• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Democrazia paritaria, è tempo di agirla anche in Piemonte

Democrazia paritaria, è tempo di agirla anche in Piemonte

Perché una legge per la democrazia paritaria è necessaria, anche in Piemonte.

Chi è a favore e chi contro alla doppia preferenza di genere e perché

Si lo so, avevo detto estate da lumaca e solo cose leggere per questo periodo di fine anno lavorativo prima delle feire.

Ma è colpa mia se i nodi vengono al pettine proprio tutti ora?

La società in cui viviamo è strana, per così dire.

Escono "decreti dignità" che sotto sotto scopri che sono piccoli palliativi per chi il lavoro stabile non ce l'ha ancora, mentre in realtà si pensa di reintrodurre i voucher in agricoltura e turismo.

Il che significa lavoro sottopagato e senza tutele per intere generazioni. Qualcuno davvero fa finta di non sapere che nella maggior parte dei casi con un voucher, quindi una decina di euro, ci pagano intere giornate di lavoro senza contributi, malattia eccetera eccetera? Ma dai...

Ma anche la mia città è strana: una sindaca che francamente non ci accorgiamo di avere, se non per il pasticcio Olimpiadi, che udite udite fa comunicati stampa per inaugurare... Un nuovo asilo? Una scuola, un'area museale, un nuovo ospedale? No, l'attività di riempimento delle buche stradali da parte degli stradini.

Con tanto di televizioni e uffici stampa al lavoro.

Qualcuno le spiega che le priorità sono altre e che qui non siamo per fortuna a Roma, dove le auto vengono ingoiate letteralmente dall'asfalto?

Insomma, la bizzarria è all'ordine del giorno, sarà il caldo.

E poi c'è una questione che sapete bene mi è molto cara: la parità di genere.

In questi giorni si sta discutendo, dopo anni di sottovalutazione, di una nuova legge elettorale che, udite udite, non obblighi la parità di genere, non sarebbe né legittimo probabilmente nemmeno giusto, ma che consenta la doppia preferenza e l'alternanza nelle liste, sul modello delle leggi elettorali comunali di cui avevo già parlato in questo articolo sulla doppia preferenza di genere.

Parità, stavolta non ci scappi

Ci siamo dette così. Donne ma anche uomini sensibili e democratici che hanno deciso di mettere uno stop alle promesse che negli ultimi due anni si sono succedute dalla Regione per aggiornare alle norme nazionali la democrazia paritaria in Piemonte.

Siamo a un anno dalle prossime elezioni e il Piemonte, la mia regione, non si è ancora dotata di una legge elettorale che promuova la democrazia paritaria.

Noi, la Liguria, la Calabria e la Basilicata. Dovevamo farlo già due anni fa, lo prevede la legge 20 del 2016.

Perché una legge per la democrazia paritaria è necessaria, anche in Piemonte?

Perché semplicemente il Consiglio Regionale del Piemonte, che è composto da 50 consiglieri complessivamente, ha soltanto 12 donne in aula!

Altro che parità nei ruoli istituzionali e politici.

Pensate che la sola richiesta di introdurre norme cogenti anche per i partiti in termini di candidature (e dunque di possibilità di essere elette) e nella costruzione delle liste elettorali ha generato un tale terremoto sotto la sala del Consiglio regionale che stanno anccora cercando di raccapezzarsi adesso.

Un po' di geografia politica: il partito di maggioranza relativa, il PD, non sostiene la proposta. Lo fanno alcune sue dirigenti però. E le consigliere e i consiglieri di Leu, insieme a due della Lega Nord, una ex del Movimento 5 Stelle ora gruppo misto.

L'iniziativa è stata presa da Silvana Accossato, che ringrazio per la tenacia.

La sua proposta "Norme per l'elezione del Consiglio regionale e del o della Presidente della Giunta " che potete trovare a questo link,  è oggetto di discussione, tra polemiche e concreti timori da parte di chi pensa che la sola competizione leale, determinata da una percentuale del 50% di donne candidate e dunque eleggibili, sia una minaccia.

Come funzionerebbe la nuova legge

Semplice: la proposta interviene in due ambiti, la composizione delle liste e le modalità di espressione del voto.

  • viene prevista l’alternanza di genere e la pari rappresentanza di candidate e candidati sia per le liste circoscrizionali, che per il listino regionale;
  • viene introdotta la doppia preferenza: nel caso in cui l’elettore o l’elettrice lo voglia, può esprimere due preferenze ma queste devono essere date ad una donna e a un uomo, pena l’annullamento della scheda stessa.

Chi la sostiene

Dopo la proposta, altre consigliere e componenti della Giunta Regionale hanno detto che la sosterranno. Ma bisogna fare di più, perché ci vuole un numero di firme sotto quella Legge tale da obbligare la discussione in aula e, soprattutto, una coscienza civile che si muova a sostegno di questa iniziativa.

Per prima si è mossa la CRPO (Commissione Regionale Pari Opportunità), di cui faccio parte, lanciando, ormai due anni fa, una campagna per conquistare anche in Piemonte la possibilità per le elettrici e gli elettori di indicare una preferenza di genere e cambiare la composizione del prossimo Consiglio Regionale.

Anche i sindacati hano espresso un orientamento a favore, ecco il recentissimo comunicato stampa che ha anche la mia firma insieme ad alcune associazioni importanti tra cui Se non ora quando.

È abbastanza? Assolutamente no. Servono tutte le energie. Ed è per questo che il nostro piccolo movimento non si fermerà, nemmeno d'estate. Vi terrò aggiornate.

E addio lumaca.

D'altra parte ricordate quando vi ho raccontato la splendida esperienza che ho fato lo scorso 25 novembre su invito della Presidente della Camera Laura Boldirni?

Insieme ad altre centinaia di donne sono stata protagonista della prima "occupazione" tutta femminile della storia della Repubblica di Montecitorio, raccontandovi le mie emozioni e riflessioni in questo articolo, a proposito di tetto di cristallo.

Siamo la metà del mondo ma non ci arrendiamo a essere sotto rappresentate.

Porte mai formalmente chiuse alle donne, ma in pratica sfondare il soffitto di cristallo è difficilissimo se una legge non lo consente!

In fondo abbiamo combattuto l'analfabetismo con l'obbligo scolastico, le epidemie con gli strumenti della sanità pubblica universale, val pure la pena di combattere le discriminazioni con una legge!

Le cose importanti accadono perché qualcuno si assume la responsabilità politica di farle accadere.

E io faccio parte di quelle persone che considerano la democrazia paritaria la possibilità di realizzare un diritto la cui implementazione concorre al benessere dell’intera società

Significa parlare di una nuova idea di cittadinanza, che non può essere solo relegata al genere femminile ma a tutti i generi e che deve permeare i ruoli del potere, politici e istituzionali

Non è irrilevante chi prende le decisioni. E se è vero che su queti temi alcuni uomini si muovono mentre non tutte le donne lo fanno, è anche vero che, come dimostrano le firme sotto la proposta di legge, le donne sono capaci di coalizzarsi per un obiettivo, al di là delle appartenenze politiche.

In una società disgregata a me questa caratteristica pare di altissimo valore. E voi, che ne pensate care Volpi?


Per approfondire: studio della Camera dei Deputati del marzo 2017

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità