• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Politica > Sondaggi politici – Tecnè, 7 gennaio: giù Lega e Cinque Stelle, cresce il (...)

Sondaggi politici – Tecnè, 7 gennaio: giù Lega e Cinque Stelle, cresce il PD

Cala l’area di governo, e ad arretrare è soprattutto la Lega. Sul Decreto Sicurezza, invece, la maggioranza degli italiani è d’accordo con Salvini

Arriva la prima rilevazione dell’anno di Tecnè, trasmessa lunedì sera a Quarta Repubblica. L’istituto di ricerche e sondaggi ha pubblicato i dati riguardo le intenzioni di voto degli italiani e l’opinione riguardo la polemica sul Decreto Sicurezza. Iniziamo, adesso, ad illustrare le intenzioni di voto.

In calo (-1%) la Lega, che scende al 31,8%. Frena (-0,4%) anche il Movimento 5 Stelle, ora al 24,9%. Di segno opposto (+0,7%) il risultato del Partito Democratico che arriva al 17,8%. Rimane sostanzialmente stabile (+0,1%) Forza Italia con il 10,9%. Del tutto stabile, invece, Fratelli d’Italia con il 4,2% delle preferenze.

Da evidenziare la crescita degli “altri”: questa settimana il totale dei partiti non rilevati singolarmente tocca il 10,4%.

Sondaggi politici Tecnè: intenzioni di voto al 7 gennaio 2019

Sondaggi politici Tecnè: storico intenzioni di voto

Sondaggi politici Tecnè: maggioranza (Lega+M5S) vs coalizione di centrodestra (Lega + FI + FdI)

Diamo adesso uno sguardo alle coalizioni e al peso della maggioranza. L’area di governo arretra al 56,7% in seguito alla frenata di Lega e Movimento Cinque Stelle, ma rimane comunque su percentuali decisamente elevate. La coalizione di centrodestra, invece, scende al 46,9%.

Sondaggi politici Tecnè: cosa ne pensano gli italiani della polemica sul Decreto Sicurezza?

Infine, il Decreto Sicurezza. La polemica tra il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, e i sindaci è stata ampiamente trattata dai media in queste settimane. Così l’istituto Tecné ha deciso di focalizzarsi anche su questa tematica. I risultati parlano chiaro: il 55% degli intervistati ritiene che Salvini abbia ragione ed anche la normativa è giusta. L’8% crede che nonostante la normativa sia sbagliata, la legge va sempre rispettata ed è per questo che si schiera con il Ministro. Poco più di un quarto (26%), invece, è d’accordo con i sindaci e crede che quando la legge è sbagliata, è legittimo non applicarla. Infine, l’ultimo dato: l’11% degli intervistati che dichiara di non sapere cosa pensare a riguardo.

 
Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.



    Pubblicità




    Pubblicità



    Palmares

    Pubblicità




    Ultimi commenti