• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Media > Censurare i talk-show: un boomerang per la destra?

Censurare i talk-show: un boomerang per la destra?

Censurare i talk-show: un boomerang per la destra?

E’ vero, i talk-show cosiddetti aboliti dal cda RAI, come Porta a Porta, Ballarò, Annozero, hanno mille difetti (sempre meglio comunque del vecchio e costoso spot elettorale ucciso dalla legge sulla par condicio del 2000, che Berlusconi vorrebbe resuscitare col pretesto dei talk-show “pollai” che ormai disdegna, perché è tra i pochi che se lo può permettere).
 
Per cominciare, il conduttore, figura fondamentale del programma, appare come un semplice “cerimoniere di liturgie concordate e condotte dagli uomini politici” (Mazzoleni), con una compagnia di giro praticamente fissa che si alterna alla ribalta (trampolino ideale per parvenu come la Polverini) portandosi dietro la rispettiva claque, come richiesto esplicitamente dagli stessi conduttori (l’ha rivelato scandalizzato Furio Colombo, sottolineando che negli States se l’ospite di un programma televisivo si presentasse con un codazzo di fan lo metterebbero subito alla porta). Ed è veramente un fastidioso, deprimente spettacolo vedere questa gente alle spalle dell’oratore di turno che, dopo aver controllato di essere inquadrata nello schermo, annuisce con convinzione alle parole del suo mentore, batte le mani freneticamente a sottolineare i passi salienti del suo intervento, e talvolta si agita ed infervora ancor più di questi, quasi a rappresentare in modo plastico la natura servile di questo popolo.
 
Politici e giornalisti poi appaiono un tutto indistinto, dove spesso sono i primi ad apparire più faziosi, indisciplinati e di lingua sciolta (per usare un eufemismo) dei secondi (la solita dipendenza strutturale e culturale dei giornalisti italiani dalle logiche partitiche o di governo che produce questo strano ircocervo del giornalista-politico - esemplare sconosciuto al giornalismo anglosassone - che fregandosene dei suoi doveri professionali verso il lettore o lo spettatore assume le fattezze del politico di professione, al punto che oggi come oggi si arriva a dire che è il direttore del Giornale Vittorio Feltri “a dettare la linea del PDL”: da giornalista (se mai lo è stato) a segretario in pectore del suo partito di riferimento.
 
Comunque, nonostante tutto, questi talk-show, cui si attribuisce quell’effetto di spettacolarizzazione spinta della politica e dei politici che è stata definita “politica-pop”, sono, per chi non legge i giornali, l’unica fonte di informazione politica, una fonte oltretutto meno paludata, dunque in qualche misura più veritiera perchè meno riducibile alle veline ed ai pastoni dei telegiornali” (nei quali più facilmente può passare una perla come quella del TG1 di Minzolini sul “Mills assolto”). 
 
Il centro destra (coi radicali in veste di utili idioti) che nell’immediato si giova di questo azzeramento dei talk-show in quanto ora l’unica informazione politica viene dai telegiornali dove Berlusconi occupa un terzo del tempo, alla lunga finirà per danneggiarsi, se continua con questa politica censoria, giacché incoraggerà l’astensionismo (che danneggia in primis la destra), in quanto questi programmi, specie quelli che nei quali si mescolano contenuti politici scottanti e l’intrattenimento spettacolare (esempio tipico Ballarò con la copertina di Crozza), sono in grado di riconciliare tanti spettatori/cittadini altrimenti distanti e disinteressati con la politica ed i politici medesimi. 

Commenti all'articolo

  • Di Factotum (---.---.---.70) 25 marzo 2010 12:20
    Factotum

    Errata corrige : frase corretta : "I talk show cosiddetti politici aboliti dal cda RAI....".
     frase corretta : "Giornalisti e politici appaiono un tutto indistinto..."

  • Di pv21 (---.---.---.236) 25 marzo 2010 19:33

    Perfino l’Agcom ha dovuto prendere atto che la "par condicio" del cavaliere è una strategia a due tempi. Prima si urla contro i programmi d’informazione per ottenere l’oscuramento. Poi si monopolizza i TG nazionali (RAI e Mediaset) con i "monologhi" del cavaliere e dei suoi accoliti. TG1 e TG5 si sono beccati una multa di 100.000 euro per lo "squilibrio tra PDL e PD". Intanto la spesa per alimenti è scesa in un anno di oltre il 3%. Intanto una TAGLIOLA TRIBUTARIA corrode il potere d’acquisto di dipendenti e pensionati. Con buona pace dei dibattiti in TV .... (di più => http://forum.wineuropa.it

  • Di deep (---.---.---.211) 25 marzo 2010 21:50

    E noi siamo qui a guardare un piazza che protesta contro le intercettazioni, perché la privacy in un momento di crisi economica e politica come questo, è in cima ai pensieri di tutti gli italiani.
    Ma veramente a qualcuno frega qualcosa di essere intercettato? La privacy? dopo che all’aeroporto di Heathrow in U.K. hanno messo gli scanner? dopo che su facebook la gente mette tutto di se? dopo che ai TG fanno vedere ogni cosa? ma davvero sono così importanti per il popolo italiano? Berlusconi sta cercando di risolvere i SUOI problemi, non quelli dell anazione dovremmo comprenderlo tutti.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares