• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Religione > Burka Woman: satira dal Pakistan con Saad Haroon

Burka Woman: satira dal Pakistan con Saad Haroon

Un giovane comico pakistano, dopo aver dedicato una canzone satirica a una misteriosa donna dal burqa sullo note di Pretty Woman, si lancia in uno show televisivo umoristico. 
 


Il comico pakistano Saad Haroon ha postato, il nove dicembre scorso, un video su YouTube in cui, sulle note della famosa Pretty Woman di Roy Orbison, dedica il suo amore a una misteriosa Burka Woman. La canzone racconta l'amore platonico del giovane per questo "sexy ninja": Saad, con grande umorismo descrive le sue pene d'amore nel "flirtare con questo living-room curtain". O ancora: "Burka woman, il mio amore per te cresce ogni volta che vedo le tue dita". Il video ha fatto, ad oggi, oltre 160mila spettatori: alcuni lo accusano di dare dall'Occidente dei motivi per attaccare l'Islam, altri lo minacciano di morte, mentre alcuni si felicitano perché si può ridere anche di temi come questo. 
 
"Non so se sono coraggioso. Sono un comico e il mio lavoro è fare ridere", ha detto Haroon al Telegraph. Il giovane ha anche aggiunto di essere stato contattato da donne che lo ringraziano della canzone. 
Il giovane, 33 anni, oggi prova, secondo il Guardian, a creare uno show per la televisione: racconta di aver cominciato affittando una cantina e contattando tutti quelli che conosceva. La cosa ha funzionato e ora Haroon ha lasciato il suo lavoro "diurno" nella fabbrica di tessile del padre per iniziare a scrivere spettacoli. 
 

 
Sullo stesso argomento leggi anche: 
Burqa e minishort: la provocazione di Niqabitch in Francia
Danimarca: Topless per integrare gli immigrati
La Francia vieta il burqa: «È contrario ai principi repubblicani»

Divieto del burqa in Spagna: una questione di elezioni
Burqa: anche la Spagna verso la laicità di Stato
Belgio: e poi dicono "un Paese in crisi"
Fátima Mohamed Kaddur: «Il Partito popolare spagnolo mi ha usata come simbolo di integrazione»
 

 
"In un Paese dove la maggior parte degli scrittori o muoiono di fame o scrivono drammi in Urdu è un grande rischio. E non solo per la sua carriera", dice The Guardian. Quello che il Guardian non spiega è come sarà possibile vista l'attuale legislazione in vigore in Pakistan. 

Ricordiamo che in Pakistan è in vigore dagli anni Ottanta una controversa legge sulla blasfemia promulgata dal generale Zia ul-Haq nel quadro dell'islamizzazione della società: la legge arrivava a condannare a morte coloro che offendevano l'Islam o il Profeta. Se nessuno è mai stato condannato alla pena capitale per questo motivo - la Corte Federale per la Sharia ha dichiarato questa pena non-conforme - molti sono stati incarcerati o multati. Ciononostante molti sono gli episodi di gente aggredita o uccisa a causa di questa legge. 

Francesca Barca
Europa451


Il sito di Saad Haroon
Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità