• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Tempo Libero > Moda e tendenze > WikiModa Vox: Il trench Burberry

WikiModa Vox: Il trench Burberry

Quasi tutte le case di moda attente al commerciale hanno un capo di punta, una versione rivisitata di un classico che in teoria non dovrebbe tramontare mai. I marchi sportivi, ma adattati poi ad un pubblico più vasto, seguono questa regola, di sicuro la marca più riconosciuta al mondo per i suoi trench e il check a righe è Burberry.
 
Il trench classico in gabardine, tessuto che ripara da intemperie e umidità, nasce intorno agli anni ottanta dell’800 grazie a Thomas Burberry ex designer del War Office e dei vecchi cappotti per gli eserciti inglesi. Il nuovo modello con spalline ed anelli in metallo ha subito un grande successo.
 
Per una linea così semplice, che a primo sguardo sembra poco pensata ed elaborata, Burberry si ispirò invece alla più completa e moderna versione militare inserendo il sottogola (che c’è tutt’ora negli originali per evitare che l’acqua entri dal colletto), maniche stringibili, falda triangolare davanti che si sovrappone alla chiusura per una migliore adesione al corpo e cintura con passanti. Rimangono nella versione moderna anche gli anelli a D in metallo (vi siete mai chiesti a cosa diavolo servono? Io sì) che servivano ai membri dell’esercito per appendere alla cintura l’equipaggiamento militare.
 
Solo negli anni novanta lo stilista di Burberry introdurrà un modello interamente in tartan che fino a quel momento aveva caratterizzato la fodera. La linea Prorsum gestita da Christopher Bailey, più glamour e dedicata alle personalità del mondo della moda ha sfornato diversi trench con numerose varianti: la fantasia english rose in grigio, la borchiatura su colletto e orlo, la sfumatura effetto bagnato (qui ci va un po’ di ironia).
 
Ultimamente il trench si è anche accorciato diventando praticamente una giacca a vento, lo sconsiglio perché troppo leggero a meno che non abitiate in un posto dove ci sono venti gradi tutto l’anno, e si è colorato di un bianco latte molto forte, con grandi bottoni in vernice. Il prezzo della versione originale, classica e senza varianti è di circa 900 euro quindi la storicità vi viene a costare un po’, non ho intenzione di consigliarvi le versioni contraffatte, ma invece un trench che ci assomigli, come linea e forma al giorno d’oggi se ne trovano tanti anche a prezzi minori.

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares