la citazione della parola #dislike per scatenare un fiume di news che davano per imminente l’arrivo sulla piattaforma l’arrivo del “tanto atteso” tasto “non mi piace.

Ma ovviamente niente di tutto questo è vero perché Zuckerberg non ha detto che Facebook è pronto a lanciare il tasto “dislike”. Tutt’altro! Ha dichiarato che è allo studio un “tasto empatia”, una formula che possa offrire agli utenti diverse possibilità di interagire con un contenuto postato da un amico. E nella risposta lo stesso Zuckerberg conferma che sono ormai centinaia gli utenti che hanno chiesto il tasto “dislike”.

L’intento è dunque quello di offrire agli utenti la possibilità di esprimere empatia e il CEO di Facebook ha fatto l’esempio di contenuti che fanno riferimento alla tragedia dei rifugiati oppure ad un contenuto in cui un utente annuncia la morte di un proprio caro. Ecco, in queste situazione “gli utenti di trovano a disagio e vorrebbero esprimersi per fa capire che comprendono quel contenuto”. Allo stesso modo, si posso citare anche contenuti più allegri dove sempre lo stesso “mi piace” può risultare riduttivo.

Ecco perché credo che sia importanti dare agli utenti più opzioni rispetto ad un solo “like”

Zuckerberg ha poi dichiarato che su questo stanno lavorando da molto e che presto potrebbe essere lanciato. Ecco, in effetti c’è una bella differenza tra quello che ha dichiarato Zuckerberg e quello che tanti hanno compreso.

Il “tasto empatia”, se vogliamo continuare a chiamarlo così (visto che lo stesso Zuckerberg non ha fatto nome), è una modalità che in effetti si rende necessaria per come ormai si è evoluto Facebook.

Siete d’accordo? Che ne pensate?

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità