• AgoraVox su Twitter
  • RSS
  • Agoravox Mobile

 Home page > Attualità > Mondo > Nucleare: il diritto (opzionale) ad essere informati

Nucleare: il diritto (opzionale) ad essere informati

Riportiamo una imbarazzante notizia rivelata lo scorso 8 settembre dal giornale «The Voice of Russia»

In Egitto - 6 mesi fa - si è verificato un incidente a un reattore nucleare sperimentale. Secondo i resoconti ufficiali, il reattore si è guastato ad aprile, ma non ci sono state perdite radioattive e il problema è stato subito arginato.
Così è il nucleare. Una tecnologia pericolosa anziché no, ma soprattutto un ambito nel quale l’informazione ai cittadini è sempre subordinata alla politica. Sei mesi di ritardo per avvertire il mondo che c’è stato un incidente senza perdite radioattive. E se fosse stato più grave? Forse non lo sapremmo ancora.

In Francia i livelli di Trizio nell’acqua potabile superano i livelli di guardia, ma le autorità competenti minimizzano e si decidono a informare solo quando costrette da organizzazioni indipendenti. L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) è a conoscenza di dati sanitari che non possono essere comunicati al mondo perché vietato dall’AIEA (Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica, che ha il potere di veto - incredibile, nell’era dell’informazione e su una materia tanto delicata quanto il nucleare - sui dati da pubblicare).

Se quello di informare i cittadini è un obiettivo secondario di uno Stato, ci domandiamo: quale obiettivo persegue veramente un governo che si imbarchi in una impresa nucleare? Soprattutto quando lo fa contro una volontà popolare platealmente diversa? Se veramente il nucleare è tanto sicuro, pulito e conveniente, come mai assistiamo solo a reticenze, problemi irrisolti, falsità, misconoscimento della verità?

Non ci si può fidare di una politica che (in tutto il mondo, senza eccezioni) subordina l’informazione dei cittadini alla “ragion di Stato” nucleare. Chiunque voglia fare il nucleare in Italia, oggi, non lo faccia nel mio nome.

Commenti all'articolo

  • Di Renzo Riva (---.---.---.95) 11 settembre 2010 11:25
    Renzo Riva

    Riporto quanto ha scritto il prof. Marino Mazzini
    http://www.agoravox.it/Nucleare-ci-...

    Notizie false e tendenziose!!!
    Tali sono quelle sulle conseguenze dell’incidente di Chernobyl, parlando di migliaia di casi di morti per cancro e leucemia fra gli abitanti delle zonecircostanti. Questo contrasta in pieno con le affermazioni della WMO e dell’UNSCEAR, che invece dichiarano che non si sono avuti casi statisticamente accertabili, neanche fra gli evacuati di Chernobyl e dintorni e fra i liquidatori (in tutto circa 100000 persone che hanno ricevuto una dose media di circa 0,5 Sievert) e fra i quali si sarebbero dovuti verificare centinaia di casi di leucemia (quasi un raddoppio dell’incidenza naturale) a partire da 2 anni dopo l’incidente, con un picco intorno ai 10 anni ed una coda estesa fino a circa 20 anni dall’incidente (come avvenne fra i sopravvissuti di Hiroscima e Nagasaki, che ricevettero dosi analoghe, ma quasi istantanee, invece che diluite in settimane o mesi). In realtà non si è riscontrato alcun aumento statisticamente significativo delle leucemie fra queste 100000 persone!

    Prof. Marino Mazzini Full Professor of Nuclear Safety Department of Mechanical, Nuclear and Production Engineering University of Pisa Largo Lazzarino, 2 56126 PISA (Italy) Tel.: +39 0502218058; Fax.: +39 0502218065; Cell.: +39 3204355973

    mailto:mazzini@ing.unipi.it

    The YouNuclear Website: http://younuclear.ing.unipi.it


    ==========================================

    Ricordo che il dott. Umberto Tirelli
    http://www.umbertotirelli.it/

    Direttore del Dipartimento di Oncologia Medica
    e PrimarioDivisione di Oncologia Medica A
    Centro di Riferimento Oncologico, Istituto Nazionale Tumori di Aviano (Pordenone)

    esprime le stesse valutazioni del prof. Mazzini per non parlare poi del Dr. Veronesi.

    Dr. Calabrò,
    Lei conosce, attraverso la laurea in scienza della comunicazione da lei conseguita, come manipolare le informazioni per ottenere lo scopo che si è prefissato.
    Questo però non le gioverà come non ha giovato ai "Verdastri" che sono campati alla grande con il terrorismo mediatico ecocatastrofista e che oggi sono stati messi a dieta da quelli che, terrorizzati, un tempo li votavano e oggi li hanno estrimessi dal parlamento affinché non facessero ancora danni.

    Potrete ingannare tutti per un po’, potrete ingannare qualcuno per sempre, ma non potrete ingannare tutti per sempre (Lincoln)
  • Di (---.---.---.103) 11 settembre 2010 12:32

    Il nocciolo della questione, a mio parere è che senza valutazioni comparative è possibile DEMONIZZARE qualunque attività umana. Leggo in questi giorni che una fuga di gas ha mandato a fuoco un intero quartiere a Los Angeles con 6 morti. A casa nostra ogni tanto esplode una palazzina per una fuga di gas accidentale o perché un aspirante suicida ignora che il metano è asfissiante ma non letale come lo era l’ossido di carbonio che abbiamo usato in cucina per decenni... Difficile trovare altrettanti morti attribuibili all’uso pacifico dell’energia nucleare, un uso considerato vantaggioso da esperti di ogni paese del modo, a regime capitalista quanto ad ideologia comunista. Per lei dunque i delinquenti a favore del nucleare sono innumerevoli, occupano posizione di comando in tantissimi Stati del mondo e sono, in pratica, efferati assassini: americani, francesi, russi, cinesi giapponesi, egiziani etc... Viceversa il problema mondiale, a parer mio, è la disonestà di millantati esperti ( o di dichiarati inesperti orgogliosamente immuni da conoscenze sataniche) che, arraffando ed usando dati criticabili o anche validi ma da leggere in modo competente, urlano il loro "crucifige" come la folla che preferiva Barabba. Scelta insolitamente democratica fu quella di 2000 anni fa e democratica sarebbe forse quella sostenuta da lei ( vade retro Nucleare !) se lei trovasse molta gente disposta a darle credito. Ma avrebbero ragione? Farebbero veramente il loro bene ? Non sarebbe una masochistica auto_castrazione di massa ? Alla lunga un suicidio collettivo ? 

    • Di Paolo Calabrò (---.---.---.133) 11 settembre 2010 13:51
      Paolo Calabrò

      Gentile lettore,
      trovo la Sua impostazione singolarmente corretta (non accade spesso). Sono con Lei, per la verità. Quindi: diciamo che io non so niente di complotti ultrastatali e internazionali; la domanda è semplicemente: perché col nucleare le notizie vengono sistematicamente nascoste, mentre quelle sulle fughe di gas si vengono a sapere subito? Converrà con me che, evidentemente, c’è una differenza nella pericolosità, e di conseguenza nel modo di trattarle. Io sono per la verità: quelle che riporto e che commento sono notizie di cui vengo a conoscenza tramite i giornali: se poi pensiamo che «The Voice of Russia» menta apposta (e con esso tutti gli altri che spesso mi trovo a citare), allora è un altro discorso. Ma - Le ripeto: le teorie della cospirazione globale non sono il mio genere.
      Ove poi si trattasse, appunto, di valutare più obiettivamente certi fatti, ben vengano il dubbio, la critica, perfino la confutazione: se il nucleare fa bene alla salute e costa meno... chi vorrebbe privarsene? Sarei il primo a voler farmi furbo.
      Grazie per l’attenzione

      p.s. Ho scritto una ventina di articoli sull’argomento: possibile che non ci sia niente di vero?

  • Di (---.---.---.4) 11 settembre 2010 13:43

    Non vedo la notizia. Dove stà il "GRANDE PROBLEMA"?
    Al di là delle fanfare mediatiche, di psico-verdi allarmisti, il mondo si stà indirizzando verso il nucleare. Dall’America all’Oriente passando per l’Europa.
     
    Il motivo è semplicissimo, il petrolio stà finendo, le energie alternative da chimera si son rivelate una "eco-TRUFFA".

    Truffa gestita da chi avversa politicamente il nucleare, truffa ideologica e destinata a essere presto smascherata. Truffa collegata alla bugia del riscaldamento globale, all’ inutile quindi, contenimento, vendita e intrallazzi, delle emissioni di CO2.

    Le stesse società, che operano nel rinnovabile, spesso sono strettamente correlate con i vertici di associazioni pseudo-ambientaliste, utilizzate come grancassa di risonanza per azioni di disturbo e di indirizzamento.

    Ecco "questa" è una notizia. Lei che è laureato in comunicazione, lo "COMUNICHI".

    Faccia sapere che le centrali a carbone, attualmente in costruzione con il bene placido di qqueste associazioni, sono per "legge" autorizzate ad INQUINARE RADIOLOGICAMENTE QUINDICI VOLTE TANTO UNA CENTRALE NUCLEARE.

    Lei è comunicatore? Lo "COMUNICHI"!

    http://www.google.it/url?sa=t&source=web&cd=5&ved=0CCoQFjAE&url=http%3A%2F%2Fwww.strill.it%2Findex.php%3Foption%3Dcom_content%26task%3Dview%26id%3D18778%26Itemid%3D118&ei=GWaLTMawEtDIswbs_LjjAQ&usg=AFQjCNFW_WFH3YAMgc1wcImmB5ZLFBafaQ&sig2=knTZcZDx_M_QUOntHfiL6g

    Questo leggo:
    "... maggiore esposizione alle radiazioni, rispetto alla radioattività naturale di fondo, sia fra i lavoratori delle centrali a carbone, sia fra gli abitanti intorno alle centrali a carbone, pari a 100-150 microSv/anno, che corrisponde a valori di esposizione fino a 15 volte superiori rispetto ai limiti di legge previsti per gli abitanti intorno ad insediamenti nucleari .."

    Bene.
     Una centrale nucleare non emette CO2, per chi crede nel riscaldamento globale, nella relativa idiozia del contenimento della CO2 sarà una buona notizia.
    Lo comunichi.

    Cordialmente.

    PIERO IANNELLI
     — Segretario XI Municipio. ROMA “ La Destra ”—
     —“Resp. Per le aree tutelate e vincolate”—
     — pieroiannelli@gmail.com -– N”.Cell.3398513962

  • Di Paolo Calabrò (---.---.---.133) 11 settembre 2010 14:22
    Paolo Calabrò

    Comunico ufficialmente, ai lettori di questo giornale, di essere laureato in scienze dell’informazione (informatica) e NON in scienze della comunicazione. Anche se l’avevo già fatto.

    Io la notizia la vedo: se nel mio palazzo ci fosse una fuga di metano, senza incidenti, vorrei saperlo subito, non dopo 6 mesi. E se le autorità me lo comunicassero dopo 6 mesi, mi chiederei: perché me lo hanno nascosto? Qual è il motivo? Perché la domanda resta inevasa: come mai le autorità egiziane lo hanno rivelato dopo 6 mesi? E noi: riconosciamo all’autorità il potere di nascondere cose come questa per 6 mesi? Credo che il nodo sia qui.

  • Di Renzo Riva (---.---.---.95) 11 settembre 2010 19:03
    Renzo Riva

    COMUNICATO STAMPA

    Solo inchiodando gli ignoranti alle loro “amenità” si può sconfiggere la disinformazione. Il Cirn rifiuta sterili posizioni aventiniane.

    Il Sottosegretario Guido Bertolaso e il Professor Enzo Boschi insorgono contro le idiozie di quei moderni stregoni che trovano cassa di risonanza in certa nostrana stampa incompetente ed ideologizzata, che propala solo talebana disinformazione. La soluzione non è però quella aventiniana dell’oscuramento della corretta informazione istituzionale, ma quella di replicare e controbattere con ogni mezzo questo deprecabile atteggiamento che attraverso la diffusione di notizie false, tendenziosamente spacciate per scienza alternativa o per informazione non allineata tanto danno hanno causato e causano all’Italia.

     

     (Roma 11 settembre 2010 ) - Il Comitato Italiano per il Rilancio del Nucleare prende atto con soddisfazione che anche a livello istituzionale comincia ad esserci insofferenza per il modo con cui degli incompetenti ideologizzati, ma con l’etichetta di giornalista, diffondono idiozie spesso anche strumentali in materia di informazione scientifica.

    Ci riferiamo alla presa di posizione del Sottosegretario Guido Bertolaso e del Professor Enzo Boschi riguardo alle immaginifiche, ma false, argomentazioni di improvvisati cultori della materia, amplificate da una irresponsabile stampa incompetente ed ideologizzata, che hanno portato ad un tale grado di manipolazione dell’opinione pubblica che persino la Magistratura ne è stata influenzata, con la conseguenza che ha aperto un fascicolo per la mancata previsione del terremoto del 6 aprile 2009 , invece di indagare per verificare se sussistesse l’ipotesi della fattispecie della diffusione di notizie false, tendenziose, atte a turbare l’ordine pubblico oltre che tali da ingenerare ingiustificato allarme nella popolazione, dal momento che l’impossibilità di prevedere i terremoti è un assunto scientifico incontrovertibile. Anche i cosiddetti “segni premonitori” risultano infatti tali solo a posteriori, nel senso che molto spesso vengono riscontrati senza che faccia seguito alcun fenomeno neppure di lieve entità. In altre circostanze i fenomeni catastrofici si verificano senza che si sia verificato nessuno di quei segnali non correttamente definiti premonitori.

    Non a caso anche il terremoto del 6 aprile 2009 è stato previsto a posteriori dal momento che l’allarme spurio era stato dato per una diversa località, non per quella dove poi si è effettivamente verificato. È infatti ipotizzabile che i più elevati livelli di radon che sarebbero stati riscontrati fossero dovuti ad effetto strizione (spremitura) nel particolare sito a seguito di un precedente effetto sismico locale, piuttosto che a reali segni di un futuro evento, per giunta in altro sito. Quisquiglie. È il sole che gira intorno alla terra. In base a questa verità di fede Galileo venne condannato.

    «La responsabilità pregressa di questo stato di cose - afferma Giorgio Prinzi, Segretario del Comitato Italiano per il Rilancio del Nucleare - è anche e soprattutto di noi tecnici, in particolare di quelli che, occupando posizioni “delicate” di rilievo, sono più attenti alle sottigliezze diplomatiche ed agli equilibrismi nelle prese di posizioni in modo da non mettere a repentaglio il loro spesso anche ben remunerato incarico, e per questo evitano dichiarazioni chiare, nette ed inequivocabili. Saranno pure ingegneri o uomini di scienza, ma se serve a salvaguardare la poltrona divengono anche loro sostenitori del “creativo” concetto di convergenza delle rette parallele».

    «Per queste ragioni - prosegue il Segretario del Cirn - rifiutiamo l’ipotesi di uno sciopero bianco dell’informazione primaria e, al contrario, fortemente reclamiamo un’azione di contrasto con tutti i mezzi possibili all’informazione spazzatura, al pontificare di maghi e stregoni ai quali in passato abbiamo in senso collettivo lasciato campo libero, non contrastandoli adeguatamente. L’incompetenza degli operatori dell’informazione ha solo reso parossistica questa nostra vigliacca “diplomazia”, ai cui effetti devastanti oggi è difficile porre riparo».

    Certo, la quasi totalità dei giornalisti professionisti non ha preparazione tecnica e scientifica, ma certe idiozie che anche in questi giorni leggiamo in cronaca presuppongono una intenzionale confezione da parte di esperti in materia. Si ha l’impressione che vengano confezionate ad arte da persone esperte sia nella materia trattata che in manipolazione dell’informazione in modo da renderle allettanti per ideologizzati incompetenti, disposti ad accettarle acriticamente come verità di fede e farne oggetto, in quanto tali, di evangelizzazione delle masse.

    Oggi però vogliamo porre l’enfasi sulla responsabilità dell’informazione primaria a monte e in questo spirito segnaliamo un lancio Ansa (http://www.ansa.it/web/notizie/canali/energiaeambiente/rinnovabili/2010/09/ 08/visualizza_new.html_1785319424.html) in cui le grandezze specifiche e le relative unità di misura sono correttamente citate. Non volevamo crederci. Una imperfezione nello scrivere “Mwp” (megawatt di picco) in luogo di “MWp” perché i simboli che indicano grandezze derivanti da nome proprio (Watt) vanno per convenzione riportati in maiuscolo, anche se la singola grandezza scritta per esteso (watt) ha l’iniziale minuscola. Il cronista che ha commesso l’errore non sarà certo stato ammonito per questo (ammesso che qualcuno in redazione se ne sia accorto), semmai sarà stato licenziato in tronco perché indegno dell’ignoranza generalizzata tra i suoi colleghi che in genere scrivono in materia facendo confusione tra chilowatt e chilowattora. Scusateci, non siamo riusciti a frenarci dalla battuta.

    Renzo Riva, Referente Cirn per il Friuli Venezia Giulia, segnala, attraverso comunicazioni interne, una lettera a firma del professor Carlo Cerofolini, pubblicata giorno 7 settembre a pagina 27 del quotidiano “Libero” e un dibattito telematico (http://www.lavoce.info/commenti/281...) a commento di un articolo

    http://www.lavoce.info/articoli/-en...

    a firma di Giorgio Ragazzi sulla bufala delle fonti di energia cosiddette rinnovabili. Notiamo più volte la firma di Rinaldo Sorgenti, che riteniamo essere il Vicepresidente di Assocarboni, molto attivo nel difficilissimo sforzo di diffondere corretta informazione.

    Anche per questi motivi abbiamo proposto e sosteniamo come candidato alla Presidenza della costituenda Agenzia per la Sicurezza Nucleare l’ingegnere Marino Mazzini, Full Professor of Nuclear Safety Department of Mechanical, Nuclear and Production Engineering University of Pisa, che, oltre avere competenza e professionalità notevoli, ha il pregio di “cantarla per le rime” a chi se lo merita. Naturalmente anche lui viene considerato dalla stampa ideologizzata un eretico, almeno da ignorare e passare sotto silenzio visto che la condanna al rogo non può essergli comminata dal momento che la pena di morte è stata abolita e, soprattutto, perché la pratica sarebbe altamente inquinante. E se poi il professor Mazzini, vista la sua attività, fosse anche pericolosamente radioattivo? Meglio allora stargli e tenerlo alla larga.

    «Da noi - commenta sarcasticamente l’ingegner Giusto Buroni del Cirn Lombardia - si cerca invece un oncologo da mettere alla testa dell’Agenzia per curare il cancro che “gli esperti” prevedono verrà agli Italiani al solo sentir pronunciare la parola “nucleare”».

    Bene, anzi male. Perché male, peggio malissimo? Perché la stampa sanfedista, quella che si comporta come i giudici del Santo Uffizio e che condanna per verità ideologica quanti esprimono opinioni diverse da quelle talebane ecoambientaliste, censura e discrimina, contro ogni regola deontologica e contro i principi stessi di una stampa libera e democratica in presunta difesa dei quali assistiamo a frequenti “imbavagliamenti” di protesta, al contrario non si vergogna di a sua volta sistematicamente imbavagliare gli eretici, quei “cani infedeli” che giudicano le rinnovabili un cancro da estirpare al più presto perché pernicioso per il sistema elettrico e per la sopravvivenza di una sana economia. Avviene pertanto che mentre vengono riprese le frottole di Ermete Realacci che definisce una frottola il benefico influsso sul costo finale del chilowattora ottenibile con la ripartenza del nucleare, passerà sotto silenzio - almeno così ha fatto sino ad oggi - le repliche di chi, come noi, contesta queste affermazioni accreditate dalla stampa ideologizzata.

    «Ermete Realacci e quanti riportano la sue dichiarazioni - sostiene l’ingegner Giorgio Prinzi - fingono di ignorare, ma fuori dalla realtà come sono potrebbero ignorarlo davvero, che il cancro delle tanto decantate fonti alternative trova brodo di coltura solo sulle generosissime regalie che gravano in bolletta, tanto che per accaparrarsele si sarebbero in taluni casi, come ipotizzato dalla Magistratura, mossi persino interessi mafiosi e piduisti. Ed ancora, sempre in bolletta paghiamo i costi dell’abortita opzione nucleare, che non avendo prodotto e non avendo come da norma accantonato il capitale necessario ai costi finali, ora grava anch’esso in modo spurio ed aggiuntivo sul costo in bolletta già pesantemente penalizzato dal cancro delle rinnovabili. La responsabilità dei Realacci ed ecoambientalisti vari è gigantesca, ma la stampa ideologizzata che li sostiene finge di non accorgersene. Vergogna! Ma ne saranno capaci?»

    Il Comitato Italiano per il Rilancio del Nucleare coglie l’occasione per richiamare quanti, come “Fare Ambiente” e il suo Presidente Vincenzo Pepe, assumono posizioni “diplomatiche”, e, fingendo di ignorare che le fonti alternative sono un cancro per il sistema, affermano che esse possono convivere con le altre opzioni, nucleare compresa di cui peraltro si dicono e sembrano convinti sostenitori. Certo, il professor Pepe ha in questo modo sforato il bavaglio della stampa ideologizzata, come avvenuto in un’altra recente occasione in cui ha approvato, sia pure con illusione di portarla su posizioni filonucleare, un’azione di Green Peace presso una piattaforma petrolifera nell’Artico. La nostra coerente posizione, il non strizzare compiacenti l’occhio a Green Peace e a consimilari sodalizi ci relega invece alla morte civile. Certa stampa non ci riprende. Semplicemente ci ignora.

    «Caro professor Pepe - puntualizza il Segretario del Cirn
     in questo modo e con questo illusorio approccio “diplomatico” si fa solo il gioco degli ecoambientalisti antinucleari. Le posizioni possibiliste, che non evidenziano il danno che le rinnovabili provocano, traggono in inganno la già manipolata e disorientata opinione pubblica, che è stata turlupinata e crede in esse. Per noi, invece, chiunque si schieri contro la ripartenza del nucleare è un pericoloso demagogo con cui non è assolutamente possibile avere nulla da spartire, neppure come approccio diplomatico, che alla prova dei fatti si traduce in arrendevolezza. Pazienza, continueremo a subire il “democratico” bavaglio impostoci. A Lei complimenti per avere in questo modo avuto spazio in cronaca».


    RECAPITI CIRN

    Comitato Italiano per il Rilancio del Nucleare

    06.7049.6222 
      339.12.67.704

    com-nuc.segreteria@libero.it

Lasciare un commento




    Sostieni AgoraVox

    (Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.)

    Attenzione: questo forum è uno spazio di dibattito civile che ha per obiettivo la crescita dell'articolo. Non esitate a segnalare gli abusi cliccando sul link in fondo ai commenti per segnalare qualsiai contenuto diffamatorio, ingiurioso, promozionale, razzista... Affinché sia soppresso nel minor tempo possibile.

    Sappiate anche che alcune informazioni sulla vostra connessione (come quelle sul vostro IP) saranno memorizzate e in parte pubblicate.

    I 5 commenti che ricevono più voti appariranno direttamente sotto l'articolo nello spazio I commenti migliori

    Un codice colorato permette di riconoscere:

    • I reporter che hanno già pubblicato un articolo
    • L'autore dell'aritcolo

    Se notate un bug non esitate a contattarci.








    Palmares