• mercoledì 23 aprile 2014
  • Agoravox France Agoravox Italia Agoravox TV Naturavox
  • Fai di AgoraVox la tua homepage
  • Contatti
AgoraVox Italia

Altro che Trilaterale e Bilderberg. I legami di Monti con la grande industria

0 voto
di Geri Steve (---.---.---.25) 2 aprile 2012 10:17

 Intendo essere molto critico nei riguardi dell’autore, Antonio Moscato, quindi, prima di criticarlo devo ringraziarlo –e molto- per aver sollevato il problema in quest’articolo che mi era sfuggito.

Intendo dire che, secondo me, l’autore ha fortemente sbagliato su alcune questioni “collaterali” ma in buona sostanza ha centrato il bersaglio, il problema, il grande inganno. Il titolo, come lo leggo (e non so se è redazionale o dell’autore) dice:

Altro che Trilaterale e Bilderberg. I legami di Monti con la grande industria

Io mi dichiaro poco competente su alcuni dettagli, tipo quelli del volantino, ma molto competente su alcuni fatti storici. Voglio dire che i fatti di cui si parla nell’articolo avebbero potuto invece, secondo me, giustificare tutt’altro titolo, come, ad esempio:

Trilaterale e Bilderberg: eccoli i legami di Monti con la grande industria!

Parliamoci chiaro: la storia ci dimostra che sono esistiti fatti, ufficialmente sconosciuti (occulti? occultati?), che hanno certamente e pesantemente influenzato la storia del mondo.

La storia può / potrebbe essere reinterpretata in modo molto più soddisacente ricostruendo le trame del potere che certamente sono state dietro ai fatti storici e reinterpretandole tutte in termini causali, per cui l’attentato di Sarajevo non sarebbe nato da “piccinerie”,  ma avrebbe avuto lo scopo di scatenare la prima guerra mondiale; la rivoluzione russa – bolscevica sarebbe stata pilotata dai servizi segreti zaristi (l’Ochrana) per mantenere loro il potere e contrastare una rivoluzione borghese e socialdemocratica ( quella menscevica); la pressione religiosa sul generale Franco da parte del suo cappellano Escrivà (soltanto poi fondatore del’opus dei) avrebbe avuto lo scopo di saggiare “in piccolo” la fattibilità della seconda guerra mondiale in funzione nazi e anticomunista da parte del mandante Pacelli, mentre gli omicidi di JFK e RFK avevano lo scopo di indirizzare la politica USA in maniera incompatibile con quei due e i loro ideali di democrazia americana; gli attentati stragisti italiani avevano lo scopo di creare “una tensione” favorevole ad un golpe di destra…

Io sono convinto che queste spiegazioni “dietrologiche” siano quelle che hanno la maggior probabilità di essere vere (rinvio ogni discussione –secondo me importantissima- su cosa potrebbe essere “verità storica”), ma contemporaneamente mi rifiuto di accettarle, tutte e in blocco, semplicemente perché “verosimili” o perché “la verità ufficiale è chiaramente falsa”.

Io, da buon e convinto dietrologo, respingo la scorciatoia dietrologica per cui, essendo non credibile la versione ufficiale e molto più credibile un’altra “verità dietrologica”, allora questa sarebbe la verità. Sono prontissimo a sostenere la “maggior plausibiltà” rispetto alla verità ufficiale, ma altrettanto pronto a respingere le teorie per cui , QUINDI, quella sarebbe la verità vera.

Questa lunga premessa per chiarire come e perché io apprezzo tanti “spunti” dell’articolo, perché io auspico che quegli spunti vengano approfonditi da altri, più competenti di me, ma perché contemporaneamente io rifiuti di farmi schiacciare in una logica distorta e truffaldina.

Nell’articolo, se interpreto bene, si fa riferimento ad associazioni tipo Bilderberg, Aspen, Trilateral, P2, come associazioni che potrebbero anche non essere esistite oppure essere cosa molto diversa da quanto presentatoci.

Ebbene no!   Noi non abbiamo esattamente la verità in tesca, ma quelle associazioni sono esistite / esistono tutt’ora, per davvero, non sono state delle bocciofile o circoli culturali.

La P2 di Gelli ha rimpiazzato la P1 che ci aveva regalato le cannonate di Bava Beccaris, l’intervento nella prima guerra mondiale, il fascismo. I contatti di Gelli con i gerarchi nazifascisti sono storicamente dimostrati, in Italia come in Argentina (vedi il libro Tango argentino, di Cereghino e Casarrubea).

La Aspen, il Bieldberg e la Trilateral sono tutte ideazioni di John D. Rockefeller jr, il figlio di quel John D. Rockefeller che, forte di appoggi bancari e massonici, si è costruito quell’impero capitalista monopolista che è stata la Standard Oil, cioè la SO, cioe’ “Ess O”, poi Esso, poi Exxon…

Queste associazioni non sono “cose” della cui esistenza l’autore può dubitare: la loro esistenza è un invece un fatto accertato, da capire e da valutare.

Che cosa sono e a cosa servono? Beh… qui e’ necessario uno sforzo di intelligenza.

Per l’Aspen posso rimandare a questo mio:

http://www.agoravox.it/ecrire/?exec=articles&id_article=25847

e per tutte le altre, la musica e’ simile: all’interno di quelle associazioni si incontrano persone che ufficialmente hanno posizioni fortemente contrapposte, ma che lì si incontrano al di là e malgrado quelle loro contrapposizioni.

In Italia si è ormai imposto un termine, per rappresentare quelle situazioni: le si chiamano : INCIUCI.

Sì, ma resta aperto un problema: il potere di turno, dove li trova quegli aspiranti inciuciatori? Fa una “call” per tutti quei politici che formalmente divergono ma che sarebbero in realtà disposti a convergere?

Oppure, magari, QUEI POLITICI FORMALMENTE DIVERGENTI, ma in realtà DISPOSTI A CONVERGERE, SE LI ALLEVANO???

O se li trovano, già fatti così, e semplicemente se li comprano?

C’e’ una risposta  a queste domande, non l’ho scoperta io , ma e’ efficace.

La risposta sarebbe che quei politici, pronti a sostenere qualsiasi “cosa utile”, verrebbero selezionati e allevati da “politici di maggior livello” con diversi metodi, di cui il più classico è quello delle tangenti e dei favori, metodi che funzionano bene nel privato ma che sono sempre più presenti nel pubblico.

Che la FIAT abbia abbondantemente utilizzato le tangenti per comprarsi ministri, deputati, senatori, funzionari è purtroppo un fatto storico.

Che Mario Monti abbia personalmente e attivamente lavorato alla messa a punto del metodo delle tangenti è da dimostrare, ma è più che lecito sospettarlo, vista la sua provenienza ASPEN-BI-TRI Rockefelleriana e la sua sistematica occupazione di posti di potere nella FIAT e dintorni.  In altre parole: sarebbe proprio da fessi o da complici il non sopettarlo e parlare di mania del complotto.

Geri Steve

Lasciare un commento


(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione : questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell’articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista… Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l’articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere :

  • I nuovi iscritti
  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L’autore dell’aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.

Pubblicità

Pubblicità

  • Groupe Agoravox sur Facebook
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox sur Twitter
  • Agoravox Mobile

AgoraVox utilizza software libero: SPIP, Apache, Debian, PHP, Mysql, FckEditor.


Sito ottimizzato per Firefox.


Avvertenza Legale Carte di moderazione