Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Tempo Libero > Sport > Rugby: i due Big Ben

Rugby: i due Big Ben

Ospitiamo i racconti dal Sei Nazioni di rugby di Marco Pastonesi, storico inviato della Gazzetta dello Sport. 

Un Big Ben sta a Londra, gli altri due nell’Inghilterra: Ben Youngs e Ben Foden. Tutti e tre dettano il tempo. A modo loro i due giocatori, cresciuti a uova, pancetta & rugby, anche se le cose in comune si esauriscono qui.

Youngs ha 22 anni, è alto 1,78 e pesa 92 chili, Foden 26 anni, 1,83 per 93. Youngs è di Norwich, nel Norfolk, a nordest di Londra, dove tira aria di Manica. Foden è di Chester, nel Cheshire West, a nordovest di Londra, dove spunta il Galles. Youngs è stato portato al rugby da papà Nick, antico mediano di mischia del Leicester e dell’Inghilterra, insieme con il fratello Tom, tallonatore a Nottingham. Foden è stato guidato al rugby da papà Rob, buon giocatore ma bocciato a un provino con Sale, insieme con il fratello Tom. Youngs gioca mediano di mischia, anche se in Nazionale ha esordito da ala, Foden gioca estremo, anche ala o centro, ma il suo sogno è sempre stato giocare mediano di mischia.

Youngs è un ragazzo prodigio: con i Leicester Tigers a 17 anni è stato il più giovane a esordire in campionato, già in Nazionale nella Under 16, 18 e 20, poi nella Seven e nei Saxons (la seconda squadra), infine nell’Inghilterra a 20 anni, adesso è una stella mondiale per leadership e carisma. Foden è un giocatore prodigioso: selezionato nell’Under 16 e 19, poi nella rappresentativa England Counties, a 23 ha esordito in Nazionale contro l’Italia, adesso è una stella mondiale per fantasia e velocità.

Youngs è un contadino, figlio di contadini, dice di «non amare le luci della ribalta», anzi, «appena posso, torno nella fattoria della famiglia ad ascoltare il canto degli uccelli. E se può sembrare patetico, dico che è il modo migliore per ricaricarmi dopo fatica e stress». E non è tutto: la sua famiglia ha regalato un enorme terreno da trasformare in centro sportivo («Cricket, calcio o rugby: c’è bisogno di fare sport»). Foden sta con Una Healy, cantante irlandese della rock band femminile The Saturdays, insieme hanno due cani chiamati Jackson e Bono (in onore di Michael Jackson e di Bono degli U2), e frequentano feste, invadono riviste, occupano blog e Twitter. Per la cronaca: Una è all’ottavo mese di gravidanza.

Youngs è il testimone di una linea di integratori naturali al 100%, rintracciabili – come recita la pubblicità – dalle mucche fino alla tavola. Foden potrebbe essere il testimone di intimo e shampoo. Youngs non ha macchie, Foden sì: un anno fa ha passato una notte in prigione dopo aver messo le mani addosso a un tassista, alle 3 e mezzo del mattino, a Londra («Ma la punizione peggiore è stata dover telefonare ai miei allenatori per spiegare e minimizzare prima di essere sbattuto in prima pagina»). Per Youngs «le partite si vincono con la squadra, anche se chi gioca nel mio ruolo deve prendere molte decisioni e responsabilità», per Foden «gli avanti vincono le partite, ma i trequarti le decidono. Ed è quello che mi ha sempre detto anche mio padre».

Youngs è il tipo che studia il collega francese Morgan Parra («Ma per poter poi diventare me stesso») ed è capace di dirsi «sono un idiota» quando commette un errore, Foden è il tipo che prima di una partita con il Galles dichiara che «noi siamo l’Inghilterra, siamo la Regina Madre, e dobbiamo assicurarci di battere i fratellini».

Youngs e Foden si differenziano anche nello spogliatoio. Youngs racconta che «al “battesimo” dopo l’esordio sono riuscito a cantare una canzone, ma non a bere con ogni compagno». Foden confessa che «io e Ashton siamo gli Stanlio e Ollio della squadra». Youngs, finite le partite, o rimane con i compagni di squadra (dice che «il bello del rugby è stare insieme» e twitta «”Castrito”, ciccione») o sparisce dalla circolazione. Foden, anche se non ama le luci della ribalta («Non ho bisogno di tutte quelle cose insensate, io voglio parlare solo sul campo»), è costretto a convivere con paparazzi e pettegolezzi.

Questo articolo è stato pubblicato qui

Commenti all'articolo

Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità