Fermer

  • AgoraVox su Twitter
  • RSS

 Home page > Attualità > Politica > Riempire i treni di rom e spedirli ad Auschwitz. Lo dicono i (...)

Riempire i treni di rom e spedirli ad Auschwitz. Lo dicono i leghisti

Dice Maroni che la Lega Nord non è un partito razzista e che se qualche volta si sono utilizzati toni forti è accaduto per "scaldare la pancia" all'elettorato. Ebbene, a quanto pare ci sono riusciti benissimo. 

La pagina Facebook "Padani si nasce... cuore leghista" è un esempio lampante, un covo di "pance bollenti". Ieri gli amministratori hanno pubblicato una notizia di cronaca riguardante una donna rom, che avrebbe ucciso il suo cane lungo una strada. Ebbene, le "pance calde" leghiste - dimentiche tra l'altro delle migliaia di italiani che ogni estate abbandonano un animale domestico lungo le autostrade - hanno dato il meglio di loro e commentato come neanche in una caserma nazista. 

 

Secondo i commentatori, sarebbe colpa della natura violenta del popolo rom. La soluzione per alcuni di loro sarebbe riempire centinaia di treni e riaprire i campi di sterminio, oppure adoperare il Napalm come facevano gli americani in Vietnam. La donna rom colpevole del deplorevole gesto, invece, andrebbe lasciata investire da un camion o, nella migliore delle ipotesi, lasciata sbranare da un doberman.

Da notare che tra i commentatori c'è Dolores Valandro, vice coordinatrice della commissione sanità, interventi sociali e politiche giovanili del Comune di Padova: sua la chicca sul Napalm. Dello stravagante gruppo di Facebook ha parlato anche Daniele Sensi sul suo blog, L'Anticomunitarista.

Comiche le raccomandazioni della pagina Facebook Padani si Nasce...: si spiega infatti che tutto ciò che viene postato è sotto il controllo degli amministratori, i quali si dissociano da commenti incitanti la violenza e l'odio. "Questo gruppo - si legge ancora - è per chi padano lo è dentro, ha la Lega nel cuore e vuole la libertà e l'indipendenza della Padania. Noi non siamo razzisti, vogliamo solo essere padroni a casa nostra".

Non manca l'avvertimento alle "spie": "Nessuno è autorizzato a copiare le schermate dei post e a divulgarle su blog e giornali, pena la denuncia alle autorità competenti". Prendiamo atto.


 


Ti potrebbero interessare anche

Nuovo simbolo, strategia vecchia
Per non banalizzare la giornata della memoria
Il razzismo territoriale è passato dalle parole alle pallottole
Le fototessere dei pitbull - FOTO
Razzismo in Europa: gli italiani i peggiori


Commenti all'articolo

  • Di (---.---.---.107) 28 marzo 2012 00:54

    bravo, ottima denuncia !

  • Di (---.---.---.44) 28 marzo 2012 07:56

    è normale il cortocircuito tra pochezza umana e fanatismo verso gli animali.

    sempre più ricorrente.

    chi non accetta la sfida al confronto, alla gara tra uguali, si rifugia nell’amore morboso per il cane, il gatto, la tartaruga.

    il commento di quel walhalla (sic) in questo senso è esemplare: mentre auspica deportazioni chiede come sta il cane.

    più che razzismo, qui si tratta di inadeguatezza piscologica. più delle ottusità scritte mi preoccupa questa deriva: la sudditanza annunciata dalla frase "sono meglio le bestie che i cristiani".

Lasciare un commento


Sostieni AgoraVox

(Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

Un codice colorato permette di riconoscere:

  • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
  • L'autore dell'aritcolo

Se notate un bug non esitate a contattarci.



Pubblicità




Pubblicità



Palmares


Pubblicità