• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Scienza e Tecnologia > Protesta contro il SOPA, Wikipedia si oscura e il dibattito si (...)

Protesta contro il SOPA, Wikipedia si oscura e il dibattito si accende

Oggi il sito di Wikipedia, nella versione in inglese, sarà oscurato per tutto il giorno in segno di protesta contro il famigerato SOPA, una proposta di legge contro la pirateria negli Usa che determinerebbe una situazione di caos sulla rete. E il dibattito si accende. Secondo Twitter è una mossa "sciocca", ma non si riferiva a Wikipedia.

Il famigerato SOPA, ossia Stop Online Piracy Act, una proposta di legge in discussione alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti per contrastare la pirateria informatica e difendere i diritti d’autore su Internet

Mentre una proposta di legge su temi analoghi e con contenuti simili, chiamato Protect IP Act, PIPA, è stata presentata al Senato degli Stati Uniti dal senatore del Vermont Patrick Leahy, democratico, a maggio del 2011, dopo che una versione precedente della legge (nota come COICA) venne bloccata in Senato nel 2010. Se dovesse passare che conseguenze avrebbe? In pratica una volta verificata una violazione dei diritti di autore, verrebbero bloccati materiali multimediali pubblicati dagli utenti, quindi immagini e video, che vengono resi pubblici attraverso Facebook, Twitter, YouTube, Wikipedia. Inoltre, si potrebbe figurare anche un controllo preventivo, da parte dell’autorità giudiziaria che ne fa richiesta ai gestori dei siti, di tutto ciò che viene reso pubblico. E avendo la stessa autorità giudiziaria poteri molto estesi, si potrebbero verificare veri e propri casi di censura.

In buona sostanza, significa che Google, Facebook e chiunque dia la possibilità ai propri utenti di pubblicare materiale online, dovrebbe controllare nel dettaglio ogni singolo file pubblicato da un utente alla ricerca di possibili infrazioni. E questo è palesemente impossibile.

Da qui la protesta da parte di Wikipedia, che ha deciso di auto-oscurarsi per tutta la giornata, in segno di protesta. L’enciclopedia online è il sesto sito più popolare della rete e attrae 25 milioni di visitatori al giorno. A partire dalla mezzanotte la società, Wikimedia, ha ufficializzato che la sua versione in lingua inglese non era disponibile in segno di protesta contro la il SOPA e e il PIPA, i due disegni di legge contro la pirateria online. 

Wikipedia ha preso questa decisione discutendone coi propri autori, tutti d’accordo sulla decisione, ispirandosi a quanto fece il sito nella versione italiana, che oscurò il sito per tre giorni dal 4 al 6 ottobre 2011, in segno di protesta contro la “legge bavaglio”. In quell’occasione Wikipedia Italia decise autonomamente ottenendo l’avallo dal fondatore Jimmy Wales, che definito il SOPA “la peggiore legge su internet che io abbia mai visto“.

Anche Reddit, il popolare aggregatore social, chiuderà i battenti per 12 ore. Trattasi di un altro sito molto visitato negli Usa e nel mondo, capace di far registrare oltre 16 milioni di visitatori unici al mondo. Si aggiungeranno altri siti come Mozilla, BoingBoingTwitPic, Minecraft, KnowYourMeme, Destructoid.

 

dick costolo - jimmy wales su Twitter

Intanto il Guardian riporta un tweet di Dick Costolo, CEO di Twitter, che definisce la chiusura da parte di Wikipedia come silly, “sciocca”. Il fatto è che un corrispondente del Radar, un magazine di gossip, ha chiesto via twitter a Dick Costolo, Mark Zuckerberg e a Eric Schmidt di Google, cosa ne pensassero del gesto di Wikipedia. E Costolo ha risposto:

“E’ solo stupido. La chiusura di un sito globale in reazione a un argomento di politica nazionale è sciocca”.

In sostanza secondo Costolo, un sito come Wikipedia che ha versioni in tutte le lingue non può chiudere in protesta di un atto di politica nazionale. Cosa che tra l’altro, come ricordavamo prima, è gia successa. Da qui ne è nato uno scambio di tweet tra Jimmy Walse che ha chiesto un chiarimento a Costolo proprio via twitter. Lo stesso Costolo aveva affermato nei giorni scorsi di sostenere il gesto di Wikipedia. E infatti Costolo invita, come potete vedere nell’immagine dello scambio dei tweet, Wales a leggere il tweet sostenendo che la sua risposta era riferita a Twitter e non a Wikipedia. E infatti Wales si dice sicuro del sostegno di Dick Costolo e del fatto che il Guardian abbia travisato.

Comunque sia, sta di fatto che il SOPA, così come le altre norme già viste, ahinoi, anche di recente non sono la soluzione. Comprimere o addirittura negare la libertà di espressione, cosi come sostenuto anche da Obama negando il sostegno al SOPA, non sono una soluzione che andrebbe a colpire chiunque lasciando intatto e irrisolto il problema della pirateria. Si devono trovare altri modi o come dice Tim O’Reillybisogna prendere coscienza che il mondo sta cambiando e che le industrie che producono contenuti ne devono prendere atto.

E voi che ne pensate del SOPA? E’ giusto o è esagerato? Diteci la vostra!

Questo articolo è stato pubblicato qui

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares