• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Cultura > Una storia che sa di sale - Mare di notte

Una storia che sa di sale - Mare di notte

Ho scelto questi ultimi giorni di dicembre per parlarvi di un racconto che avevo scritto tempo fa sul'onda di un ricordo molto personale. Lo avevo inviato al concorso Gente di Mare ed era stato selezionato tra i vincenti, come vi ho raccontato nell'articolo Il mio primo concorso letterario.

Recentemente l'ho revisionato e ho deciso di dargli una veste più "formale", per incontrare anche i lettori di ebook, che sono sempre di più.

Mare di notte

L'ispirazione per il racconto "Mare di notte" risale a un paio di anni fa. Stavo viaggiando con il mio Fun (una barca da regata di 7,4 metri) con pochissimo vento sul Golfo del Quarnaro, per rientrare verso l'Itala dopo le vacanze estive in Croazia. Il mare era piatto come l'olio, quando in lontananza noto qualcosa che galleggia a fior d'acqua. Avvicinandoci lentamente abbiamo notato una scena che mi ha davvero commosso. Non era un oggetto qualunque, ma uno splendido delfino ferito.

Da qui l'ispirazione del breve racconto di cui vi parlo oggi e che è disponibile in formato ebook gratuitamente su Amazon. E' la storia di Lisa, una donna con una vita familiare difficile alle spalle, che sceglie il mare per lenire le ferite della propria anima. Ma quell'orizzonte scuro che a volte diventa il mare di notte non le lascerà scampo e la metterà a duro confronto con la sua realtà. Tutto ciò mentre deve sfidare la sua paura più grande: la notte in mare.

Perché un racconto

Ho cominciato a confrontarmi con questa tecnica di composizione letteraria in prosa circa da un anno, complice questo blog. Ho cominciato a scrivere brevi racconti per rendere immediatamente fruibile un pensiero, una riflessione, un immagine o un azione che mi colpiscono nei momenti più imprevedibili, mentre la vita mi scorre intorno ed io sono occupata a viverla.

Capita che le immagini comincino a prendere corpo e si distendano come ombre su un foglio di carta bianco. Qualcosa si sta formando, anche se non si vede ancora.

E' così che prende vita un mio racconto

Ed è così che ha preso vita Mare di Notte, quando improvvisamente quell'immagine del delfino ferito è riaffiorata dalle celle della memoria e ha liberato la fantasia, creato il personaggio di Lisa e celebrato il mare. Immenso, sconosciuto. Terribilmente vero.

Scaricate l'ebook gratuitamente a questo link. Lo leggerete tutto d'un fiato, ne sono certa. Se avete voglia, recensitelo su Amazon. Un'autrice vive anche del riscontro delle persone che la apprezzano.

Ti va di leggere altri racconti?

Il passeggero attentatofobico

Ode alla montagna

Uno strano scherzo del destino

 

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità